Poster un message

En réponse à :
MEMORIA DELLA LEGGE DEI NOSTRI PADRI E DELLE NOSTRE MADRI COSTITUENTI : COSTITUZIONE ED EVANGELO ...

AMORE E ONORE IN EREDITA’, NON INDECENZA. Intervento di Mons. Gianfranco Bottoni a nome dell’arcivescovado della Diocesi di Milano - a cura di Federico La Sala

Milano, Campo della Gloria del cimitero monumentale, 1 novembre 2009
mercredi 11 novembre 2009 par Federico La Sala
[...] La memoria dei morti qui, al Campo della Gloria, esige che ci interroghiamo sempre su come abbiamo raccolto l’eredità spirituale che Caduti e Combattenti per la Liberazione ci hanno lasciato. Rispetto a questo interrogativo mai, finora, ci siamo ritrovati con animo così turbato come oggi. Siamo di fronte, nel nostro paese, ad una caduta senza precedenti della democrazia e dell’etica pubblica. Non è per me facile prendere la parola e dare voce al sentimento di chi nella propria (...)

En réponse à :

> AMORE E ONORE IN EREDITA’, NON INDECENZA. ---- Schuster : scommettere sull’Italia /di Giacomo Galeazzi - Cardinale Schuster la verità sul Beato).

samedi 13 octobre 2012

Cardinale Schuster la verità sul Beato

di Giacomo Galeazzi (La Stampa, 13 ottobre 2012)

Si ispirò a San Carlo Borromeo e anticipò il rinnovamento del Concilio, eppure non mancarono incomprensioni nella sua vita di Beato. Il cardinale Ildefonso Schuster nel febbraio del ’45 veniva bollato come « spregiudicato imbroglione », aiutato « da un piccolo gruppo di farisei chiamati monsignori della curia ». Fonte : un rapporto del Comando Speciale della guardia repubblichina. L’accusa : proteggere partigiani ed ebrei. Di lì a pochi mesi, ecco, invece, i leader della Resistenza chiedere l’« epurazione dell’arcivescovo », giudicato compromesso col fascismo. In realtà Schuster era autenticamente un santo, come documentato dal processo di beatificazione.

Domani alle 23,30 su Rai1 andrà in onda il programma dedicato al monaco che Pio XI volle alla guida della Chiesa Ambrosiana subito dopo il Concordato del ’29. Ildefonso Schuster : scommettere sull’Italia è il titolo del documentario.

Spiega Marco Simeon, responsabile Rai Vaticano : « La figura del cardinale è straordinariamente attuale perché, come De Gasperi, è simbolo di un’Italia umile e vincente che nel dopoguerra difese il patrimonio di valori indispensabile al rilancio ». Sullo schermo si susseguono testimonianze d’epoca o inedite. Il successore Angelo Scola attualizza la lezione « politica » ai cattolici impegnati nella vita pubblica, il condannato a morte Indro Montanelli descrive il plotone d’esecuzione bloccato all’ultimo dall’intervento a San Vittore del porporato.

Non abbandonò mai i fedeli, rimanendo sempre a Milano sotto le bombe. Scrisse persino al re d’Inghilterra chiedendo di sospendere gli attacchi aerei sulla città e trasformò l’arcivescovado in un centro di raccolta di abiti e cibo per i bisognosi. Tentò di convincere Mussolini, il 25 aprile 1945, a consegnarsi agli alleati invece di partire verso il confine svizzero.

Con mezzo secolo di anticipo teorizzò scelte accolte solo successivamente dalla Chiesa con il Vaticano II. Riemerge dagli archivi anche la sua sfortunata battaglia al Sant’Uffizio per rimuovere dalla liturgia il riferimento ai perfidis Judaeis (come farà poi il Concilio). Finì in minoranza, malgrado il sostegno del Papa, però poi toccherà a lui tuonare contro le leggi razziali.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :