Inviare un messaggio

In risposta a:
Quotidiano

Il premier Silvio Berlusconi scongiura la scrisi e dice di "chiudere la bocca" a chi parla di calo del Pil

L’ultima previsione Ocse è di un calo del 5,5% del Prodotto interno lordo in Italia, per il 2009
sabato 27 giugno 2009 di Emiliano Morrone
ROMA - I media e le istituzioni economiche diffondono il panico: l’accusa viene dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che nella conferenza stampa tenuta per presentare le misure del decreto anticrisi si scaglia per l’ennesima volta contro i ’catastrofisti’. Suggerendo di "chiudere la bocca" a chi continua a parlare di "calo del Pil del 5% (il riferimento è all’ultima previsione della Banca d’Italia, ndr) o "di calo dei consumi del 5%".
"Alle parti sociali che ho incontrato questa (...)

In risposta a:

> Il premier Silvio Berlusconi ..... i suoi vassalli e il neofeudalesimo. Sostituite il potere delle armi con quello dei soldi (e dei voti) e avrete, all’incirca, Berlusconi. Un imperatore neofeudale in pectore (di Rina Gagliardi)

sabato 27 giugno 2009

Il nuovo imperatore i suoi vassalli e il neofeudalesimo

Sostituite il potere delle armi con quello dei soldi (e dei voti) e avrete, all’incirca, Berlusconi. Un imperatore neofeudale in pectore

di Rina Gagliardi (il Riformista, 27.06.2009)

L’Italia del Ventunesimo secolo sta "precipitando" nel feudalesimo? In una sorta di neofeudalesimo ovviamente molto diverso dai suoi antecedenti medioevali ma ad esso in qualche modo somigliante? La suggestione - lanciata su queste colonne da Rino Formica, a proposito del ruolo crescente della Lega - può apparire stravagante. Eppure, non va scartata a priori. Quando Veronica Lario parlò, nella sua ormai celebre dichiarazione, di «divertimento dell’imperatore», evocò, forse inconsapevolmente, un concetto assai preciso e forse non casuale. Imperatori non si nasce, si diventa: ecco la differenza rispetto ai re o ai principi, che sono tali per diritto di nascita e sangue. Imperatori, si può diventarlo anche se si è un parvenu, se si ha dalla propria parte il "consenso" dell’esercito - vedi Roma e il suo discendente quasi diretto, il Sacro Romano Impero, vedi, per citare un esempio moderno, Napoleone Bonaparte.

Sostituite il potere delle armi con quello dei soldi (e dei voti) e avrete, all’incirca, Silvio Berlusconi. Un imperatore neofeudale in pectore (del resto in tempi non sospetti non si dichiarò l’«unto del Signore?»), che governa il suo territorio attraverso vassalli e valvassori (un subappalto territoriale di cui la Lega rappresenta oggi l’esempio più forte), ma che ha al contempo un rapporto "diretto", carismatico, sacrale, con il suo popolo. Un imperatore feudal-populista, che, come i suoi predecessori medioevali, dipende in toto dai suoi "vassi", quelli che presidiano i territori (geografici, televisivi, pubblicitari e così via), ma che è la sola fonte "legittima" del potere, il proprietario dei titoli.

Ne consegue quell’intreccio di interdipendenza, ordine e caos che caratterizzò, in fondo, i "secoli bui" seguiti alla caduta dell’Impero romano, quando mancava ogni sicurezza (scorazzavano barbari, briganti e pirati), quando non restava che rifugiarsi (più o meno) in un castello, quando, per sopravvivere, non si poteva che affidarsi a chi deteneva la forza, appunto, delle armi.

Ma ci sono altre riflessioni, un po’ più generali, che si possono proporre. La prima, appunto, è la frammentazione dei territori, ovvero la crisi degli Stati nazionali moderni. Un processo indotto prima dalla globalizzazione, e reso ancor più complesso dalla crisi della globalizzazione stessa: quel che è colpito al cuore, in verità, specie in Europa (ma non solo) è l’idea di unità politica, di forza della politica, che lo Stato moderno ha rappresentato per un quasi due secoli. Pullulano le Nazioni, è vero, ma si moltiplicano le spinte centrifughe, le identità etniche, le pulsioni separatiste, spesso intrecciate con il caos sempre più disordinante del mercato globale, che oggi riversa i suoi guai (come appena ieri riversava i suoi fasti) sulla globalità dei territori. Se si prova a viaggiare attraverso l’Europa, si ha la sensazione di un continuum largamente unificato, per un verso, anche dal punto di vista antropologico, ma straordinariamente differenziato per l’altro verso. Immagino che ai (pochi) viaggiatori dell’epoca apparisse così, all’incirca, l’Europa di Carlo Magno (immagine): un luogo dai confini interni molto confusi, e mai del tutto stabili, un’unità molto in alto, lontanissima, astratta. Sacra, giust’appunto (la sacralità che ha oggi assunto il mercato, una divinità impalpabile, come capita a tutte le religioni monoteiste).

La seconda riflessione è che tutto questo disordine al capitalismo globalizzato sta a pennello: ci nuota come un pesce nell’acqua. Se potesse fare a meno, del tutto, della politica e degli Stati, ci sguazzerebbe ancora meglio. Ma, poiché questo obiettivo di dissolvenza non è realistico, si limita a fare del suo meglio per indebolire come può la forza degli istituti e delle istituzioni politiche. Un esempio? I partiti, come tali, sono sostanzialmente scomparsi, e con essi l’idea stessa di rappresentanza - quello che resta dei partiti, a sua volta, si è modellato su un ordine di tipo feudale. Partiti personali, correnti personali, sistemi diffusi di vassallaggi e cooptazioni - anche qui, come nel Medioevo, il vassus è sempre alle dipendenze di un Signore, ma, a sua volta, può disporre di suoi propri vassi. La catena infinita di un intreccio inestricabile di interdipendenze.

Infine, ultima riflessione, il neofeudalesimo di oggi è incentrato, come quello di ieri, su due dimensioni antropologiche decisive: la paura e il bisogno di sicurezza. Il Nemico è sempre alle porte, anche quando non lo vedi e magari non lo riconosci: ecco una delle chiavi di volta della crisi di civiltà contemporanea.

Quando, dopo il famoso risveglio dell’anno Mille, nacquero i Comuni, cioè la borghesia della prima rivoluzione borghese e commerciale, cominciò a nascere ciò che chiamammo "modernità" e culminò, politicamente, nella Rivoluzione francese. Ne siamo usciti, dalla modernità, dopo le tragedie del Novecento. Per andare dove? Per tornare a quando?


Sul tema, nel sito, si cfr.:

-  IL PAESE DI PULCINELLA. Il Presidente della Repubblica grida: Forza Italia. Il Presidente del Partito grida: "Forza Italia"..... Chi è il vero Presidente della Repubblica?!!!
-  IL PRIMATO DELL’ITALIA NEL MONDO: LA PRIMA REPUBBLICA A LUCI ROSSE DEL PIANETA. "La politica dell’intimità". Un’analisi di Barbara Spinelli

-  1992-2008: LA GUERRA DI "FORZA ITALIA" CONTRO L’ITALIA.

-   "FATTORIA ITALIA". LA SCRITTA SUL CANCELLO D’ENTRATA: "IL POPOLO DELLA LIBERTA’" ....
-  A FUTURA MEMORIA. APPROVATO IL "LODO ALFANO". L’IMMUNITA’ AD PERSONAM SALVA IL PRESIDENTE DI "FORZA ITALIA" DA TUTTO, MA NON DALL’IMMANE VERGOGNOSO REATO DELL’AVER RUBATO ALL’INTERO POPOLO ITALIANO LA PAROLA ***ITALIA*** E AVERNE FATTO IL NOME DEL SUO *PARTITO* E DELLA SUA *AZIENDA* - a cura di pfls
-  La Casa e la Repubblica degli italiani e delle italiane si chiamava: ITALIA. E il Presidente della Repubblica si chiamava Giorgio Napolitano....


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: