Inviare un messaggio

In risposta a:
IN MEMORIA DI SIGMUND FREUD. IL "GRANDE RACCONTO" EDIPICO DELLA GERARCHIA DELLA CHIESA CATTOLICO-ROMANA E’ FINITO ...

AL SEGRETARIO DI STATO BERTONE, CHE ASSOCIA PEDOFILIA E OMOSESSUALITA’, UNA RISPOSTA DEI TEOLOGI DEL CENTRO STUDI TEOLOGICI DI MILANO.

Ieri, parlando dal Cile, il segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone non ha solo annunciato nuovi provvedimenti anti-abusi dei sacerdoti. Ma ha anche pronunciato una frase che ha fatto insorgere le comunità gay, sia quelle locali che quelle italiane.
martedì 13 aprile 2010 di Federico La Sala
CENTRO STUDI TEOLOGICI
Milano, 13 Aprile 2010 - IL CARDINALE TARCISIO BERTONE, SEGRETARIO DI STATO VATICANO, DOVREBBE OCCUPARSI DEL PRESEMINARIO SAN PIO X , IL COLLEGIO DEI CHIERICHETTI CHE FANNO SERVIZIO IN BASILICA DI SAN PIETRO E CHE SI TROVA DENTRO LA CITTA’ DEL VATICANO, E CHE SERVONO LA MESSA AL PAPA E AI CARDINALI, VISTO CHE MOLTI PARROCI IN ITALIA E DA MALTA NON MANDANO PIU’ I RAGAZZINI PERCHE’ VENIVANO MOLESTATI SESSUALMENTE, INVECE DI GETTARE DISCREDITO SULLE PERSONE (...)

In risposta a:

> AL SEGRETARIO DI STATO BERTONE.... - "È un assurdo scientifico cercano un alibi all’omertà". Parla Franco Grillini (di Caterina Paolini) --- LA CONFUSIONE DELLA CHIESA (di Francesco Merlo)-

mercoledì 14 aprile 2010

Parla Franco Grillini presidente onorario di Arcigay "È un assurdo scientifico cercano un alibi all’omertà"

Ci pensa la cronaca a smentire il cardinale col sacerdote accusato di aver molestato una bambina

di Caterina Pasolini (la Repubblica, 14.04.2010)

ROMA - «Il cardinal Bertone dice infamità, mente sapendo di mentire». Non va leggero Franco Grillini, storico presidente dell’Arcigay ora deputato dell’Idv e direttore di Gaynews. E lancia una manifestazione di protesta sotto il Vaticano con pubblica lettura dei casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti chiedendo che chi ha subito parli, scriva a infogaynews.it «Perché bisogna rompere mezzo secolo di omertà».

Chi mente?

«Il cardinale perché equipara omosessualità e pedofilia, un assurdo scientifico, ma ci pensa la cronaca a smentirlo col sacerdote accusato di aver molestato una bambina».

Bertone cita esperti...

«Bischerate. La realtà è che l’Oms parla di omosessualità come di una caratteristica della personalità, una variante naturale del comportamento umano mentre la pedofilia è una patologia. Il problema però è un altro».

Qual è il nodo?

«La chiesa si sente sotto attacco e cerca di spostare l’attenzione, di far dimenticare che per 50 anni ha scelto una politica omertosa, invitando a non denunciare alla giustizia i casi di abusi ma solo a segnarli alle autorità religiose».

Silenzio e segreti?

«Sì, è la morale italiana cattolica: vizi privati e pubbliche virtù, all’insegna del si fa, ma non si dice. Perché tutti sanno ma non parlano».

Esperienza personale?

«Quando ero ragazzino un sacerdote mi fece strane domande, mi invitò in sagrestia ma io a disagio corsi a casa. Anni dopo si scoprì che aveva abusato di altri adolescenti, che tutti sapevano».

Che fare?

«Il celibato è un assurdo, non è possibile che ragazzi giovani siano costretti ad una vita senza relazioni affettive e sessuali, poi finisce che non riescono a trattenersi e abusano dei più deboli».


La confusione della Chiesa

di Francesco Merlo (la Repubblica, 14.04.2010)

È un disagio più che un errore, non è un’analisi più o meno grossolana ma una reazione scomposta, è un danno che la Chiesa non fa agli omosessuali ma a se stessa. Il cardinale Tarcisio Bertone, che è un uomo di solito prudente ed è, nientemeno, il numero due dello Stato Vaticano, per difendere il celibato ha abusato dell’omosessualità: «Molti sociologi, molti psichiatri hanno dimostrato che non c’è relazione tra celibato e pedofilia - ha detto in Cile - e invece molti altri hanno dimostrato, me lo hanno detto recentemente, che c’è una relazione tra omosessualità e pedofilia».

Sulla natura e le origini della pulsione pedofila sono state scritte molte cose, ma che ci sia un rapporto statistico-scientifico tra omosessualità e pedofilia è sicuramente una bugia. Detta da un teologo la bugia è ancora più grave. Il cardinale Bertone ha infatti un rapporto altissimo con il candore e con l’amore, un’abitudine filosofica con la profondità, è un uomo di Dio.

Perciò davvero ci sorprende che sia entrato a piedi uniti su una questione così delicata e complessa. E ci pare, alla fine, che le sue parole non debbano essere lette come un manifesto teocratico dell’intolleranza a uso e consumo degli omofobi, ma come una drammatica confessione di debolezza, dello stato confusionale in cui si trova la Chiesa cattolica in questo momento.

Tutti sappiamo che la pedofilia è sesso con bambini o bambine, è uno dei tanti misteri della psiche e della storia dell’umanità, la conosciamo dai tempi dell’antica e tollerante Grecia. Per noi è perversione, è depravazione, è violenza perché il pedofilo rende disponibile a sé un corpo che non è ancora animato autonomamente, non è maturo per le scelte sessuali, non è responsabile. Alla bimba o al bimbo viene infatti imposto un rapporto fisico in maniera subdola da qualcuno che è più grande, è autorevole, gode della sua fiducia, esercita una forte influenza spirituale.

Ecco, a noi pare molto strano che un uomo di Chiesa non si renda conto di quanto sia oltraggioso imputare di reato l’omosessualità, associarla alla pedofilia. Noi non abbiamo la presunzione di sapere che cos’è l’omosessuale né qual è la maniera meglio accettata da Dio di definire o di praticare la sessualità in genere.

Ma tutti, anche Bertone e il clero di Roma, sanno che la pedofilia è un reato, un feroce abuso e invece l’omosessualità - sia una scelta o sia imposta dalla natura - è comunque legittima tanto quanto l’eterosessualità. Hanno gli stessi titoli. A nessun cardinale è venuto in mente di giustificare o soltanto di associare con argomenti scientifici lo stupro con l’eterosessualità: ci sono eterosessuali stupratori e ci sono eterosessuali pedofili, maschi e femmine, come ci sono ladri calvi e ladri capelloni. Non è il capello che fa l’uomo ladro, illustre cardinale.

E però è così facile replicare al cardinale Bertone che mentre scriviamo stiamo ancora a chiederci che cosa sta succedendo nella nomenklatura della Chiesa di Roma. Noi sappiamo bene che ci sono molti preti all’avanguardia nella battaglia contro la pedofilia e la depravazione violenta.

Sarebbe dunque grossolano sostenere che tutti i preti, in quanto celibi, sono pedofili, perché appunto ne vediamo tanti che si danno anima e corpo a difendere i bambini, a proteggere la loro ingenuità, a rilanciare l’immagine evangelica dei pargoli che vanno a Cristo. Fosse solo dal punto di vista della comunicazione, i pastori di Roma non ne indovinano più una. Sembrano non custodire più il gregge, non proteggere più le pecorelle.

Invece di limitarsi a rimediare ai propri difetti e a ripulire la propria comunità dai vizi, rispondendo ovviamente nel merito a chi eccede e a chi attacca per anticlericalismo preconcetto, si arroccano in una difesa aggressiva che è più deleteria degli attacchi subiti. L’idiozia di evocare un complotto sionista perché il New York Times appartiene a un ebreo è una tecnica tipica dei cavernicoli, da Polifemo che accecato dal suo dolore accusava Nessuno, ai falsi protocolli di Sion che imputavano agli ebrei di attentare alla cristianità. Anche la minimizzazione del quotidiano americano, definito «un tabloid», è roba da polemisti di provincia. Da uno dei poteri più antichi, sapienti e collaudati, ci si aspetterebbe un’intelligenza e una spiritualità più attrezzate.

Diciamo la verità: non siamo abituati a una Chiesa che si arrampica sugli specchi, allo smarrimento di una gerarchia ecclesiastica spaventata dagli scheletri negli armadi. Certo Tarcisio Bertone ha il diritto e anche il dovere di difendere la Chiesa e il celibato dei preti, ma offendendo così gli omosessuali tradisce la sua fragilità, espone la sua omofobia, disarma tutti i soldati di Cristo.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: