Inviare un messaggio

In risposta a:
ITALIA: ESAME DI MATURITA’ (?) 2009. LA COSTITUZIONE, LA POLITICA, E IL TRADIMENTO STRUTTURALE DELLA FIDUCIA ...

ESAME DI MATURITA’ (?): ITALIA 2009. PRIMA PROVA: ITALIANO. TRACCIA N. 1: "L’ITALIA: L’IDENTITA’, LA COSTITUZIONE, E IL PRINCIPIO DI NON-CONTRADDIZIONE. IL SONNO DELLA RAGIONE COSTITUZIONALE GENERA MOSTRI". Materiali - a cura di Federico La Sala

giovedì 11 giugno 2009 di Federico La Sala
TRACCIA N. 1
L’ITALIA: L’IDENTITA’, LA COSTITUZIONE, E IL PRINCIPIO DI NON-CONTRADDIZIONE. IL SONNO DELLA RAGIONE COSTITUZIONALE GENERA MOSTRI.
Fondando il Partito "Forza Italia", il cittadino Silvio Berlusconi si è appropriato indebitamente della Parola: ITALIA. Si svolgano proprie riflessioni sul fatto, sotto forma di Lettera al Presidente della Repubblica, il cittadino Giorgio Napolitano
Materiali:
AVANTI!!! A "REGIME LEGGERO", FINO ALLA CATASTROFE ....
L’ ITALIA IPNOTIZZATA. TUTTO IL (...)

In risposta a:

> ESAME DI MATURITA’ (?): ITALIA 2009. PRIMA PROVA: ITALIANO. ---- "Contro di me un progetto eversivo" ... Davanti alla platea dei giovani imprenditori di Confindustria, il presidente del consiglio chiama in causa i poteri occulti dello Stato, che avrebbero tramato contro di lui per indurlo a gettare la spugna.

sabato 13 giugno 2009

La Stampa, 13/6/2009 (13:47)

L’AFFONDO DEL PREMIER

"Contro di me un progetto eversivo"

Berlusconi dai giovani industriali: basta pubblicità ai media disfattisti. Poi frena: "Parlavo di Franceschini". La replica: "Non mi lascio intimidire"

SANTA MARGHERITA LIGURE (GENOVA) La campagna politica contro Silvio Berlusconi che ha fatto leva sulle vicende Noemi e Mills, che ha trovato una sponda anche nei media catastrofisti, è stata «scandalosa» e ha leso l’immagine dell’Italia, non semplicemente del premier, all’estero. È stata soprattutto orchestrata con «calunnie» da parte di chi aveva in mente un «progetto eversivo» per costringerlo alle dimissioni.

Davanti alla platea dei giovani imprenditori di Confindustria, il presidente del consiglio chiama in causa i poteri occulti dello Stato, che avrebbero tramato contro di lui per indurlo a gettare la spugna. «Su quattro calunnie messe in fila, veline, minorenni, Mills e voli di stato è stata fatta una campagna che è stata molto negativa per l’immagine dell’Italia all’estero - ha accusato Berlusconi - un comportamento colpevole da parte di chi l’ha pensata e anche, dietro queste calunnie, un progetto eversivo teso a voler far decadere un presidente del consiglio eletto democraticamente dagli italiani per metterne un altro. Se questa non è eversione ditemi cosa è».

Secondo il premier, le urne hanno confermato una «maggioranza chiara». Soprattutto nei Comuni e nelle Province «abbiamo avuto risultati straordinari - ha sottolineato - possiamo continuare a governare per i prossimi quattro anni». Il Cavaliere ha poi invitato a diffidare della stampa italiana. «Ormai faccio dichiarazioni, salvo pubbliche, solo scritte - ha affermato - e mi trovo sui giornali fra virgolette frasi che non solo non ho mai detto, ma nemmeno pensato. La stampa italiana dipinge un’Italia che non è quella vera». Accuse alle quali non manca l’immediata replica da parte dell’opposizione. Il segretario del Pd, Dario Franceschini, ariva addirittura a convocare una conferenza stampa ad hoc per farlo e per scandire che quelle di Berlusconi sono «intimidazioni» belle e buone. Ma, assicura, «non mi ha mai fatto nè mai mi farà paura: può avere tutto il potere, i soldi e l’arroganza che vuole ma non ci sono minacce o intimidazioni che mi fermeranno».

Il segretario del Pd suggerisce poi al premier un pò più di sobrietà spiegando che «in democrazia chi governa deve accettare le critiche e non parlare di eversione». Sulla stessa lunghezza d’onda anche i due capigruppo del Pd, Anna Finocchiaro e Antonello Soro. Per la prima «il premier si è esibito ancora in uno dei suoi tanti sproloqui» muovendo contro l’opposizione «un’accusa ridicola» per «nascondere una volontà intimidatoria tesa a delegittimarla» perchè non intralci «il suo delirio di onnipotenza». Il presidente dei deputati Pd, infine, sottolinea come questa volta «Berlusconi abbia passato il limite oltre il quale nessuno potrà più rimanere spettatore». Perchè nelle sue parole, spiega, «non c’è solo offesa e irrisione per quanti in questo paese, assuefatto e indifferente, non piegano la schiena a chi cerca di ostacolare la sua pretesa di dominio assoluto» ma c’è anche e soprattutto «il ricordo sinistro di un altro capo di Governo che chiedeva ai suoi avversari di tacere».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: