Poster un message

En réponse à :
NASA ED EXTRATERRESTRI. VITA NELL’UNIVERSO ....

ALIENI SULLA TERRA : UNA VITA ALL’ARSENICO. La Nasa scopre un batterio che vive in ambienti impossibili - a c. di Federico La Sala

(....) l’ente spaziale avrebbe individuato, in un lago negli Stati Uniti ricco di arsenico, la presenza di un microbo in grado di sopravvivere in condizioni proibitive per l’essere umano.
vendredi 3 décembre 2010 par Federico La Sala
[...] "Se sulla Terra hanno trovato batteri vivi dello stesso tipo di quelli marziani - sottolinea Pinotti - ci troveremmo di fronte a una forma di vita che c’era all’origine anche su Marte. Se cosi’ fosse, vorrebbe dire che il fenomeno vita e’ stato importato sulla Terra e che siamo tutti alieni".
"Credo -aggiunge- che la Nasa probabilmente illustrera’ la conferma che forme di vita individuate nel sistema solare, probabilmente su Marte, Giove o anche Titano, hanno trovato riscontro anche (...)

En réponse à :

> ALIENI SULLA TERRA : UNA VITA ALL’ARSENICO. ---- Il tutto è basato su pochi elementi chimici che si combinano variamente nei vari batteri da cui parte, ed è partita, la vita : carbonio, idrogeno, azoto, fosforo e zolfo, in sigla CHNOPS. (...) un batterio del tutto inatteso, che sostituirebbe il fosforo con il velenosissimo, almeno per noi, arsenico (di Leopoldo Benacchio - Scoperta in California una forma di vita sconosciuta).

jeudi 2 décembre 2010

Scoperta in California una forma di vita sconosciuta

di Leopoldo Benacchio (Il Sole-24 ore, 02.12.2010)

Fra poche ore, alle 20 italiane di oggi, la NASA potrebbe dare in conferenza stampa un annuncio che molti definiscono epocale : è possibile una vita elementare del tutto diversa da quella che conosciamo. Le prime indiscrezioni dicono che in un lago della California, probabilmente il Mono Lake del Parco nazionale Yosemite, sarebbe stato isolato da scienziati NASA un batterio capace di sopravvivere all’arsenico. Quel lago, infatti, è del tutto "morto" dal nostro punto di vista, dato che contiene la maggiore densità di arsenico conosciuta nel pianeta.

Se quindi sulla Terra esiste una forma di vita del tutto inaspettata e diversa da quelle che conosciamo, potrebbe essere un segnale importante per ammettere che in altri pianeti la vita si sia sviluppata in modo del tutto diverso che qui da noi. La vita qui è anche molto diversa dal punto di vista del metabolismo, ma la biochimica di base è la stessa. Questo ci permette di capire che la biologia che conosciamo è fatta di componenti di base essenzialmente eguali, come il DNA, le proteine, i lipidi. Ovviamente la fisiologia dei tanti organismi che vivono sul nostro Pianeta presenta la massima varietà, che comprende anche l’homo sapiens.

Il tutto è basato su pochi elementi chimici che si combinano variamente nei vari batteri da cui parte, ed è partita, la vita : carbonio, idrogeno, azoto, fosforo e zolfo, in sigla CHNOPS. Quello trovato dai biochimici e astrobiologi NASA sarebbe un batterio del tutto inatteso, che sostituirebbe il fosforo con il velenosissimo, almeno per noi, arsenico. Niente marziani quindi e neppure alieni sulla Terra, come molti speravano all’annuncio della conferenza stampa di stasera.

Ma la scoperta è quasi quasi più importante, se confermata. Se infatti la vita può svilupparsi, nei suoi mattoni iniziali, anche in forme molto diverse da quelle che conosciamo e pensiamo possano esistere, nulla ci vieterebbe di pensare che si sia sviluppata in un altro pianeta una vita "all’arsenico". Aspettiamo la conferma di stasera per dire l’ultima parola.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :