Poster un message

En réponse à :
SUDAFRICA, 1995. RAZZISMO, APARTHEID, E UN RAGGIO DI SOLE : UN PASSO AL DI LA’ DEL DIRITTO DEL SANGUE E DELLA TERRA. UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone".

A NELSON MANDELA, UN OMAGGIO SOLARE : "INVICTUS". Il film di Clint Eastwood, con Morgan Freeman. Una nota di Francesco Merlo e il testo della poesia ("Invictus") di William Henley - a cura di Federico La Sala

INVICTUS. Il nuovo film del regista americano racconta la storia del mitico incontro di rugby del 1995. Si affrontarono gli All Blacks e gli Springbocks del Sudafrica multirazziale voluto dal Presidente Nelson Mandela.
samedi 16 janvier 2010 par Federico La Sala
[...] un’ora e mezza di epica dello sport coniugata con la democrazia e con l’antirazzismo, non sembrava pi¨ di essere al cinema ma a teatro o meglio ancora allo stadio Ellis Park di Johannesburg dove appunto i ragazzi verde oro, gli Springbocks, battevano gli avversari, i leggendari All Blacks della Nuova Zelanda, ma soprattutto battevano i pronostici e se stessi, l’apartheid, l’odio razziale, i pregiudizi che sino ad allora, sotto la commedia del tifo civile ed elegante, avevano (...)

En réponse à :

> A NELSON MANDELA, UN OMAGGIO SOLARE : "INVICTUS". --- Sudafrica : la famiglia bianca che prov˛ la vita black (di Paolo G. Brera)

mercredi 18 septembre 2013

Sudafrica : la famiglia bianca che prov˛ la vita black

di Paolo G. Brera (la Repubblica, 17 Settembre 2013)

Un giorno gli Hewitt, proprietari di una bella casa nel verde di East Pretoria, hanno detto addio al loro mondo di certezze e sicurezza, di comodi sofÓ e ronde di vigilantes, e si sono trasferiti dieci chilometri e un altro pianeta pi¨ in lÓ : alla porta accanto della loro donna delle pulizie, nello slum dei neri di Mamelodi , un villaggio di baracche affogato dalla malavita e dai pidocchi, dall’Aids e dalla droga. Lo hanno fatto per un esperimento di « empatia sociale » durato un mese, nato in sordina e finito sotto i riflettori di mezzo mondo, in un mare di polemiche.

Insieme a Julia e Jessica, i loro angioletti biondi di due e quattro anni, Julian e Ena volevano provare sulla loro pelle di sudafricani bianchi della middle class come fanno milioni di concittadini neri a sopravvivere in una stamberga di lamiera di 9 metri quadrati senza energia elettrica nÚ acqua corrente, con una latrina maleodorante in comune con venti famiglie e un fornelletto a paraffina per cucinare qualche zuppa. « Sai che c’Ŕ ? Spero che il fornelletto si rovesci e che ci bruciate vivi, nella baracca. Addio », li ha demoliti su twitter una blogger nera,@keratilwe.

Ma il loro esperimento senza apparenti doppi fini - niente libri in arrivo nÚ programmi tv - ha diviso il Paese, tra lodi per il « coraggio » e accuse di « pornografia della miseria » ; tra gli abbracci dei vicini di bicocca e le critiche feroci piovute sui social network e negli editoriali : « Hanno cercato e accettato simpatia e lodi per i disagi che altri subiscono quotidianamente senza nulla in cambio », li accusa lo scrittore Osiame Molefe dalle pagine del New York Times, uno dei quotidiani internazionali ad aver ripreso una storia cosý insolita. Loro si difendono con passione, attraverso il blog mamelodiforamonth. co.za che hanno aperto per raccontare la loro avventura.

« Ci hanno accusato di aver preso in giro la povertÓ, ma non Ŕ cosý. Come tanta gente nel nostro Paese vivevamo in una bolla. E abbiamo deciso di uscirne ». Dalla loro villetta si sono portati dietro solo dieci dollari al giorno - la stessa somma con cui campano ogni giorno milioni di neri nelle township - e un catino di vestiti, qualche materasso da stendere per terra e poche coperte, troppo poche per le rigide notti agostane dell’inverno di Pretoria, a 1350 metri di altitudine sull’altopiano del Transvaal. Si sono presi la febbre, hanno perso 5 chili a testa e hanno scoperto quanto sia difficile e costoso - il 47% del budget - andare al lavoro con autobus e treni. E « quanto mi Ŕ mancata la doccia... una pentola d’acqua calda e un secchio per lavarsi la testa Ŕ troppo, per me. Il secchio poi lo devi riusare per i piatti e i vestiti, ci vorrebbe un’ora e mezza per scaldare altra acqua al fornelletto », racconta Ena. Hanno vissuto senza sconti, ma per un mese soltanto : poi loro sono tornati a casa, gli altri no.

Amici e parenti li avevano implorati almeno di lasciare a casa le bimbe. Troppo pericoloso, nel Sudafrica che vent’anni dopo l’apartheid continua a camminare in bilico su un’integrazione difficile e dolorosa. A Pretoria come nel resto del paese, i bianchi si barricano in quartieri protetti da alte mura, con l’incubo perenne di essere rapinati o uccisi da un nero dello slum. Ma gli Hewitt hanno scoperto che c’Ŕ un altro Sudafrica : « Non potevamo fare 50 metri senza che ci salutassero e ci fermassero per fare due chiacchiere. Una famiglia nera in un sobborgo bianco verrebbe accolta allo stesso modo ? ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :