Poster un message

En réponse à :
FEBBRE SUINA : ALLARME OMS, A QUOTA 5 ....

PESTE SUINA : PER L’OMS, POSSIBILE PANDEMIA. Secondo l’OIE, l’organizzazione mondiale della salute animale, gli allevamenti di maiali non sono responsabili.

Le fasi di allerta dell’Oms. I sei gradi di allerta corrispondenti alle fasi di sviluppo di una pandemia (scheda).
mardi 28 avril 2009 par Federico La Sala
[...] L’ultimo aggiornamento fornito dalla Commissione europea , diffuso prima dell’annuncio sugli ultimi casi accertati, riferisce di 10 casi in Spagna, 5 in Gran Bretagna, 3 in Germania e 1 in Austria. "Tutti questi casi hanno alle spalle un viaggio in Messico, tranne un caso spagnolo in cui la trasmissione Ŕ avvenuta all’interno della famiglia" si legge in una nota. Il Centro europeo di controllo e monitoraggio "continua a monitorare da vicino la situazione", spiega ancora Bruxelles (...)

En réponse à :

> PESTE SUINA : PER L’OMS, POSSIBILE PANDEMIA. --- "Influenza A, no al rinvio delle scuole".

lundi 31 août 2009

La Stampa, 31/8/2009 (13:7)

"Influenza A, no al rinvio delle scuole"

I pedriatri : « Solo chiusure mirate ». Domani tavolo tecnico al Ministero

ROMA A pochi giorni dall’avvio dell’anno scolastico sembra tramontare l’ipotesi di un’eventuale chiusura degli istituti a causa della pandemia dell’Influenza A.

I pediatri frenano sulla richiesta di un rinvio generalizzato dell’inizio delle lezioni. Meglio - precisa il presidente la Federazione italiana dei medici pediatri Giuseppe Mele - prevedere l’eventuale chiusura di uno o pi¨ istituti, come peraltro invita a fare l’Organizzazione mondiale della sanitÓ, nel momento in cui si debba intervenire in comunitÓ di tipo "chiuso", come appunto una scuola, per circoscrivere un’eventuale diffusione infettiva. « La Fimp - dichiara Mele - ha semplicemente affermato di condividere questa come le altre raccomandazioni dell’Oms, ma non ha mai chiesto che l’apertura dell’anno scolastico nel nostro Paese venga posticipata ».

L’ipotesi di slittamento dell’inizio della scuola era stata respinta ieri anche dal ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini : « Al momento non Ŕ previsto nessun rinvio dell’apertura dell’anno scolastico - spiega - in quanto in Italia attualmente non ci sono le condizioni perchŔ si renda necessario un provvedimento di questo tipo ». Per Gelmini, comunque, « Ŕ importante non sottovalutare la situazione e proseguire nel continuo confronto anche con gli altri Paesi Europei ». Una posizione che era stata ribadita anche dal viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, secondo cui la chiusura « Ŕ una ipotesi alla studio e rientrano nel piano pandemico nazionale, per˛ al momento non riteniamo di doverle mettere in atto ». Per Gianni Rezza, virologo dell’Istituto superiore di sanitÓ, « si dovrÓ valutare caso per caso e se necessario chiudere una singola scuola » perchŔ un provvedimento generalizzato non Ŕ necessario.

La decisione sul da farsi verrÓ poresa domani nella riunione del Tavolo permanente presso il Ministero del Welfare. Non Ŕ la prima volta che in Italia si apre un dibattito su questo tema. Il 22 maggio scorso, a Roma, fuori chiusi due istituti superiori su disposizione dal ministero della Salute. La decisione fu presa dopo che otto studenti, rientrati da un viaggio Usa, erano risultati positivi al test per l’A/H1N1. In quel caso si tratt˛ di una iniziativa, spieg˛ il ministro Gelmini, « presa a scopo precauzionale per evitare possibili rischi per i ragazzi ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :