Poster un message

En réponse à :
"VINCERE". Il film di Marco Bellocchio sarà presentato a Cannes. Racconta un duce inedito. Di una donna perseguitata e del figlio Benito Albino

MUSSOLINI, IDA DALSER, E BENITO ALBINO MUSSOLINI : UNA TRAGEDIA ITALIANA. Sul film di Marco Bellocchio, una nota di Michele Anselmi, un’intervista al regista di Aldo Cazzullo, e una nota di Malcom Pagani - a cura di pfls

Ida fu sua moglie, sempre. « Accusò il fratello Arnaldo ». Lo stesso che sulla Gazzetta Ufficiale mutò l’identità di Albino « Gli fece assumere un altro cognome. Cambiò la vita di una persona e quella di una nazione ».
jeudi 7 mai 2009 par Federico La Sala
[...] Racconta Bellocchio che il finale è cambiato rispetto al progetto. « Pensa­vo di chiudere il film con una scena am­bientata dopo la Liberazione : il cogna­to di Ida Riccardo Paicher, l’uomo che non aveva saputo difenderla, esce da un cinema richiamato dalle sirene del­la polizia, assiste agli scontri di un cor­teo politico con le bandiere rosse e tut­to, e soccorre una ragazza ferita. Poi mi sono detto che il film non meritava un finale consolatorio. È una tragedia, e così deve finire » (...)

En réponse à :

> MADDALENA SANTORO. Un’intellettuale salentina. La donna segreta di Arnaldo, fratello del duce (di Emanuela Carucci)

mercredi 27 juillet 2016


La donna segreta di Arnaldo Mussolini

Un libro racconta la sua relazione col fratello del Duce. Attraverso le lettere spedite a un’amica lo spaccato dell’ascesa del fascismo in Italia dal punto di vista femminile

Fu la donna di Arnaldo Mussolini, l’adorato fratello del duce e oggi la sua figura riemerge grazie a un libro : -Maddalena Santoro e Arnaldo Mussolini : la storia d’amore che il duce voleva cancellare. Pubblicato dalle edizioni del Sud.

di Emanuela Carucci *

Maddalena Santoro non fu solo vicina ad Arnaldo, ascoltatissimo fratello di Benito Mussolini, che guidò, per certi versi, l’ascesa del capo del fascismo e le scelte politiche, fu direttore del Popolo d’Italia e responsabile della scuola di mistica fascista. Santoro fu anche una importante figura intellettuale nel panorama pugliese del primo novecento e nel libro di Nicola Fanizza vengono messe in luce le sue qualità raccontando il carteggio intercorso tra la donna e l’amica Caterina Tanzarella, ostunese, coetanea e compagna di liceo.

Nelle missive che le due donne si scambiarono emergono non solo le storie delle rispettive famiglie, ma anche l’ascesa come scrittrice di Maddalena Santoro e il suo impegno tutto al femminile per l’emancipazione culturale della donna. Questa sua inclinazione sarà premiata con un posto da redattrice nella casa editrice Alpes, la stessa che Arnaldo Mussolini rilevò e che pubblicherà il primo romanzo di Alberto Moravia, "Gli Indifferenti".

Santoro rivela all’amica l’intreccio che la lega ad Arnaldo Mussolini, ma la storia d’amore vivrà periodi difficili e tormentati. Arnaldo Mussolini era già sposato e padre di tre figli. Fino alla morte prematura del fratello del duce, nel 1931. Dopo la morte di Arnaldo,

Maddalena Santoro fu sottoposta a un regime di ferreo controllo da parte della polizia politica fascista. Questo contribuì non poco ad acuire il dolore già vivo dopo la scomparsa di Arnaldo. Santoro continuerà a scrivere novelle e articoli fino a poco prima della morte. Si spense per una grave malattia nel 1944.

* Il Giornale, 26/07/2016


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :