Poster un message

En réponse à :
LE RADICI CRISTIANE DELL’EUROPA E LE RADICI NASCOSTE DEL CATTOLICESIMO-ROMANO ....

IL BELGIO, IL VATICANO, E LE SABBIE DEL DESERTO DEI FARAONI. Sul caso, un resoconto di Marco Ansaldo - a cura di Federico La Sala

Davanti all’ira del Vaticano il Belgio non sembra scomporsi, e la maggior parte dei media mostra anzi di appoggiare l’azione della magistratura.
mardi 29 juin 2010 par Federico La Sala
[...] La Procura belga ha respinto le accuse lanciate dal segretario di Stato vaticano. Ai vescovi, ha detto il portavoce Jean-Marc Meilleur, è stata data la possibilità di mangiare e bere, e le perquisizioni sono state condotte « da professionisti che conoscono molto bene il loro lavoro e che rispettano i diritti delle persone » [...]
LA CHIESA E IL VERGOGNOSO SILENZIO SULLA PEDOFILIA DELLA GERARCHIA VATICANA. Il tradimento strutturale della fiducia. Una nota sul numero 3 (2004) della (...)

En réponse à :

> IL BELGIO, IL VATICANO, E LE SABBIE DEL DESERTO DEI FARAONI. ---BRUXELLES Nuovo capitolo nella vicenda dei casi di pedofilia nella chiesa belga. La commissione creata dalla Chiesa per esaminare i casi di abusi sessuali sui minori in Belgio, guidata da Peter Adriaenssens, si è dimessa.

lundi 28 juin 2010


-  PEDOFILIA

-  Belgio, si dimette la commissione della Chiesa che indagava sugli abusi

-  Peter Adriaenssens e l’intero gruppo abbandonano l’incarico

BRUXELLES Nuovo capitolo nella vicenda dei casi di pedofilia nella chiesa belga. La commissione creata dalla Chiesa per esaminare i casi di abusi sessuali sui minori in Belgio, guidata da Peter Adriaenssens, si è dimessa nella sua totalità. Lo si è appreso da fonti di stampa. Peter Adriaenssens, il presidente della Commissione incaricata dalla Chiesa di esaminare il dossier sugli abusi sessuali in cui sono coinvolti alcuni sacerdoti, ha gettato la spugna per primo. Lo scrive il quotidiano De Standaard in edicola oggi, sottolineando che la decisione dello psichiatra è arrivata dopo che la procura belga ha sequestrato tutto il materiale raccolto dalla Commissione istituita dalla chiesa belga. « Siamo stati utilizzati come esca », ha attaccato Adriaenssens aggiungendo che il sequestro del materiale dimostra la diffidenza di cui hanno dato prova le autorità giudiziarie. « Hanno agito in questo modo perché pensavano che potessimo tenere nascosta la verità, mentre la nostra intenzione era di lavorare in piena trasparenza », ha commentato Adriaenssens.

Ieri, Papa Benedetto XVI ha criticato le perquisizioni disposte dalla magistratura belga « con modalità sorprendenti e deplorevoli » nelle sedi episcopali del Paese, nell’ambito delle indagini su presunti casi di pedofilia. In un messaggio rivolto al presidente della Conferenza Episcopale belga, l’arcivescovo André-Joseph Leonard, il Pontefice ha espresso la propria « vicinanza e solidarietà a tutti i Vescovi della Chiesa in Belgio per le sorprendenti e deplorevoli modalità con cui sono state condotte le perquisizioni nella Cattedrale di Malines e nella Sede dove era riunito l`Episcopato belga in una Sessione plenaria che, tra l`altro, avrebbe dovuto trattare anche aspetti legati all`abuso di minori da parte di membri del clero ». « Più volte io stesso ho ribadito che tali gravi fatti vanno trattati dall`ordinamento civile e da quello canonico, nel rispetto della reciproca specificità e autonomia », ha continuato il messaggio, pubblicato sul sito internet della Santa Sede e nel quale Benedetto XVI auspica che « la giustizia faccia il suo corso, a garanzia dei diritti fondamentali delle persone e delle istituzioni, nel rispetto delle vittime, nel riconoscimento senza pregiudiziali di quanti si impegnano a collaborare con essa e nel rifiuto di tutto quanto oscura i nobili compiti ad essa assegnati ».

Secondo il ministro della Giustizia belga, Stefan De Clerck, se la chiesa ha il diritto di istituire una commissione (presieduta da Adriaenssens), le vicende di pedofilia sono di competenza della giustizia « che ha preso in mano il dossier ». De Clerck ha ribadito che, nel corso delle perquisizioni, i vescovi sono stati trattati in modo normale e ha definito « eccessive » le dichiarazioni del cardinale Tarcisio Bertone che ha paragonato le operazioni della giustizia belga a quelle degli ex Paesi comunisti.

* La Stampa, 28/6/2010 (11:23)


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :