Poster un message

En réponse à :
LA CHIESA DEL SILENZIO E DEL "LATINORUM". Il teologo Ratzinger scrive da papa l’enciclica "Deus caritas est" (2006) e, ancora oggi, nessuno ne sollecita la correzione del titolo. Che lapsus !!! O, meglio, che progetto !!!

LA TEOLOGIA DEL MENTITORE, LA CHIESA DI COSTANTINO, E LA SOVRANITA’ DEL PAPA. Perché il papa difende Sodano ? Un’analisi di Vito Mancuso - a cura di Federico La Sala

Al termine degli Esercizi spirituali così Ignazio di Loyola illustrava il rapporto con la verità che deve avere il cattolico : "Quello che io vedo bianco, lo credo nero se lo stabilisce la Chiesa gerarchica".
dimanche 18 juillet 2010 par Federico La Sala
[...] com’è possibile che nella Chiesa tanti crimini siano stati occultati e che all’interesse delle
vittime sia stato preferito quello dei loro aguzzini ? La risposta a mio avviso consiste nella teologia
elaborata lungo i secoli che ha condotto a una vera e propria idolatria della struttura politica della
Chiesa, a una sorta di sequestro dell’intelligenza da parte della struttura per affermare se stessa sopra
ogni cosa, il cui inizio si può emblematicamente collocare, come già intuito da (...)

En réponse à :

> LA TEOLOGIA DEL MENTITORE, LA CHIESA DI COSTANTINO, E LA SOVRANITA’ DEL PAPA. ---- Il "New York Times" contro il Papa. Per il quotidiano "ci fu rimozione ed esplicito ostruzionismo sui casi di violenze sessuali".

vendredi 2 juillet 2010

IL J’ACCUSE CONTRO BENEDETTO XVI

Il "New York Times" contro il Papa

Papa Benedetto XVI è oggetto di pesanti accuse da parte del New York Times

Per il quotidiano "ci fu rimozione ed esplicito ostruzionismo sui casi di violenze sessuali" *

NEW YORK Dopo la decisione della Corte Suprema americana sulla possibilità di processare la Santa Sede per un caso di molestie sessuali perpetrate dal clero locale, il New York Times torna oggi ad affrontare lo scandalo degli abusi con un lungo articolo che prende in esame il ruolo svolto da Benedetto XVI prima e dopo essere diventato Papa. E l’autorevole quotidiano statunitense in prima pagina sottolinea come « il futuro papa è stato parte della cultura della non responsabilità, della rimozione, di rinvii cavillosi ed esplicito ostruzionismo » da parte della Chiesa.

« Più di ogni altro responsabile del Vaticano, fatta eccezione per Giovanni Paolo II, il Cardinale Joseph Ratzinger », al tempo in cui era prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, « avrebbe potuto prendere misure decisive negli anni ’90 per evitare che lo scandalo (della pedofilia, ndr) si diffondesse come una metastasi da un paese all’altro, crescendo in proporzioni tali da minacciare adesso di consumare il papato », scrive il New York Times.

Il quotidiano ricorda come il Vaticano abbia tenuto un « meeting segreto » nel 2000 - dopo le ripetute preoccupazioni espresse dai vescovi anglosassoni sull’argomento - che l’anno successivo produsse la decisione di attribuire all’allora Cardinale Joseph Ratzinger l’autorità di occuparsi direttamente dei presunti scandali.

Ma il New York Times ricorda che l’ufficio guidato dal futuro pontefice, la Congregazione per la Dottrina della Fede, « aveva assunto già la competenza sui casi di abusi sessuali da circa 80 anni, nel 1922 ». « Ma per i due decenni in cui è stato a capo di quell’ufficio, il futuro papa non ha mai affermato quella autorità », aggiunge il quotidiano.

Il New York Times ricorda poi che « come Papa, Benedetto ha incontrato le vittime di abusi sessuali per tre volte », ma il quotidiano non manca di sottolineare che « oggi la crisi degli abusi sta divampando nel cuore cattolico dell’Europa » e « il Vaticano sta rispondendo ancora agli abusi dei preti con il suo (personale, ndr) ritmo, mentre è assediato da un mondo esterno che vuole che si muova più velocemente e con più decisione ».

* La Stampa, 2/7/2010


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :