Inviare un messaggio

In risposta a:
Chiesa ed Eucharistia. Il comandamento dell’amore e la norma personalistica ....

Amore e responsabilitÓ (Karol J. Wojtyla) - e "caritas" (J. Ratzinger) !!! Fonti cattoliche a confronto, in chiave dialettico-polemica. Ripreso Giovanni Paolo II, l’ennesimo affondo per il dibattito - di Federico La Sala

Il magistero del "Deus caritas est" ("Dio caro-prezzo Ŕ") o il magistero del "Deus charitas est" ("Dio Ŕ Amore")?!
lunedì 6 marzo 2006 di Emiliano Morrone
"ECCLESIA DE EUCHARISTIA" (Giovanni Paolo II, 2003)

AMORE E RESPONSABILITA’
di Karol Wojtyla - Giovanni Paolo II *
L’INDICE DEL LIBRO
I. La persona e la tendenza sessuale
Analisi della parola “godere”
1. La persona soggetto e oggetto dell’azione
2. Primo significato della parola “godere”
3. “Amare” contrapposto a “usare”
4. Secondo significato della parola “godere”
5. (...)

In risposta a:

> di Federico La Sala - Fonti cattoliche a confronto, in chiave dialettico-polemica

martedì 14 marzo 2006

P. S.

AMORE E RESPONSABILITA’. UNA NOTA A MARGINE DI UN MATRIMONIO.

In una piccola chiesa cattolica di un piccolo comune, ai margini di Milano, in Italia, ieri, 11.03.2006, alle ore 11, Ŕ avvenuta la celebrazione del matrimonio di una coppia di giovani sposi - assolutamente inedito e straordinario! La sposa Ŕ giÓ Ĺin attesa’ - quasi all’ottavo mese di gravidanza; e gli sposi sanno giÓ di che sesso Ŕ il nascituro e gli hanno dato giÓ il nome. Il prete, che sa tutto (come i genitori dello sposo e della sposa), officia il rito con grande serenitÓ e saggezza - in spirito di veritÓ e amore. Parla agli sposi in modo chiaro e limpido - sul piano religioso e, alla fine, anche sul piano civile (del diritto di famiglia e della Costituzione Italiana). Il figlio che entrambi aspettano - dice agli sposi e a tutti i presenti - svela loro il segreto della TrinitÓ: nel mettere al mondo un nuovo essere umano, essi comprendono che Chi li ha fatti incontrare Ŕ stato Dio, che il nome del “Padre Nostro”, di Dio Ŕ “Amore”, e che essi - tutti e due, padre e madre, sono “figli del figlio” (come Maria e Giuseppe di Ges¨ ... essi stessi del loro stesso figlio, e dice anche il nome del piccolo - giÓ deciso dai genitori - che a breve nascerÓ). Essi, gli sposi (secondo il nuovo rito) sono i “sacerdoti” del loro stesso matrimonio e li invita a scambiarsi gli anelli - lo sposo: “io accolgo te”, la sposa: “io accolgo te”..... In alto, dietro l’altare, la luce del sole illumina la vetrata ... e la colomba dello Spirito Santo, del “Padre nostro”! Si esce, il vento soffia ... che porti un p˛ di questo spirito di questa piccola nuova chiesa e del suo modesto e saggissimo sacerdote (nella predica ha parlato dei suoi genitori - del loro grande amore, della loro differenza di etÓ, dei suoi cinque fratelli, ecc.) nella Basilica di S. Pietro!!! Che tutti e tutte - figli e figlie, padri e madri, .... laici e religiosi, ricordino e riprendano la lezione di Matteo (Mt., 23. 9): non chiamate nessuno “Padre” sulla Terra. Chi lo sa?! Da Milano, di nuovo, forse, per l’Italia e la Chiesa, il cristianesimo e la democrazia, l’indicazione di un nuovo cammino - non all’indietro, ma in avanti, al di lÓ di Costantino e del IV secolo! (12.03.2006)

Federico La Sala


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: