Inviare un messaggio

In risposta a:
ARTE E NEUROSCIENZE.

ESTETICA, CREATIVITA’, E PAURA DELLA NEUROESTETICA. Alcune risposte di Semir Zeki ad Armando Massarenti - a c. di Federico La Sala

La nascita della neuroestetica, così chiamata da Semir Zeki nel 2001, ha fatto chiarezza nell’ambito di quella che un tempo era considerata filosofia dell’arte e che oggi invece si è sempre più propensi a considerare una scienza della percezione
giovedì 5 maggio 2011 di Federico La Sala
[...] La maggior parte di noi oggi è affascinata dalle scoperte astronomiche che cercano di scandagliare le origini e i limiti dell’universo; molti di noi ammirano Newton per aver individuato la legge di gravità che sta alla base del movimento dei corpi celesti. Forse questo ha diminuito il nostro entusiasmo e la nostra curiosità sull’Universo? Assolutamente no. E perché mai, allora, le conoscenze relative alla creatività, ai neurotrasmettitori dell’area della ricompensa, alla fisiologia (...)

In risposta a:

> ESTETICA, CREATIVITA’, E PAURA DELLA NEUROESTETICA. --- Nei legami inattesi tra formule e versi gli indizi della nostra creatività (di Marco Pivato)

mercoledì 6 gennaio 2016

Quanta poesia si nasconde in laboratorio

Nei legami inattesi tra formule e versi gli indizi della nostra creatività

di Marco Pivato (La Stampa, TuttoScienze, 06.01.2016)

Scienziati e poeti sono «ingegneri» della cultura: alla loro creatività spetta il compito di elaborare i messaggi di una civiltà evoluta. Il poeta e critico Leonardo Sinisgalli lo sosteneva nel secolo scorso, auspicando una sinergia tra umanisti e scienziati. Ho chiesto la collaborazione di molti professionisti delle «due culture» per verificare questa teoria, scoprendo prima conferme su quanti strumenti, metodi e scopi siano coincidenti nel mestiere di scienziati e poeti e poi quanto l’auspicata sinergia sia oggi necessaria. Linguisti, letterati, matematici e fisici, Nobel inclusi, si sono confrontati sulla comunanza di obiettivi nel proprio lavoro e il risultato di questa consultazione è confluito nel pamphlet «Noverar le stelle. Che cosa hanno in comune scienziati e poeti» (Donzelli).

Continuità tra scienza e poesia mi fu suggerita innanzitutto da Ezio Raimondi, oggi scomparso, padre dell’italianistica e filologo. «La poesia - secondo lui - è progettare il destino dell’uomo: ha il compito di colmare le distanze tra noto e ignoto e dunque i suoi messaggi hanno il ruolo, analogo a quello della scienza, di incidere sulla formazione della cultura, che è motore della civiltà». Nulla, per il linguista, esime lo scienziato e il poeta dall’interpretare l’uomo e la natura. L’esistenzialismo di certa poesia «romantica», per esempio, insegue quello della fisica moderna, che «con le sue “grandi domande” - sostiene il Nobel per la Fisica Serge Haroche - mette in scena il dramma della ricerca di un rapporto armonico tra sé e il mondo».

Scienza e poesia invocano risposte su origine e senso dell’Universo e dunque dell’uomo. Per Friedrich Schiller questa ricerca è frustrante, sebbene ineludibile: «Perché leggi in lei quel che tu stesso vi hai scritto?/ Perché ordini in gruppi per l’occhio le sue manifestazioni?/ Tese le tue cordicelle sul suo campo infinito/ T’illudi che il tuo spirito senta e comprenda la grande Natura».

E se Leopardi si struggeva, chiedendo conto della ragion d’essere dell’amore, le neuroscienze non sono da meno nel proporre dinamiche biochimiche alla base degli affetti. Semir Zeki, neurobiologo allo University College di Londra, spiega la radice comune della contemplazione «scientifica» e di quella «poetica» che è, come sostiene Raimondi, il desiderio di conoscenza. «Come tutti i processi cognitivi - chiarisce Zeki - la conoscenza è un processo affettivo, perché si svolge grazie alle relazioni che instauriamo con oggetti e persone e quindi la nostra specie impara sia attraverso strumenti razionali sia irrazionali: ora con l’esperimento, ora con l’intuizione».

Scontiamo dunque la necessità di essere nutriti di conoscenza, che le neuroscienze cognitive mostrano essere naturale per la costruzione della società. L’attività contemplativa di scienza e poesia è allora una «tecnologia biologica» esclusiva, per quanto si sa, dei Sapiens. Peccato che scienziati e poeti siano oggi attori minori in un’epoca in cui - ed è la nota polemica del libro - il privilegio di fare il «brutto e cattivo tempo» è prerogativa di politici e opinion leader quasi mai capaci di tradurre la conoscenza in diritti e progresso.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: