Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera al direttore di una studentessa calabrese di Scienze politiche

Dubbi, sconforto e smarrimento
giovedì 25 giugno 2009 di Vincenzo Tiano
Egregio direttore Emiliano Morrone,
a pochi giorni dal ballottaggio elettorale riguardante l’elezione del Presidente della Provincia di Cosenza, il mio sato d’animo e quello di altri cittadini sangiovannesi Ŕ pressochŔ “confuso”. Queste poche righe, scritte senza nessun doppio fine, non credo cambieranno nulla, ma spero favoriscano una presa di coscienza da parte di tutti coloro, candidati e non, che stanno facendo della politica uno “spot pubblicitario”.
Sono (...)

In risposta a:

> Lettera al direttore di una studentessa calabrese di Scienze politiche

sabato 20 giugno 2009

Caro Francesco Scarcelli,

ancora ti ostini a parlare del voto altrui, con mania di onnipotenza? Prima scrivendo che Vattimo, se potesse votare, voterebbe Oliverio. Insomma, Gianni Vattimo, una decina di lauree, parlamentare europeo, filosofo indiscusso prenderebbe consiglio da te! Adesso continui a scrivere "tanti a San Giovanni in Fiore hanno votato per Gianni Vattimo e De Magistris alle europee e per Oliverio alla provincia. Quanta gente avrÓ votato per De magistris e per Gentile Presidente? Credo pochi o nessuno". Mi chiedo: dal momento che le schede per le europee e le provinciali erano due e separate, mi puoi cortesemente spiegare come sei giunto a tali conclusioni? Eri, forse, nascosto dentro le urne?

Quando poi parli di prospettiva di emancipazione culturale, mi viene da sorridere se penso alla tua dichiarazione di voto. Se poi vogliamo analizzare la frase da te scritta "una politica che ha tagliato i ponti con la filosofia", riferendoti alla politica di Berlusconi, e penso al candidato da te osannato, mi gira la testa. La filosofia... Se poi vogliamo parlare di metodi berlusconiani, parliamo pure dei palloncini, delle parate, delle magliette, delle gigantografie, degli opuscoletti, che si sono visti a San Giovanni in Fiore - stile ventennio.

Inoltre, mi sembra qualunquistico mettere sullo stesso piano Orlando e Barile. Sappiamo le battaglie e l’impegno dell’uno e dell’altro, a meno che non vogliamo essere disonesti intellettualmente o schifosamente faziosi.

Quanto poi al berlusconismo, non ho alcun timore di dirti che ravviso nel tuo atteggiamento quel solito snobismo di matrice delemiana. PerchŔ non appoggi i comunisti veri come Ferrando, Francesco Saverio Oliverio, Pierluigi Talarico? Vedi Francesco, ci sono uomini di destra, come mio padre o Peppino Gentile, che alla comunali votarono Gianni Vattimo, un comunista. Ecco la differenza tra loro e quelli come te...

Infine sottolineo una contaddizione grande quanto una casa: giudichi la bontÓ di un politico dal consenso. Ebbene, anche Berlusconi ha un consenso; anche Nicoletti Ŕ stato votato a larga maggioranza. Sino a quando possiamo sopportare tali cose, te compreso?

Vincenzo Tiano


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: