Poster un message

En réponse à :
NASA ED EXTRATERRESTRI. VITA NELL’UNIVERSO ....

ALIENI SULLA TERRA : UNA VITA ALL’ARSENICO. La Nasa scopre un batterio che vive in ambienti impossibili - a c. di Federico La Sala

(....) l’ente spaziale avrebbe individuato, in un lago negli Stati Uniti ricco di arsenico, la presenza di un microbo in grado di sopravvivere in condizioni proibitive per l’essere umano.
vendredi 3 décembre 2010 par Federico La Sala
[...] "Se sulla Terra hanno trovato batteri vivi dello stesso tipo di quelli marziani - sottolinea Pinotti - ci troveremmo di fronte a una forma di vita che c’era all’origine anche su Marte. Se cosi’ fosse, vorrebbe dire che il fenomeno vita e’ stato importato sulla Terra e che siamo tutti alieni".
"Credo -aggiunge- che la Nasa probabilmente illustrera’ la conferma che forme di vita individuate nel sistema solare, probabilmente su Marte, Giove o anche Titano, hanno trovato riscontro anche (...)

En réponse à :

> ALIENI SULLA TERRA : UNA VITA ALL’ARSENICO. La Nasa scopre un batterio che vive in ambienti impossibili --- In fondo all’oceano microrganismi che vivono di arsenico.

lundi 16 mars 2020

In fondo all’oceano microrganismi che vivono di arsenico

Potrebbero aiutare a cercare la vita su altri pianeti

di Redazione Ansa *

Vivono in fondo all’oceano Pacifico, in una zona al largo delle coste del Messico del tutto priva di ossigeno : sono i primi microrganismi che vivono di arsenico mai scoperti in un ambiente marino e conoscerli meglio potrebbe aiutare a cercare la vita aliena. Li descrive sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas) il gruppo dell’universitÓ di Washington, a Seattle, coordinato dall’oceanografa Gabrielle Rocap.

Se per l’uomo l’arsenico Ŕ un veleno, per i batteri trovati in fondo al Pacifico Ŕ una fonte di nutrimento e di energia indispensabile alla sopravvivenza. In passato sono state scoperte piccole forme di vita marina che sopravvivono con azoto e zolfo in assenza di ossigeno, e batteri che vivono di arsenico nel lago Mono in California, ma Ŕ la prima volta che nell’oceano si scoprono batteri che respirano arsenico. I ricercatori pensano che questa sia un’antica strategia di sopravvivenza. utilizzata quando l’ossigeno era meno abbondante sul nostro pianeta, ma Ŕ piuttosto sorprendente vederla ancora in uso.

"Sappiamo da molto tempo che ci sono percentuali di arsenico negli oceani", ha rilevato Rocap. Ma per la ricercatrice l’idea che gli organismi possano usare l’arsenico per guadagnarsi da vivere Ŕ stata una sorpresa, la scoperta di "una nuova forma di metabolismo presente nell’oceano aperto".
-  Secondo le stime dei ricercatori, basate sul numero di microrganismi trovati nel campione d’acqua analizzato, i batteri che vivono di arsenico potrebbero rappresentare circa l’1% della comunitÓ dei microrganismi marini. Conoscere meglio organismi capaci di sopravvivere in ambienti privi di ossigeno potrebbe, infine, aiutare a cercare viventi in altri pianeti, il cui ambiente Ŕ ostile alla vita come la conosciamo sulla Terra.

* ANSA 08 maggio 2019


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :