Poster un message

En réponse à :
ITALIA. "La società sparente" ...

ALLARME PER IL SUD DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA. Cresce sempre di piu’ il divario tra le regioni a Nord e il Mezzogiorno - a cura di Federico La Sala

(...) sulla sua economia « grava il peso della criminalità organizzata » che « infiltra le pubbliche amministrazioni, inquina la fiducia tra i cittadini, ostacola il funzionamento del libero mercato concorrenziale, accresce i costi della vita economica e civile ».
jeudi 26 novembre 2009 par Federico La Sala
[...] Per Draghi, al Sud sono allarmanti anche i ritardi nei servizi. « Il divario tra sud e centro-nord nei servizi essenziali per i cittadini e le imprese rimane ampio. Le analisi che presentiamo oggi rivelano scarti allarmanti di qualità fra centro-nord e Mezzogiorno nell’istruzione, nella giustizia civile, nella sanità, negli asili, nell’assistenza sociale, nel trasporto locale, nella gestione dei rifiuti, nella distribuzione idrica. In più casi - emblematico è quello della sanità - il (...)

En réponse à :

> ALLARME PER IL SUD DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA. --- MAFIA. Roberto Saviano sugli investimenti finanziari dei clan in Germania (Die Zeit - Intervista).

jeudi 26 novembre 2009

Die Zeit, Hamburg - n° 34, 2009

-  MAFIA

-  I tedeschi lasciano correre

-  L’esperto di mafia Roberto Saviano sugli investimenti finanziari dei clan

-  (traduzione dal tedesco di José F. Padova) http://www.zeit.de/2009/34/DOS-Saviano-Interview

Die Zeit : In quale modo sono presenti in Germania le organizzazioni mafiose italiane ?

Roberto Saviano : Sarebbe esagerato ritenere che la mafia abbia infiltrato capillarmente la Germania - a differenza dell’Italia la Germania è una democrazia matura con istituzioni forti. Eppure singole bande sono già da tempo attive in Germania, ad esempio sul mercato della droga e nel settore delle estorsioni mediante il pizzo. Con la caduta del muro, vent’anni fa, si sono presentate ai boss nuove e insospettate possibilità d’investimenti in Germania orientale.

DZ : Da allora gli inquirenti italiani tengono nel mirino soprattutto la ‘ndrangheta calabrese.

RS : Effettivamente dalla metà degli anni ’90 in poi la ‘ndrangheta ha comperato in Germania orientale tutto quello che le capitava sotto le unghie : case d’abitazione, grandi proprietà terriere. Cosa nostra, siciliana, vi era presente ancor prima. Nella settimana seguente alla caduta del muro la polizia italiana ha ascoltato un colloquio telefonico fra un boss catanese e il suo uomo di fiducia a Berlino. « Compra ! », disse il boss. « Ma che cosa ? », chiese il fiduciario, « qui non c’è proprio niente. Nessun ristorante, nessun negozio. È un deserto ». Il boss rispose : « Compra e basta ! Il resto lo facciamo noi ».

DZ : Ai tempi di questa atmosfera da cercatori d’oro non vi fu alcun controllo ?

RS : Purtroppo nessuno. A quel tempo le autorità tedesche avevano lasciato correre tutto. Per pigrizia, forse anche per paura. In generale accade che la polizia tedesca collabora molto bene con i colleghi italiani, ma solamente se ne viene richiesta. Su propria iniziativa essa conduce molte poche indagini. Al momento il terrorismo è ritenuto il pericolo maggiore. E di ciò la mafia approfitta.

DZ : Sembra che i clan della ‘ndrangheta posseggano in Germania centinaia di pizzerie. Un’idea raccapricciante per i clienti tedeschi.

RS : Ah, fossero solamente pizzerie ! Queste servono alla mafia tutt’al più per dimostrare la sua presenza e per controllare determinati mercati. Per esempio il mercato dell’importazione dall’Italia di generi alimentari e anche quello dei lavoratori stagionali italiani. Nelle pizzerie possono tutti trovare un posto.

DZ : Davanti a una pizzeria di Duisburg si verificò due anni fa la sparatoria nella quale sei italiani persero la vita.

RS : Questo massacro della ‘ndrangheta ha risvegliato i tedeschi. Prima pensavano che la mafia fosse un problema puramente italiano. Ma che queste uccisioni siano avvenute davanti a una pizzeria alimenta naturalmente certe rappresentazioni folcloristiche di una mafia con pizza e santini. Lì la ‘ndrangheta è attiva in tutt’altri affari.

DZ : Dove, per esempio ?

RS : Gli inquirenti presumono la sua partecipazione nell’azienda energetica russa Gazprom - senza che gli altri azionisti ne abbiano il minimo sospetto - o le sue attività sul mercato immobiliare berlinese. Giacché là gli immobili rispetto al mercato europeo sono molto convenienti, i boss mafiosi comperano interi quartieri cittadini, soltanto per fare salire così i prezzi. A Roma e a Bruxelles hanno fatto in questo modo.

DZ : I boss cooperano con soci tedeschi ?

RS : Occorre partire dal concetto che la mafia cerca di diventare socio di imprese tedesche. Per i suoi affari si serve di banche tedesche e sicuramente anche di prestanome tedeschi.

DZ : La camorra napoletana e la ‘ndrangheta calabrese fanno i loro utili miliardari soprattutto con la droga. Quanto è importante è la Germania per questo genere di affari ?

RS : Molto importante. Il consumo di cocaina nelle grandi città europee aumenta in continuazione. Stranamente sembra che per la politica e i media ciò non sia un argomento importante. Oltre a ciò in Germania esiste un mercato dell’eroina, che in Italia non c’è ancora. Un ulteriore vantaggio. Le bande tedesche non sì immischiano nel traffico di droghe. Esse non rappresentano alcuna concorrenza, anzi, lasciano tutto nelle mani degli italiani che portano la droga nel Paese - e degli europei orientali, che la commerciano. Infatti una cosa è chiara : i calabresi e i napoletani non si attivano come spacciatori, lasciano questo lavoro ad altri.

DZ : Nel vostro Paese si conoscono e riconoscono i boss. Sono uomini più potenti della legge. In Germania sembra che i mafiosi non abbiano alcuna faccia.

RS : Essi conducono una vita che non dà nell’occhio, sovente con più di una identità. Per esempio con la carta d’identità di un connazionale che proviene dal medesimo vostro villaggio. Ma con gli assassinii di Duisburg la ‘ndrangheta ha mostrato per la prima volta la sua faccia. Evidentemente vuole esercitare anche in Germania ciò che finora ha osato fare soltanto in Calabria : una specie di controllo militare su quello che considera suo proprio territorio.

DZ : Diversamente da quanto avviene in Italia l’appartenenza alla mafia in Germania non è finora una fattispecie di reato. Una legge di questo genere sarebbe uno strumento efficace ?

RS : Assolutamente. Ritengo questo fondamentale. In Germania si teme sempre che una legge del genere potrebbe limitare i diritti dei singoli cittadini e compromettere lo Stato di diritto. In realtà essa riduce il potere della mafia. Soltanto con una tale legge i favoreggiatori potrebbero venire ostacolati nei loro affari palesemente legali. È ora che in tutta Europa l’appartenenza alla mafia costituisca reato.

-  L’intervista è stata condotta da Birgit Schönau.
-  Il giornalista Roberto Saviano, 30 anni, è stato costretto a occultarsi a causa delle minacce di morte della camorra. Egli proviene da Casal di Principe, roccaforte della camorra.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :