Inviare un messaggio

In risposta a:

PER L’ITALIA E PER I FESTEGGIAMENTI DEL 150° DELL’UNITA’ NAZIONALE!!! AL DI LA’ DEL TRUCCO POPULISTA E DELLA MENZOGNA DEL PARTITO DI "FORZA ITALIA" E DELL’ATTACCO LEGHISTA, GLI ITALIANI RISCOPRONO IL VALORE DELL’UNITA’ D’ITALIA. Un sondaggio e la sua lettura del responsabile dell’Ipr Marketing, Antonio Noto - a cura di Federico La Sala

giovedì 20 agosto 2009 di Federico La Sala
[...] La sollecitazione del Presidente della Repubblica nei confronti del governo per una più spedita pianificazione dei festeggiamenti per l’anniversario dell’Unità d’Italia si accorda con il sentire degli italiani: la maggioranza non solo dice sì alla celebrazione, ma auspica per il futuro una maggiore valorizzazione della ricorrenza [...]
Carissimi Italiani, carissime italiane, nel mondo ....
2 GIUGNO 2009: IN ITALIA E’ LA FESTA DELLA REPUBBLICA, MA IN ITALIA C’E’ ANCORA CHI FA IL (...)

In risposta a:

> PER L’ITALIA E PER I FESTEGGIAMENTI DEL 150° DELL’UNITA’ NAZIONALE!!! ---- Con una nota del Quirinale il capo dello Stato torna sul tema del centocinquantennale.

venerdì 21 agosto 2009


-  Con una nota del Quirinale il capo dello Stato torna sul tema del centocinquantennale
-  "Nella lettera a Berlusconi il presidente aveva chiesto con urgenza spiegazioni"

-  Unità d’Italia, Napolitano insiste
-  "Servono un chiarimento e fondi certi"
*

ROMA - Dopo il dibattito delle ultime settimane, e il suo forte appello di qualche giorno fa, Giorgio Napolitano torna sul tema dei 150 anni dell’unità d’Italia (che cadranno nel 2011). E lo fa attraverso una nota diffusa dal Quirinale, in cui torna a insistere sulla necessità di un chiarimento su come verrà celebrata la ricorrenza. E anche sulla necessità di fondi certi con cui affrontare l’evento.

"In relazione al dibattito in corso sulle celebrazioni del 150/mo anniversario dell’Unità d’Italia - è scritto nel comunicato - si precisa che il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella lettera inviata lo scorso 20 luglio al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi aveva sottolineato come occorra ormai con la massima urgenza un chiarimento: se necessario, un esplicito e preciso ripensamento selettivo, e dunque ridimensionamento del programma di investimenti infrastrutturali, tenendo conto delle disponibilità del bilancio pubblico (Stato, Regione ed Enti locali). E nello stesso tempo, una soddisfacente definizione delle iniziative più propriamente rispondenti al carattere e agli scopi di una seria celebrazione dell’evento. Su questa base ed entro limiti che dovranno e vorranno porsi, certezza delle risorse su cui poter contare".

"Si fa altresì presente - prosegue la nota - che nella lettera inviata il 23 luglio al Presidente del Comitato Italia 150 di Torino, professor Antonio Saitta, il capo dello Stato aveva espresso l’auspicio che "possano superarsi i ritardi e si giunga ad approvare finalmente un programma articolato su pochi ma significativi progetti di carattere prevalentemente culturale, pedagogico e comunicativo, diretti a rappresentare e rafforzare la nostra identità nazionale".

* la Repubblica, 21 agosto 2009


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: