Inviare un messaggio

In risposta a:
MEMORIA, STORIA E STORIOGRAFIA. Un’altra storia italiana è possibile

LA RESISTENZA DELLE DONNE: RESISTENZA CIVILE. Dal "Dizionario della Resistenza", la "voce" di Anna Bravo - con aggiornamenti (nel forum), a cura di Federico La Sala

INDICE: I. Forme di lotta. II. La resistenza e la figura femminile.III. Il senso comune storiografico. IV. Il concetto di resistenza civile. V. Resistenza civile e resistenza delle donne
giovedì 10 febbraio 2011 di Federico La Sala
RESISTENZA CIVILE
di ANNA BRAVO *
I. Forme di lotta
Con la significativa eccezione delle enclaves di alto prestigio e potere, non esistono nella resistenza compiti o settori dove non compaiano donne. E’ cosi’ nello scontro armato, nel lavoro di informazione, approvvigionamento e collegamento, nella stampa e propaganda, nel trasporto di armi e munizioni, nell’organizzazione sanitaria e ospedaliera, nel Soccorso rosso, la struttura delegata a sostenere i militanti in difficolta’ e le loro (...)

In risposta a:

> LA RESISTENZA DELLE DONNE: RESISTENZA CIVILE. ---- Un’altra storia italiana è possibile. Dopo la rivolta del web, le oltre 40mila adesioni - Sabato a Milano donne e uomini con una sciarpa bianca in segno di lutto contro lo squallore di una classe dirigente senza più etica e regole.

martedì 25 gennaio 2011

Un’altra storia italiana è possibile

E adesso tocca alla piazza

Sabato a Milano donne e uomini con una sciarpa bianca in segno di lutto contro lo squallore di una classe dirigente senza più etica e regole *

Dopo la rivolta del web, le oltre 40mila adesioni arrivate sul sito dell’Unità, adesso è la volta della piazza. L’appuntamento è fissato a Milano per sabato prossimo, alle 15, in piazza della Scala. Scrivono le promotrici dell’iniziativa: «Le moltissime adesioni che continuano ad arrivare all’appello “Mobilitiamoci per ridare dignità all’Italia”, sottoscritto da donne e uomini, partito da Milano e dalla Lombardia, insieme alla richiesta arrivata spontaneamente da centinaia di donne di una presa di parola pubblica, ci hanno indotto a lanciare la proposta di una manifestazione a Milano. Con un simbolo da condividere: una sciarpa bianca del lutto per lo stato in cui versa il Paese.

Uno slogan: Un’altra storia italiana è possibile.

Ci saremo con le nostre facce. Appuntandoci sulla giacca una fotocopia della nostra carta di identità con Piccoletta di Beatrice Alemagna der, cosa riuscita in pieno.

Sarebbe bene analizzare il triste episodio del così detto Bunga Bunga come un ennesimo comportamento, da parte del nostro premier, da antistatista. Negli ultimi anni ad essere danneggiata e stata la NOSTRA DEMOCRAZIA e non la sua vita privata. Ma certo, lui se ne infischia della DEMOCRAZIA, è scomodo essere considerati tutti uguali verso lo Stato su scritto chi siamo: cassaintegrate, commesse, ricercatrici precarie, artiste, studentesse, registe, operaie e giornaliste, per dire la forza che rappresentiamo, a dispetto dell’immagine di una rappresentazione che non ci corrisponde. Perché vogliamo che la risposta a tutto questo fosse politica molto prima che giudiziaria. Quel che accade del nostro Paese offende le donne, ma anche gli uomini, che non si riconoscono nella miseria della rappresentazione di una sessualità rapace e seriale, nello squallore di una classe dirigente che ha fatto dell’eversione di ogni regola e del sovvertimento di qualunque verità il suo tratto distintivo».
-  Le mail di adesione vanno inviate a: manifestazione29gennaio@gmail.com

*

Tra le prime firme pervenute: Ileana Alesso; Paola Bentivegna; Ivana Brunato; Iaia Caputo; Adriana Cavicchioli; Arianna Censi; Fulvia Colombini; Marina Cosi; Ilaria Cova; Chiara Cremonesi; Marilisa D’Amico; Ada Lucia De Cesaris; Piera Landoni; Elena Lattuada; Paola Lovati; Marina Piazza; Patrizia Quartieri. Seguono decine di altre.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: