Inviare un messaggio

In risposta a:
MESSAGGIO CRISTIANO, TRADIMENTO STRUTTURALE E ABUSO DELLA PAROLA "CRISTIANO" DA PARTE DELLA GERARCHIA DELLA CHIESA CATTOLICO-ROMANA.

PRAGA. BENEDETTO XVI, IL SANTO PADRE, PORTA IN DONO AL "BAMBINO GESU’" UNA CORONA D’ORO: UN OMAGGIO AL SUO "DOMINUS IESUS". Una nota di Luigi Geninazzi e il "discorso di benvenuto" del Papa - a cura di Federico La Sala

FARE COME GIOVANNI XXIII E GIOVANNI PAOLO II: RESTITUIRE L’ANELLO A GIUSEPPE!!! Basta con la vecchia, zoppa e cieca famiglia cattolico-romana, camuffata da "sacra famiglia"!!!
domenica 27 settembre 2009 di Federico La Sala
[...] Il viaggio che ha il sapore di una sfida i­nizierà con un gesto semplice e disar­mante. Subito dopo il suo arrivo nella capitale ceca Benedetto XVI stamani si re­cherà in visita al Gesù Bambino di Praga, un omaggio alla devozione popolare nel Pae­se più scristianizzato d’Europa. L’immagi­ne si trova nella Basilica di Santa Maria della Vittoria, un gioiello dell’architettura ba­rocca che sorge nel quartiere di Mala Stra­na. È uno dei luoghi più visitati di Praga ma qui i turisti si (...)

In risposta a:

> PRAGA. --- "Vita Caroli". La vita di Carlo IV di Lussemburgo, re boemo e imperatore del Sacro Romano Impero (di Carlo Grande)

domenica 16 ottobre 2016


Carlo IV imperatore, battaglie viaggi amori e sogni profetici

A 700 anni dalla nascita, torna l’autobiografia del re boemo che resse il Sacro Romano Impero: amico di Petrarca, coltissimo, parlava cinque lingue e si dilettava di esegesi biblica

di Carlo Grande (La Stampa, 16.10.2016)

Era eccezionalmente colto, parlava, leggeva e scriveva in almeno cinque lingue (francese, tedesco, ceco, latino e italiano), frequentò molto l’Italia - dove cercarono di avvelenarlo - e molto viaggiò, combatté, assediò. Visse insomma in costante pericolo di morte, come molti uomini del suo tempo, e non disdegnò la compagnia femminile: ebbe quattro mogli e numerosi figli.

La vita di Carlo IV di Lussemburgo (1316-1378), re boemo e imperatore del Sacro Romano Impero, del quale ricorrono i 700 anni dalla nascita, non fu propriamente ordinaria. Lo testimonia la sua autobiografia, Vita Caroli, ora pubblicata da Medusa con testo latino a fronte (mentre sul sovrano è stata allestita anche una mostra itinerante che toccherà Firenze, Parma, Mantova, Montecarlo di Lucca e Milano).

Il fiume di turisti che passa sul ponte più famoso di Praga, il ponte Carlo da lui voluto, dovrebbe conoscerlo. Carlo IV è un «padre della patria», ancora oggi il più amato dal suo popolo persino nei sondaggi televisivi. Fu l’uomo che convinse il Papa a lasciare Avignone per tornare a Roma, che intrattenne lunga amicizia e corrispondenza con Petrarca.
-  Il 6 gennaio 1355, festa dell’Epifania, venne incoronato re d’Italia nella basilica di Sant’Ambrogio a Milano e alla cerimonia, officiata dal nuovo arcivescovo Roberto Visconti, partecipò il poeta, che in quel tempo viveva a Milano e lavorava per i Visconti e che gli avrebbe poi fatto visita a Praga.

Sul ponte, la corte dei miracoli attuale (artisti, venditori di souvenir, musicisti di strada) è nulla in confronto a quelle che frequentò. Quella parigina dello zio re di Francia Carlo IV di Valois, dove trascorse l’infanzia e dove ricevette un’istruzione raffinata prima di partire per l’Italia e avere le prime esperienze militari (dall’età di tre anni Carlo non vide mai più sua madre). O la corte di Praga, che per rispondere degnamente alle lettere del Petrarca, scritte in un latino classico di altissimo livello (a corte imperava il più modesto latino medievale), si affidò al tribuno del popolo Cola di Rienzo, all’epoca il prigioniero favorito di Carlo (poi tornò a Roma e venne ucciso dalla folla).

Le torri ai lati dello storico ponte sulla Moldava possono ricordare le sue opere edilizie: il Castello, la cattedrale di San Vito, il riassetto urbanistico della città e financo un «muro della fame» costruito lungo la collina di Petrìn che non ha alcuno scopo difensivo ma diede lavoro ai poveri in un periodo di carestia particolarmente duro.

Di questo parla anche la Vita Caroli: della nobiltà d’animo, della pietas del grande sovrano che si dilettava di esegesi biblica ed era appassionato raccoglitore di sante reliquie. Le custodiva nel castello di Karlštejn assieme ai preziosissimi gioielli della Corona di Boemia e certo non nuocevano all’afflusso di pellegrini nei suoi possedimenti. Carlo amava partecipare ai tornei cavallereschi, fu probabilmente durante una giostra che una lesione alla mandibola e al rachide cervicale lo mise a lungo in pericolo di vita e gli lasciò sul volto segni di prognatismo.

Il libro è dunque un racconto personale sincero, sebbene il narratore passi a un certo punto dalla prima alla terza persona (visti gli impegni si sarà fatto aiutare) e sebbene sia difficile comprovare la veridicità di alcuni episodi. Ma resta un documento eccezionale e avvincente, una carrellata di avvenimenti drammatici e fiabeschi, di esperienze mistiche, sogni, incontri con gli spiriti, fra ondate di cavallette bibliche e avvelenamenti, presagi e sogni profetici, come quello che gli preannunciò, a 17 anni, la morte del Delfino di Vienne, Guigo VIII, nemico giurato e lussurioso del Signore valsusino François de Bardonneche.
-  A Carlo apparve un angelo che lo prese per i capelli e lo portò su un campo di battaglia davanti a un castello della Savoia, mostrandogli un altro messaggero divino che con una spada di fuoco evirava Guigo. Il ragazzo si svegliò, raccontò tutto al padre che stava correndo in soccorso del Delfino, il padre lo derise. Pochi giorni dopo arrivò la notizia che Guigo VIII era morto combattendo contro i Savoia, colpito dal tiro di una balestra durante l’assedio del castello di La Perrière.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: