Poster un message

En réponse à :
LA SINDONE DI TORINO. Archeologia e Filologia ...

E’ GESU’ NAZARENO : SULLA SINDONE C’E’ LA FIRMA DEL FUNZIONARIO ADDETTO ALLA SEPOLTURA. L’ IPOTESI DI BARBARA FRALE E I DUBBI DI LUCIANO CANFORA E ALTRI STUDIOSI. Un articolo di Michele Smargiassi e uno di Lorenzo Fazzini - a cura di Federico La Sala

dimanche 22 novembre 2009
[...] « In base ai confronti svolti, oggi sono convinta che le tracce di scrittura identificate sul lino della Sindone possano appartenere ad un testo derivato direttamente o indirettamente dai documenti originati fatti produrre per la sepoltura di Yeshua ben Yosef Nazarani, più noto come Gesù di Nazareth detto il Cristo ». È questo il sasso lanciato nello stagno della scienza della Sindone, il celebre (e discusso) sudario di Cristo conservato a Torino, da una storica di recente balzata agli (...)

En réponse à :

> E’ GESU’ NAZARENO : SULLA SINDONE .... Il sudario di Gerusalemme che “rinnega” la Sindone (di Paola Caridi).

jeudi 17 décembre 2009

Il sudario di Gerusalemme che “rinnega” la Sindone

di Paola Caridi (La Stampa, 17 dicembre 2009)

Un sudario di lana, e non di lino. A significare che l’uomo avvolto nel tessuto funerario era di alto lignaggio. Un sudario trovato a Gerusalemme, quasi dieci anni fa, in quell’area conosciuta come la Gehenna, appena fuori dalle possenti mura di Solimano il Grande che circondano la Città Vecchia.

Un sudario che, attraverso gli esami condotti tra Stati Uniti, Londra e Gerusalemme, si può datare al primo secolo, il secolo di Gesù Cristo. Lo hanno studiato per anni : e i risultati sono stati pubblicati ora su « PloS One », la rivista della « Public Library of Science » americana. In quel sudario non è stato avvolto Gesù di Nazareth. Bensì un uomo affetto da lebbra, morto di tubercolosi. Ma è il primo tessuto funerario dell’epoca di Gesù mai trovato a Gerusalemme, zona umida, clima dove è difficile fare scoperte di questo tipo. E la trama di quel tessuto è completamente diversa dalla trama della Sacra Sindone. Non solo : i frammenti di tessuto trovati sull’uomo della Tomba del Sudario appartenevano a differenti lenzuoli. Come descritto nel Vangelo di Giovanni, quando le donne vanno al sepolcro e lo scoprono vuoto. Più pezzi di stoffa. E non, come per la Sindone, a un solo lenzuolo, che copriva il corpo da capo a piedi.

« Non era pratica del tempo coprire i defunti con un solo lenzuolo - dice Shimon Gibson, l’autore della scoperta del sudario di Gerusalemme -. Questo perché non si era certi della morte. Il defunto poteva essere in coma, risvegliarsi. Se fosse stato coperto da un solo pezzo di stoffa, ci sarebbe stato il soffocamento ». Ci sono voluti molti anni per esaminare tutti i dettagli, dice Gibson, protagonista di altre scoperte a Gerusalemme, alcune controverse. Anni per analizzare i frammenti di tessuto trovati sulla testa, sul petto, in diverse parti del corpo del lebbroso.

Shimon Gibson non ha visto direttamente la Sindone di Torino, né ha chiesto al Vaticano di poter esaminare il sudario. Quello che sostiene è che il tipo di intreccio è differente da quello di Torino. E della stessa opinione è il professor Mark Spigelman. Paleoepidemiologo dell’Università di Gerusalemme, in procinto di arrivare per altre ricerche a Tivoli e a Bologna, ha esaminato sia le ossa del lebbroso, trovate alla Gehenna, sia il sudario di Gerusalemme. « Questo sudario - dice il professor Spigelman - è l’unico trovato a Gerusalemme, ma abbiamo trovato altri tessuti in altre parti di Israele risalenti allo stesso periodo. Vicino al Mar Morto. Il periodo che noi definiamo del Secondo Tempio, il tempo di Gesù Cristo ». Tra il sudario di Gerusalemme e i tessuti contemporanei, insomma, c’è molto di simile. La trama, l’intreccio, soprattutto. « Il sudario di Gerusalemme ha un tipo di intreccio che si chiama uno-sopra-uno. Quello di Torino ha una fattura medievale, tessuto a spiga, e sicuramente non c’è niente di simile a quanto è stato trovato in Israele risalente al primo secolo ».

Il sasso nello stagno è stato lanciato. E la scoperta è di quelle che faranno discutere. Come, negli ultimi anni, hanno fatto discutere altri ritrovamenti archeologici a Gerusalemme. Non ultima, alcuni anni fa, la scoperta di una tomba, sempre nella zona est di Gerusalemme, che sarebbe appartenuta alla famiglia di un uomo chiamato Gesù. Allora si scatenò una polemica durissima. Il problema è che, a Gerusalemme, l’archeologia non è una scienza semplice. Tante religioni, tante sensibilità, tanta ricerca di identità. Spesso, anzi, « l’archeologia diventa uno strumento della politica », come usava spesso ripetere padre Michele Piccirillo, francescano e archeologo, uno dei più famosi di tutto il Medio Oriente, scomparso appena un anno fa.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :