Inviare un messaggio

In risposta a:
LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est") E AL GOVERNO DELL’ **ITALIA** UN PRESIDENTE DI UN PARTITO (che si camuffa da "Presidente della Repubblica") e canta "Forza Italia", con il suo "Popolo della libertà" (1994-2010)

"ERODE" E LE GERARCHIE CATTOLICO-ROMANE CONTRO CRISTO E "CONTRO CESARE. Cristianesimo e totalitarismo nell’epoca dei fascismi". Il lavoro di Emilio Gentile, recensito da Riccardo Chiaberge - a c. di Federico La Sala

(...) la lunga Storia di sottomissione del clero al regime fascista e le inquietanti analogie con l’Italia di oggi
sabato 25 dicembre 2010 di Federico La Sala
[...] Mi limito a osservare che a quei tempi, almeno, papi e vescovi avevano qualche fondato motivo per essere prudenti. Adesso che non rischiano di finire in un lager o di essere manganellati, recitano un Te Deum al giorno per il Cesare di Arcore, senza nemmeno aspettare il Tartaglia di turno che gli tiri il duomo in faccia. Viene da domandarsi cosa ci voglia ancora, perché i monsignori aprano finalmente gli occhi e la bocca. Magari che Cesare rottami la Costituzione e trasformi il (...)

In risposta a:

> "ERODE" E GERARCHIE CATTOLICO-ROMANE CONTRO CRISTO E "CONTRO CESARE. ---- «Per un piatto di lenticchie». La Chiesa di Esaù (di Piero Stefani).

sabato 18 dicembre 2010

La Chiesa di Esaù

di Piero Stefani

in “Il pensiero della settimana” n. 319 (http://pierostefani.myblog.it)

Tra i vari riti popolar-pagani che contraddistinguono le feste vi è, da molte parti d’Italia, quello di mangiar lenticchie. Specie a Capodanno, esse simboleggiano la fortuna e, in particolar modo, il denaro. «Per un piatto di lenticchie» è, però, anche espressione proverbiale di antica ascendenza biblica. Essa indica l’improvvido baratto compiuto da Esaù, il quale, per conseguire un beneficio immediato, svende la grande eredità (primogenitura) di cui avrebbe potuto beneficiare in futuro (cfr. Gen 25,29-34). Le due accezioni si uniscono quando, per un vantaggio monetario di breve respiro, si compromette il proprio avvenire. È quanto stanno compiendo i vertici della CEI. Lo evidenzia in modo palese l’atteggiamento da essi assunto nel corso dell’attuale crisi politica. Sulla falsariga di quanto avviene con i deputati, anche l’appoggio ecclesiale è, infatti, sostenuto da precisi flussi finanziari.

Una esemplificazione, tra le altre, è data dalla vicenda dell’8 per mille. Non solo la CEI beneficia della quota indicata in modo esplicito dai contribuenti - percentuale alimentata da una martellante e profanissima campagna pubblicitaria - non solo lucra in proporzione predominante la quota dell’8 per mille derivata dalla ridistribuzione della parte di gettito proveniente dai contribuenti che non hanno espresso alcuna destinazione specifica, ma, in virtù di recenti decisioni governative, riceve parti crescenti dell’8 per mille statale. Queste ultime sono erogate, oltre che in funzione di restauro di chiese di interesse storico-artistico (atto giustificabile), anche a beneficio di diocesi e oratori. Pensandosi come ditta, è inevitabile che i vertici CEI trovino affinità elettive con l’attuale capo del governo, la cui vita è posta, da sempre, sotto il segno della lenticchia.

Qualcuno potrebbe trovare qualunquistico il discorso, senza dubbio non di alto profilo, fin qui condotto. Qualche fedele potrebbe, in buona fede, tirare in ballo anche i valori e la loro difesa. Per elevare il pensiero e portarlo su un piano non semplicemente economico, diamo la parola a un prete (e teologo), non più giovane, Severino Dianich, il quale attesta come dentro l’attuale Chiesa cattolica italiana ci possa essere, tuttora, qualche anfratto per altri discorsi e altri stili di vita. «A scorrere i documenti [conciliari] si nota la preoccupazione dei padri di evitare tutte quelle controversie che, indipendentemente dal buon diritto che la Chiesa avrebbe di sollevarle, possono impedire di fatto alle persone di cogliere il suo vero interesse, che è solo quello di poter compiere la sua missione al servizio della fede e del bene comune: essi impegnano, quindi, la Chiesa a rinunziare “all’esercizio di certi diritti legittimamente acquisiti, ove constatasse che il loro uso potesse far dubitare della sincerità della sua testimonianza o nuove circostanze esigessero altre disposizioni” (Gaudium et spes, 76).

Se negli ultimi decenni il dialogo con il mondo contemporaneo si è fortemente deteriorato, questo è avvenuto anche perché troppo spesso le indicazioni del Concilio non sono state ascoltate e praticate. Così, di fronte all’abbandono della fede di molti, ci si ritrova a essere meno ascoltati e più incapaci di interessare un colloquio che permetta l’invito a credere. Mentre il missionario, che svolge il suo ministero là dove la Chiesa non esiste ancora o non ha ancora un impianto istituzionale così imponente da condizionare la vita sociale e politica del paese, può parlare ‘cuore a cuore’, nei nostri paesi questo è molto più difficile. Il non credente dei paesi di antica tradizione cristiana, per aprirsi all’ascolto del messaggio evangelico, deve superare i sospetti che gli vengono dalla storia sulla natura della Chiesa, vecchie avversioni e avversioni nuove, provocate dalle sue prese di posizione su problematiche, oggi molto sentite, dalla quale egli ricava l’idea che essa intenda tornare a imporsi sulla società, minandone la struttura laica e l’assetto democratico» (S. Dianich, Chiesa che fare? in Regno-att., 20,2010, pp. 719-720).

Quanto don Severino non dice è che c’è pure un rovescio della medaglia. È stato, infatti, proprio questo tipo di opzione a suscitare il fenomeno inedito (e antievangelico) degli «atei devoti», esitocoerente di una Chiesa impegnata a cercar di prospettare una illusoria tenuta valoriale (assai più concentrata sul sorgere della vita e sul suo tramonto che su tutto quanto vi sta in mezzo) senza attestare quanto è proprio della fede. La dirigenza della Chiesa (questa volta non solo della CEI) ha spesso ritenuto costoro come fiancheggiatori affidabili (basti ricordare i poco lungimiranti rapporti avuti da Ratzinger, anche da papa, con l’ormai dimenticatissimo Marcello Pera e gli inviti che un certo mondo cattolico continua a rivolgere a Giuliano Ferrara); mentre non ha dato ascolto o ha addirittura imbavagliato voci che, in nome della fede, la richiamavano al vangelo della misericordia e della consolazione.

Delle due accezioni di lenticchie evocate in apertura, la più grave non è quella dei soldi, ma l’altra, quella dello sperpero di un’eredità inestimabile. Il nostro è il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, ma la nostra Chiesa appare sempre di più quella di Esaù. Il paradosso è che è divenuta tale proprio mentre dichiara di voler conservare e difendere i preziosi valori del passato.

Piero Stefani


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: