Inviare un messaggio

In risposta a:
CALABRIA: CHIESA, STATO E ’NDRANGHETA. UNA SVOLTA NECESSARIA E URGENTE ...

SUI FATTI DI ROSARNO, ALLA DIOCESI DI OPPIDO-PALMI, LETTERA DEL VESCOVO LUCIANO BUX: "NON SI PUO’ SERVIRE DUE PADRONI". Domenica, il messaggio del ve­scovo verrà letto in tutte le chiese - a cura di Federico La Sala

A quei fedeli che sono stati solo a guardare dico: ogni volta che vedete un essere umano che è nel bisogno, non state solo a guardare e a parlare, ma rimboccatevi le maniche e datevi da fare (...)
lunedì 18 gennaio 2010 di Federico La Sala
[...] Alle persone che vivono con la mente e il cuore lontano da Dio, anche se si mostrano religiosi credenti, ricordate loro che Gesù dice: « Nessuno può servire due padroni, perché ... si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza » ( Mt. 6, 24) [...]
ALLA CALABRIA, AL SUO CORAGGIO E ALLE SUE LACRIME: LA "MEMORIA" DEL VESCOVO BREGANTINI. Documento del 17 ottobre 2005
EVANGELO E COSTITUZIONE. "Per amore del mio popolo non tacerò" (Profeta ISAIA).
PER (...)

In risposta a:

> SUI FATTI DI ROSARNO ---- Secondo il sostituto procuratore alla Direzione nazionale antimafia, Alberto Cisterna, questi scontri sono stati orchestrati totalmente da clan della ’ndrangheta, la potente mafia calabrese (di Anne Le Nir -La Croix)

lunedì 18 gennaio 2010


-  La mafia calabrese ha cacciato gli Africani da Rosarno

-  di Anne Le Nir
-  La Croix, 18 gennaio 2010 (traduzione: www.finesettimana.org)

“I poliziotti ci hanno mentito! Ci hanno fatti salire sugli autobus, in tutta fretta, assicurandoci che ci avrebbero protetti, che ci avrebbero lasciato andare dove volevamo, a Roma, Napoli, Milano... Ci siamo ritrovati imprigionati qui, senza avere alcuna idea della nostra sorte.” Qui, è il centro di identificazione e di espulsione di Bari, nelle Puglie. Il giovane che dice di essere stato preso in giro dalle forze dell’ordine si chiama Francis, è del Ghana e lavorava come operaio agricolo in Calabria, a Rosarno, diventata la città simbolo della “caccia ai neri”.

Più di 1000 immigrati venuti principalmente dal Ghana, ma anche dal Mali, dalla Costa d’Avorio, dal Togo, dal Burkina Faso, dal Niger e dalla Sierra Leone, hanno dovuto fuggire per salvare la pelle dopo i violenti scontri che sono scoppiati il 7 gennaio tra la popolazione locale e i migranti in questo comune, nel cuore della piana di Gioia Tauro, dove i lavoratori immigrati rimpiazzano, ad un costo di gran lunga inferiore, la mano d’opera italiana. Da più di dieci anni, centinaia di migranti arrivavano ogni inverno, tra dicembre e marzo, periodo della raccolta dei mandarini, delle clementine e delle arance. Certi vi si erano anche stabiliti con la famiglia. La maggioranza di quelli che sono stati evacuati è in possesso di un permesso di soggiorno. Secondo le cifre del ministero dell’interno, il 60% di loro è in situazione regolare, il 20% sono richiedenti asilo.

Tra gli irregolari, una cinquantina si trova nel centro di identificazione di Bari, dal quale rischiano di uscire solo per essere espulsi. “Si tratta di una situazione molto preoccupante, contro la quale dobbiamo mobilitarci”, ha dichiarato a La Croix la deputata europea di Europe Ecologie Hélène Flautre, che si è recata in questo fine settimana a Bari insieme ad altri membri della commissione delle libertà civili del Parlamento europeo. “Quelli che sono in situazione irregolare lo sono perché, come tutti gli immigrati di Rosarno, erano pagati in nero. Tutti quelli che ho incontrato a Bari chiedono solo di rispettare le leggi. Hanno tra i 20 e i 30 anni, e hanno accettato una vera situazione di schiavitù: lavorare 13 ore al giorno per essere pagati o 1 € la cassa di agrumi, o 20- 25 € al giorno; vivere ammucchiati come bestie in edifici insalubri.”

Francis, che è sbarcato a Lampedusa nel 2008, e i suoi compagni hanno raccontato le stesse paure, le stesse collere. “Gli scontri sono stati provocati dall’aggressione ad un togolese ferito da un colpo di fucile ad aria compressa sparato da un calabrese e dalle voci che si sono diffuse come un fuoco di paglia tra la comunità africana, che dicevano che due nostri ’fratelli’ erano stati uccisi. Noi eravamo spaventati, e c’è stata la rivolta”, afferma. “La polizia ha detto loro che dovevano lasciare Rosarno perché rischiavano la vita, precisa Hélène Flautre. Sono stati evacuati senza poter ricevere il denaro che il padrone doveva loro, senza prendere le loro cose personali. Erano sconvolti, terrorizzati e lo sono ancora.”

Secondo il sostituto procuratore alla Direzione nazionale antimafia, Alberto Cisterna, questi scontri sono stati orchestrati totalmente da clan della ’ndrangheta, la potente mafia calabrese. “La ’ndrangheta non tollera che si protesti contro le sue leggi, contro la sua autorità suprema, non sopporta alcun disordine, a parte quello che crea lei stessa! Quando si parla di controllo del territorio da parte della criminalità organizzata, è di questo che si tratta”, spiega a La Croix.

“I prossimi immigrati di Rosarno saranno essenzialmente di provenienza dall’Europa dell’est, più flessibili, meno visibili, più rispettosi della legge del silenzio”, assicura il magistrato antimafia. E gli africani? Quelli che se ne sono andati con i loro mezzi si sono diretti o verso il nord-est del paese o verso altre regioni del sud, in particolare in Campania, a Castelvolturno o a Caserta, dove la presenza di operai africani risale agli anni ’80. Assistiti da associazioni di volontariato meglio che in Calabria, restano però anche lì preda di un’altra mafia, la camorra, molto presente nelle aziende agricole e nell’edilizia.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: