Poster un message

En réponse à :
MESSICO, STATI UNITI : FEBBRE SUINA. OMS : IL VIRUS PUO’ DIVENTARE MOLTO PERICOLOSO... VERSO MASSIMO LIVELLO DI ALLARME.

PESTE SUINA. Una nuova variante sconosciuta del virus animale si starebbe trasmettendo da uomo a uomo mietendo vittime.

Allarme febbre suina. Domande e risposte : alcune informazioni utili agli abitanti delle zone colpite dal virus , a cura del Centro per la prevenzione.
lundi 27 avril 2009 par Federico La Sala
[...] Che cos’ è l’influenza suina ?
La “febbre suina” è un problema respiratorio tipico dei maiali causato da un tipo particolare di virus influenzale (tipo A). Episodi di questa malattia sono piuttosto frequenti tra i suini, Le persone normalmente non vengono contagiate ma un’infezione di questo tipo è comunque possibile. Le probabilità di contrarre la malattia sono più alte nel caso di persone che lavorano a contatto stretto con gli animali ma, dopo il primo malato, il virus (...)

En réponse à :

> PESTE SUINA. --- Cresce l’allarme in Europa per la nuova influenza A H1N1 ma resta fermo al cinque l’allerta dell’Oms.

samedi 2 mai 2009

Ansa » 2009-05-02 09:08

NUOVA INFLUENZA : OMS, VACCINO EFFICACE E’ POSSIBILE

GINEVRA - L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ritiene che entro 4-6 mesi potrebbero essere disponibili le prime dosi di vaccino per proteggere la gente contro la nuova influenza A(H1N1). Il vaccino usato contro l’influenza stagionale non sembra efficace contro la nuova influenza (la cosidetta influenza da suini), ha detto in una conferenza stampa telefonica Marie-Paule Kieny, direttrice per la ricerca sui vaccini presso l’Oms. Ma l’esperienza e le capacità ci sono e non c’e dubbio sulla possibilità di produrre un vaccino efficace entro un ragionevole periodo di tempo. Servono almeno 4-6 mesi. Infatti - ha spiegato l’esperta dell’Oms - ci sono tappe da rispettare, perché vogliamo un prodotto sicuro.


Cresce l’allarme in Europa per la nuova influenza A H1N1 ma resta fermo al cinque l’allerta dell’Oms. I casi registrati, sospetti o accertati, non sono ancora in numero particolarmente elevato rispetto al all’America, ma due contagi avvenuti direttamente nel vecchio continente (uno in Germania di un’infermiera che non è stata in Messico e un altro caso di contagio sul territorio della Gran Bretagna), che aveva preoccupato gli esperti, non hanno fatto aumentare il livello dell’allerta da quello attuale, il cinque, al livello sei, il massimo nella scala dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Intanto nessun caso confermato in Italia e questa mattina l’Oms ha diffuso un bilancio che vede 331 casi confermati in 11 Paesi e 10 morti.

Sarà possibile ottenere, sostiene anche l’Organizzazione, un vaccino efficace nell’arco di pochi mesi. Casi sospetti sono stati registrati in Russia. La situazione in Messico resta delicata : 343 è il numero dei ricoverati, e il numero dei decessi sale a quindici, secondo il bilancio diffuso dal ministro della Sanità messicano José Angel Cordova. Il virus, ha però spiegato il ministro, non è così aggressivo come si temeva. Gli Stati Uniti hanno un totale di 141 casi accertati di nuova influenza localizzati in 19 Stati diversi, ha annunciato oggi un portavoce del Centro di Atlanta per il Controllo delle epidemie. Si tratta di un aumento rispetto a ieri quando i casi accertati erano 109 diffusi in 11 Stati diversi. La Continental Airlines ha dimezzato temporaneamente i voli verso il Messico In Canada i casi accertati sono saliti a 35. Primo caso accertato anche in Asia : a Hong Kong è stato portato in ospedale un cittadino messicano proveniente da Shanghai. Negativo l’unico caso sospetto in Giappone.

In Israele sono stati dimessi oggi, perché ormai del tutto sani, i due israeliani ricoverati nei giorni scorsi perché colpiti da influenza dopo essere rientrati da viaggi in Messico.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :