Inviare un messaggio

In risposta a:
IL SONNO DELLA RAGIONE EVANGELICA E COSTITUZIONALE GENERA MOSTRI. "MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO E CRISTIANO" (Padre Alex Zanotelli)

IL PACCHETTO PROPAGANDA-SICUREZZA E I PRINCIPI EVANGELICI E COSTITUZIONALI. CORRERE AI RIPARI, IN SENATO: NON E’ MAI TROPPO TARDI. Un editoriale di "Famiglia Cristiana" - a cura di Federico La Sala

Perché l’Italia, da sempre considerata la culla del diritto e della civiltà giuridica, Paese di profonde radici cristiane, antepone qualsiasi esigenza di sicurezza (vera o fittizia) ai diritti inalienabili dell’uomo?
giovedì 21 maggio 2009 di Federico La Sala
[...] L’auspicio è che i senatori, nell’esaminare il testo che ora approda a Palazzo Madama, siano più lungimiranti dei loro colleghi di Montecitorio, e tengano presenti le osservazioni dell’Onu, togliendo il sigillo xenofobo che una minoranza politica ha imposto al Paese [...]
"MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO E CRISTIANO" (A. Z.).
CONTRO LA XENOFOBIA ITALIANA, L’APPELLO E LA DENUNCIA DI PADRE ALEX ZANOTELLI. Non possiamo stare zitti, dobbiamo parlare, gridare, urlare. E’ in ballo il futuro (...)

In risposta a:

> IL PACCHETTO PROPAGANDA-SICUREZZA E I PRINCIPI EVANGELICI E COSTITUZIONALI. --- Giornata mondiale per il Rifugiato... «Permessi di soggiorno. In nome di Dio». Sarà così in tutta Italia il prossimo 20 giugno (di Roberto Monteforte).

venerdì 22 maggio 2009

Immigrazione, «permessi di soggiorno in nome di Dio»

di Roberto Monteforte *

«Permessi di soggiorno. In nome di Dio». Sarà così in tutta Italia il prossimo 20 giugno. Data importante e non casuale: è la Giornata mondiale per il Rifugiato. Si mobilitano contro «il pacchetto sicurezza» le associazioni cattoliche e non solo, i movimenti, i singoli, i missionari, istituzioni pubbliche, enti locali e molte realtà impegnate nel sociale sul terreno difficile dell’immigrazione.

Da apri pista vi sono i padri comboniani di Castelvolturno che con i padri «Sacramentini» di Caserta, l’associazione «Beati costruttori di Pace» e le riviste missionarie, sono in prima fila nella denuncia delle scelte discriminatorie e xenofobe contro i migranti. «L’iniziativa però - lo assicura padre Giorgio Poletti, tra gli organizzatori - è a rete. Non vi sono primogeniture. Siamo aperti al contributo di tutti. Ciascuno modulerà l’iniziativa secondo le situazioni e gli interessi particolari presenti sul proprio territorio».

La «rete» si muove. Si stanno raccogliendo le adesioni e arrivano le prime disponibilità da Venezia, Rovigo, Modena, Firenze, Bologna, Genova, Verona, Vicenza, Caserta per l’appuntamento del prossimo 20 giugno. Saranno diverse le motivazioni che spingeranno gli organizzatori a consegnare «il permesso di soggiorno» - quasi identico a quello "ufficiale" rilasciato dal Ministero dell’Interno - a chi è considerato irregolare. Porterà la dicitura «Ministero del Cielo». Ma la motivazione è comune. «Con questa azione vogliamo dire il nostro no alle attuali politiche sull’immigrazione - spiega padre Giorgio -. È questa un’azione che parte dal diritto di ogni persona ad esistere, ad essere rispettata nella sua umanità, nella sua ricerca di vita democratica e libertà. Il diritto a costruire un futuro per se e per i propri figli. Oggi questo mondo chiede, e noi che ci consideriamo colti e civilizzati siamo chiamati a rispondere, di rispettare quei valori che da anni proclamiamo».

Il padre missionario invita tutti i gruppi a «contattare» le autorità locali, a cercare un confronto. La macchina organizzativa è partita. «L’entusiasmo e l’adesione trovata è uno stimolo a realizzare questa manifestazione come momento di presa di posizione decisa contro le disposizioni governative espresse nel pacchetto sicurezza. È l’inizio di un lavoro di ricerca e di confronto a tutti i livelli dove tutti noi, associazioni e movimenti, siamo coinvolti e impegnati collettivamente».

Alla domanda sul perché questa manifestazione «In nome di Dio», il padre missionario risponde. «Riteniamo che in una società come la nostra frazionata, divisa in molti modi in cui il nome di Dio viene usato in mille modi, spesso per interessi politici ed economici, noi crediamo che Dio stia dalla parte dei più deboli e indifesi». Di sicuro vi è che di motivi per protestare il «pacchetto sicurezza» ne offre molti.

* l’Unità, 22 maggio 2009


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: