Inviare un messaggio

In risposta a:
Gay Pride 2009 - Roma, 13 giugno ... Ricordiamoci che nel 2011 a Roma ci sarà l’Europride.

ROMA PRIDE 2009, NEL NOME DEL "PAPI DELLA PATRIA". Il carro di Villa Certosa in testa al corteo. Un articolo di Mariagrazia Gerina - a cura di Federico La Sala

La partenza è prevista da piazza della Repubblica. Si proseguirà poi lungo la via Cavour per imboccare la via dei Fori imperiali, via delle Botteghe oscure per terminare infine in piazza Navona.
sabato 13 giugno 2009 di Federico La Sala
[...] la piattaforma del Roma Pride è rimasta identica a quella dello scorso anno e di due-tre anni fa. Anzi, i realtà: “Sono trent’anni che le nostre richieste non vengono ascoltate: e non stiamo parlando di richieste rivoluzionarie, fantasiose o velleitarie ma di diritti che in altri paesi sono ormai acquisiti”. Un immobilismo che è un atto d’accusa per la destra. “Altrove in Europa anche la destra fa leggi a favore degli omosessuali”, osserva la Praiano. Ma anche (...)

In risposta a:

> ROMA PRIDE 2009, NEL NOME DEL "PAPI DELLA PATRIA". --- A Roma, il giorno dell’Europride: "Più diritti". L’esibizione di Lady Gaga in un Circo Massimo strapieno è stato il clou dell’Europride Roma 2011

sabato 11 giugno 2011


-  Mondo omosex in piazza: "Più diritti"
-  Sfilata a Roma dalla regina Lady Gaga

Carri e maschere alla parata ma dietro alle festa c’è l’impegno di chi chiede sicurezza e garanzie *

ROMA. Un abito vintage anni ’90 stampa Versace color aragosta, oro e nero, occhiali con lenti molto grandi e una parrucca verde fosforescente: così si è presentata al Circo Massimo, a Roma, la pop star Lady Gaga, che si è esibita nel corso del concerto per l’Europride, attorno alle 21.30, con un atteso discorso sui diritti delle persone Lgbt e ha cantato una canzone, Born this way, l’hit del suo ultimo disco. Al concerto anche l’ambasciatore americano a Roma, David Thorne, che ha aiutato il comitato organizzatore dell’Europride 2011 a ottenere l’attenzione della cantante.

L’esibizione di Lady Gaga in un Circo Massimo strapieno è stato il clou dell’Europride Roma 2011: nel pomeriggio in 500mila, secondo gli organizzatori, hanno sfilato per le vie del centro di Roma per la "gay parade" tra carri allegorici, palloncini, bandiere arcobaleno e tanta allegria. Nessun momento di tensione, salvo qualche piccola contestazione alla governatrice del Lazio, Renata Polverini, contro la quale qualche manifestante ha gridato «via i fascisti dalla piazza, via via, vattene fascista». Una piccola minoranza che, ancora prima della risposta della presidente, ha trovato la replica di alcuni organizzatori dell’Europride che hanno difeso l’impegno della Polverini.

Come ogni anno, il pride è stato segnato dalla polemica contro il Vaticano: tanti i cartelli con la scritta ’No Vat’ e tanti i manifestanti che si sono radunati, in piazza dei Cinquecento, per farsi una fotografia sotto la statua di Papa Wojtyla inaugurata mesi fa e che a Roma aveva creato numerose polemiche per la sua realizzazione. Ma ha vinto la festa tant’è che il sindaco Gianni Alemanno sottolinea: «Abbiamo smentito ogni illazione di Roma come città intollerante». E infatti i romani hanno sfoderato tolleranza e curiosità. Molti hanno fotografato o si sono fatti fotografare con le drag queen. Alcune famiglie si sono unite al pride con figli al seguito, persino nei passeggini. Questa forse l’immagine più vera di un paese civile che dice che è giunta l’ora di «pari diritti per tutti».

* La Stampa, 11/06/2011


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: