Poster un message

En réponse à :
LA PAROLA, LA GIUSTIZIA E LA CARITA’, CONTRO LA VIOLENZA E LA MENZOGNA. ORA E SEMPRE RERSITENZA ...

QUESTA LOTTA VI RIGUARDA : LA LEZIONE DI ALBERT CAMUS. Corrispondenze per ’Combat’ 1944-1947. Una nota di Francesco Tomatis - a c. di Federico La Sala

(...) confessa Tarrou ne La peste , « ho capito come tutte le disgrazie degli uomini derivino dal non tenere un linguaggio chiaro » : al­lora « basta dire la verità perché la menzogna stessa si sgonfi ».
vendredi 24 décembre 2010
[...] « Attraverso i cinque conti­nenti, negli anni a veni­re, verrà ingaggiata una lotta senza quartiere tra la violenza e la parola. È vero che le possibilità di vittoria della prima sono mille volte superiori a quelle della seconda. Ma ho sempre pensato che se chi spera nella condizione umana è un pazzo, chi dispera degli eventi è un vile. E or­mai l’unico motivo d’onore sarà ingaggiare quella formidabile scom­messa che deciderà una buona volta se le parole sono più forti delle (...)

En réponse à :

> QUESTA LOTTA VI RIGUARDA --- ALBERT CAMUS, MAESTRO DI UMANITA’, MAESTRO DI NONVIOLENZA.

jeudi 7 novembre 2013

INCONTRI. ALBERT CAMUS, MAESTRO DI UMANITA’, MAESTRO DI NONVIOLENZA

Si e’ svolto giovedi’ 7 novembre 2013 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" un incontro in memoria di Albert Camus nel centenario della nascita del grande combattente per la liberta’, la solidarieta’ e la dignita’ umana.

Nel corso dell’incontro sono stati letti e commentati alcuni brani da varie opere di Camus. La commemorazione e’ stata tenuta dal responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini.

*

1. Albert Camus non e’ solo un grande scrittore e drammaturgo, non e’ solo un grande attivista per i diritti umani : e’ uno dei piu’ grandi pensatori politici del XX secolo, e lo e’ per due motivi.

Il primo : perche’ e’ uno dei grandi pensatori morali, che mai le scelte morali prostitui’ alla contingenza tattica dell’agire politico, ne’ al tornaconto personale o del gruppo dei prossimi ai danni di altri esseri umani. Che mai le scelte morali - e quindi altresi’ quelle politiche - disgiunse dall’ascolto della voce delle vittime, dalla visione del volto muto e sofferente delle vittime. Che sempre senti’ che a quella richiesta di aiuto che i sofferenti e gli estinti lanciano occorre rispondere con la propria responsabilita’. Recare aiuto a chi soffre oppressione, paura, bisogno : e’ il primo dovere.

Il secondo : perche’ mentre pensava agiva, e cosi’ non solo ha protestato, ma ha coerentemente e concretamente combattuto contro il colonialismo, ha combattuto contro il fascismo, ha combattuto contro il totalitarismo, ha combattuto contro le guerre e le dittature, contro le ingiustizie e le violenze. Ha sempre combattuto contro tutte le ideologie e le prassi assassine. Ed ha lottato sempre senza perdere la consapevolezza del rispetto della vita, della dignita’ e dei diritti altrui, anche nelle situazioni piu’ tragiche.

2. Chi ha letto La peste - a nostro avviso uno dei capolavori di sapienza umana della letteratura universale - sa cosa e’ la Resistenza. Chi ha letto La peste sa cosa e’ la nonviolenza.

Chi ha letto Lo straniero, Caligola, Il malinteso, La caduta, Il mito di Sisifo, sa cosa e’ l’assurdita’ della nostra condizione esistenziale e quale sia la radice della rivolta contro ogni egoismo, contro ogni sopraffazione, contro ogni menzogna.

Chi ha letto L’uomo in rivolta - uno dei libri di riflessione morale e politica piu’ illuminanti - e gli editoriali di "Combat", sa cosa e’ il dovere morale, il dovere politico, vi apprende cosa sia fraternita’.

Ma tutto Camus va letto. Dai Taccuini ad Actuelles, da tutto il teatro a tutta la pubblicistica militante, all’intera opera narrativa, lirica e descrittiva, saggistica. Leggere Camus ti nutre sempre.

3. E’ l’artista e il pensatore della bellezza del mondo e del dovere di amare, del senso del limite e della responsabilita’, della coscienza della solitudine e del dovere della solidarieta’ in inscindibile compresenza, dell’intreccio della giustizia e della liberta’, dell’io e del noi, del riconoscimento di umanita’ e della riconoscenza per l’umanita’, della pieta’ che opera contro il male.

Ed e’ il lottatore fermo e costante in difesa della civilta’ umana che nel dialogo e nella condivisione, nell’ascolto e nell’aiuto reciproco consiste ; l’oppositore intransigente che si batte contro tutti i fascismi, contro la guerra, contro la pena di morte, contro ogni persecuzione ed uccisione. Il filosofo e il militante della nonviolenza in cammino.

A cento anni esatti dalla nascita, ed a cinquantatre dalla scomparsa, lo ricordiamo con gratitudine e lo salutiamo come benefico amico, compagno di lotte, maestro di umanita’.

*

Le persone partecipanti all’incontro nel ricordo e nel nome di Albert Camus hanno riaffermato l’impegno contro tutte le violenze e le menzogne, contro la guerra e l’oppressione, per la giustizia sociale e per i diritti umani di tutti gli esseri umani. In particolare hanno espresso adesione e sostegno all’appello al parlamento italiano affinche’ "faccia cessare le stragi nel Mediterraneo legiferando il diritto per tutti gli esseri umani ad entrare in Italia - ed attraverso l’Italia in Europa - in modo legale e sicuro", ed all’appello per la piu’ ampia mobilitazione il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

*

      • Una breve notizia su Albert Camus

Albert Camus, nato a Mondovi (Algeria) nel 1913, nel 1940 a Parigi, impegnato nella Resistenza con il movimento "Combat" (dopo la liberazione sara’ redattore-capo del quotidiano con lo stesso titolo), premio Nobel per la letteratura nel 1957, muore nel 1960 per un incidente automobilistico. Lo caratterizzo’ un costante impegno contro il totalitarismo e per i diritti umani, che espresse sia nell’opera letteraria e saggistica, sia nel giornalismo e nelle lotte civili (oltre che nella partecipazione alla Resistenza).

In un articolo a lui dedicato ha scritto Giovanni Macchia (citiamo da "Camus e la letteratura del dissenso", in Giovanni Macchia, Il mito di Parigi, Einaudi) : "L’assurdo fu per Camus un punto di partenza... Poiche’ non si puo’ immaginare una vita senza scelta, e tutto ha un significato nel mondo, anche il silenzio, e vivere ’en quelque maniere’ significa pur riconoscere l’impossibilita’ della negazione assoluta, la prima cosa che noi non possiamo negare e’ la vita degli altri. Nell’interno dell’esperienza assurda nasce come prima evidenza (credere al proprio grido) la rivolta : slancio irragionevole contro una condizione incomprensibile e ingiusta, e che pur rivendica l’ordine nel caos. E ricordo la gioiosa impressione che provoco’ la formula cartesiana di Camus, con la sua aria di limpido giuoco, quando la leggemmo la prima volta. Non ’je me revolte, donc je suis’ : ma ’je me revolte, donc nous sommes’. Risollevare gli uomini dalla loro solitudine, dare una ragione ai loro atti ; mettersi non dalla parte degli uomini che fanno la storia ma di coloro che la subiscono... Rivolta come fraternita’".

-  Opere di Albert Camus : tra le opere di Camus particolarmente significative dal nostro punto di vista ci sembrano Il mito di Sisifo, Caligola, La peste, L’uomo in rivolta, tutti piu’ volte ristampati da Bompiani. Utile anche la lettura dei Taccuini (sempre presso Bompiani) e delle corrispondenze per "Combat" 1944-1947 raccolte col titolo Questa lotta vi riguarda (ancora Bompiani). Si veda anche (con Arthur Koestler), La pena di morte, Newton Compton, Roma 1981.

-  Opere su Albert Camus : numerose sono le monografie su Camus ; si vedano almeno la testimonianza di Jean Grenier, Albert Camus, souvenirs, Gallimard, e per una sommaria introduzione : Pol Gaillard, Camus, Bordas ; Roger Grenier, Albert Camus, soleil et ombre, Gallimard ; Francois Livi, Camus, La Nuova Italia ; una recente vasta biografia e’ quella di Olivier Todd, Albert Camus, una vita, Bompiani.

*

-  TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
-  Numero 1450 dell’8 novembre 2013

      • Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
        -  Direttore responsabile : Peppe Sini. Redazione : strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail : nbawac@tin.it , centropacevt@gmail.com


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :