Poster un message

En réponse à :
EICHMANN A GERUSALEMME (1961). “come fu possibile la hitlerizzazione dell’Imperativo Categorico di Kant ? E perché è ancora attuale oggi ?” (Emil L. Fackenheim, Tiqqun. Riparare il mondo).

HEIDEGGER, KANT, E LA MISERIA DELLA FILOSOFIA - OGGI. Alcune note di Federico La Sala

(...) Ancora oggi, ci sono studiosi che sembrano “prendere sul serio il profetismo di Heidegger” e insistono a dare credibilità ai sogni dei visionari e dei metafisici (...)
lundi 22 août 2011
[...] Nel 1933, il discorso del rettorato di Martin Heidegger è la ‘logica’ conseguenza dell’assassinio non solo del “Mosè della nazione tedesca” (come voleva Holderlin), ma del Mosè Liberatore e Legislatore dell’intera tradizione abramica (ebraismo, cristianesimo, e islamismo) ed europea. L’"Uno" di Mosè (“Ascolta Israele, il Signore nostro Dio, il Signore è Uno”), come l’“uno”di Kant, diventa l’uno della monarchia prussiana prima (si cfr. la (...)

En réponse à :

> HEIDEGGER, KANT, E LA MISERIA DELLA FILOSOFIA - OGGI. --- I « Quaderni neri » e Auschwitz : la Germania senza colpa di Heidegger (di Frediano Sessi)

lundi 25 janvier 2016


La Germania senza colpa di Heidegger

di Frediano Sessi (Corriere della Sera, 25.01.2016)

Nel riscrivere buona parte di alcuni capitoli del suo importante saggio Heidegger e gli ebrei. I « Quaderni neri » per la nuova edizione appena uscita (Bollati Boringhieri, pagine 367, e 20), Donatella Di Cesare si rivolge al lettore in modo appassionato : « Spero che questo libro venga giudicato solo dopo essere stato letto davvero sino alla fine ». E aggiunge, quasi a citazione di un pensiero che Primo Levi aveva consegnato al suo saggio I sommersi e i salvati : « In questo tempo la complessità è mal sopportata ». Levi, che dovrà lottare contro grumi e mucchi di fraintendimenti, scriveva che se il nostro desiderio di semplificazione è giustificato, « la semplificazione non sempre lo è ». Lui era arrivato a porre l’attenzione sulla condizione della vittima che collabora al male, rifiutando ogni visione manichea delle parti in causa nei lager.

Con il saggio Heidegger e gli ebrei, l’autrice si allontana da facili giudizi o ricostruzioni storiche, anche dotte, dell’opera heideggeriana che hanno animato il dibattito di questi anni. Proprio lo scavo in profondità è l’essenza del lavoro della Di Cesare. E qui, complessità e approfondimento non vogliono dire difficoltà di lettura, o linguaggio oscuro. Il saggio della filosofa romana (allieva di Hans-Georg Gadamer ed ex vicepresidente della Martin Heidegger-Gesellschaft, l’associazione tedesca dedicata al filosofo) è di grande leggibilità e chiarezza. Tanto che si presta a una lettura agevole sia da parte di giovani e insegnanti non specialisti ; sia da parte di coloro che si propongono lavori di ricerca.

Magistrale l’analisi dei rapporti tra il Mein Kampf di Hitler, ora ripubblicato anche in Germania, e i suoi echi e fondamenti filosofici e politici, da cui emerge un razzismo non solo biologico, ma culturale ; importante e acuta la discesa nel pensiero filosofico tedesco e i suoi legami con l’antisemitismo.

Senza equivoci poi le parole sulla posizione di Heidegger : « Fa corpo con il popolo tedesco. Non c’è traccia di distanza, neppure di fronte alle prove dei crimini ». Siamo nel capitolo del libro intitolato « Dopo Auschwitz ». Donatella Di Cesare è ferma nel sostenere che c’è una evidente continuità tra i Quaderni neri heideggeriani (vale a dire gli appunti personali del filosofo tedesco) e la sua opera.

Ed ecco uno dei punti di snodo : l’antisemitismo di Heidegger è più che altro metafisico, ontologico (vale a dire all’origine delle cose, radicale). L’ebreo sarebbe estraneo alla storia dell’Occidente, una specie di artefatto che costituisce un impedimento alla storia dell’Essere. In concreto, per Heidegger gli ebrei sono un nulla e allo stato del nulla vanno riportati, anche senza dignità, senza rito funebre, senza sepoltura, facendo scomparire i loro cadaveri, come fecero in concreto i nazisti, non mai accusati di errore e orrore da Heidegger.

Auschwitz allora che cosa è se non la fabbrica dei cadaveri, l’elogio della tecnica della distruzione ? Proprio qui, Heidegger vede nello sterminio una sorta di autoannientamento. La Shoah avrebbe allora un ruolo decisivo nella storia dell’Essere, perché, coincidendo con il compimento della tecnica, consuma se stessa e l’ebreo che ne è il motore.

Da parte di Heidegger non ci sono colpe da dichiarare, perché in realtà sono i tedeschi le vittime, « contro di loro è stato compiuto il vero incommensurabile crimine ». « Nessuna pietà né del pensiero né del sentire », perché ancora non si guarda « alle vere vittime che si sono offerte in sacrificio per la salvezza dell’Occidente ».

Heidegger si chiama così fuori da ogni responsabilità e chiama fuori il popolo tedesco, per lui vera vittima della vergogna e dell’infamia.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :