Inviare un messaggio

In risposta a:
LO STATO DEL FARAONE, LO STATO DI MINORIT└, E IMMANUEL KANT "ALLA BERLINA" - DOPO AUSCHWITZ

"LEZIONE SU KANT" A GERUSALEMME: PARLA EICHMANN "PILATO", IL SUDDITO DELL’"IMPERATORE-DIO". Il ’sonnambulismo’ di Hannah Arendt prima e di Emil Fackenheim dopo. Alcuni appunti sul tema - di Federico La Sala

ADOLF EICHMANN CHIARISCE COME E’ DIVENUTO “ADOLF EICHMANN”, MA HANNAH ARENDT TESTIMONIA CONTRO SE STESSA E BANALIZZA: “IO PENSO VERAMENTE CHE EICHMANN FOSSE UN PAGLIACCIO”( ...)
lunedì 14 novembre 2011
[...] “(...) quella giornata fu indimenticabile per Eichmann. BenchÚ egli avesse fatto del suo meglio per contribuire alla soluzione finale, fino ad allora aveva sempre nutrito qualche dubbio su “una soluzione cosÝ violenta e cruenta”. Ora questi dubbi furono fugati. “Qui, a questa conferenza, avevano parlato i personaggi pi˙ illustri, i papi del Terzo Reich”. Ora egli vide con i propri occhi e udÝ con le proprie orecchie che non soltanto Hitler, non soltanto (...)

In risposta a:

> "LEZIONE SU KANT" A GERUSALEMME ---- Freedom Flotilla, il convoglio di 6 navi che intende rompere l’assedio di Gaza sfidando il blocco israeliano, si trova attualmente di fronte alle coste libanesi.

domenica 30 maggio 2010

GERUSALEMME E LA SFIDA DI NETANYAHU. Un modo di dare "a Hitler vittorie postume" (Emil L. Fackenheim)


-  CONTRO L’ASSEDIO

-  La flottiglia umanitaria sulla rotta di Gaza
-  sfida il blocco della marina israeliana
*

NICOSIA - Freedom Flotilla, il convoglio di 6 navi che intende rompere l’assedio di Gaza sfidando il blocco israeliano, si trova attualmente di fronte alle coste libanesi. Le navi, guidate da una nave turca, con pi¨ di 600 persone a bordo, sono state per giorni ancorate in acque internazionali al largo di Cipro. Stamane gli organizzatori avevano detto che erano partite ma pi¨ tardi hanno precisato che il convoglio si era spostato di 25 miglia nautiche dalla posizione iniziale ed era stazionaria. "E’ stata una decisione strategica quella di spostarci", ha detto Greta Berlin, la portavoce di Free Gaza, uno degli organizzatori.

"Siamo partiti - ha aggiunto la Berlin - poco dopo le 16. La marina israeliana blocca una zona a circa 20 miglia nautiche dalla costa di Gaza, dove noi contiiamo di arrivare nella tarda mattinata o all’inizio del pomeriggio di domani, lunedý". Il convoglio umanitario dovrÓ fare uno stop al limite di queste acqua internazionali prima di tentare di arrivare allo scopo lunedý mattina.

Le navi portano pi¨ di 700 passeggeri di 40 nazionalitÓ diverse e vogliono consegnare 10 mila tonnellate di aiuti umanitari, tra cui cemento, medicine, generi alimentari, e altri beni fondamentali per la popolazione di Gaza. In ogni caso, tutto materiale espressamente vietato dal governo israeliano, che ha reso noto una lista di 2.000 oggetti ai quali Ŕ interdetto l’accesso a Gaza, compresi gli aghi con il filo, le gomme per cancellare, i libri, stoviglie, coperte, occhiali, sedie a rotelle....

Invece a bordo delle navi ci sono anche case prefabbricate, 500 sedie a rotelle elettriche, oltre a cinque parlamentari (di Irlanda, Italia, Svezia, Norvegia e Bukgaria) ed esponenti di Ong, associazioni e semplici cittadini filo-palestinesi intenzionati a forzare il blocco di aiuti umanitari a Gaza. L’obiettivo della spedizione, salpata giovedý dalla Turchia, Ŕ rompere l’assedio a Gaza e introdurre materiale. Le autoritÓ israeliane hanno minacciato di utilizzare la forza se i militanti insisteranno nel tentativo di avvicinarsi alle coste, ed hanno avvertito che rischiano arresto, espulsione e la confisca del carico.

Secondo la Berlin, Israele rischia il disastro mediatico se tenterÓ di intercettare gli attivisti: "L’unico scenario che ha qualche senso per loro Ŕ smetterla di fare i ’bulli’ del Medio Oriente e lasciarci passare". Lo stato ebraico prevede, se i mezzi navali si rifiuteranno di tornare indietro, di riorientarle verso il porto israeliano di Ashdod, a sud di Tel Aviv e poi rispedire i militanti nei loro Paesi. Secondo Tsahal, dopo un controllo di sicurezza il carico sarÓ inviato a Gaza per essere distribuito.

* la Repubblica, 30.05.2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: