Poster un message

En réponse à :
LA FRECCIA FERMA : L’ITALIA (1994-2011) E LA PERDITA DELLA CAPACITA’ DI DISTINGUERE E DI GIUDICARE ....

LA CULTURA FALSA, COME LA MONETA FALSA, SCACCIA QUELLA BUONA : iL GRANDE SACCHEGGIO. Un disastro annunciato : la denuncia dello storico Piero Bevilacqua - a cura di Federico La Sala

"Il silenzio, o il sommesso brusio, delle forze intellettuali, del ceto politico, del mondo imprenditoriale, dei media, dello stesso corpo accademico a noi appare forse come il segno più inquietante di un paese che ha scelto consapevolmente di mettersi da parte, di stare fuori dalla scena del mondo nel prossimo futuro."
lundi 24 janvier 2011 par Federico La Sala
Il ridimensionamento delle università nella vita italiana non è certo questione che attiene agli schieramenti politici. Esso corrisponde alla scelta strategica di un ridimensionamento complessivo dell’Italia nel mondo. Senza ricerca scientifica, senza valorizzazione culturale della nostra gioventù, quale può essere l’avvenire economico del nostro paese ? Anche a voler ragionare secondo una logica sviluppista - che non ci appartiene e che crediamo ormai senza avvenire - quale posto intende (...)

En réponse à :

> LA CULTURA FALSA, COME LA MONETA FALSA, SCACCIA QUELLA BUONA : iL GRANDE SACCHEGGIO. ---- I SAPERI E L’UNIVERSITA’ (di Piero Bevilacqua).

dimanche 23 janvier 2011

I saperi e l’Università

di Piero Bevilacqua *

La riforma Gelmini, definita “epocale” dalla ministra - che evidentemente ha idee confuse su ciò che sono le epoche - divenuta legge, investirà la vita delle Università italiane nei prossimi mesi. Un diluvio di norme e regolamenti da applicare pioverà sugli atenei, proseguendo ed esacerbando le tendenze dell’ultimo decennio, durante il quale “l’innovazione continua” delle cosiddette riforme ha tormentato docenti e studenti, perennemente alle prese con problemi organizzativi e novità procedurali da interpretare. Una pratica che ha assorbito non poco tempo ed energia alle loro ricerche e ai loro studi. Nulla di nuovo, dunque, se non il peggio che prosegue nella sua china, perché la riforma aggiunge un’ulteriore limitazione di risorse e di personale ai vecchi problemi.

Ciò che tuttavia iscrive la nuova legge nel quadro delle ristrutturazioni universitarie della UE è un dato di cui pochi, in verità, si sono occupati. Tutte le riforme dell’ ultimo decennio non si sono neppure interrogate sulla qualità degli insegnamenti che si impartiscono nell’Università. L’unica preoccupazione che ha tenuto desta l’attenzione dei riformatori è stata quella di far corrispondere discipline e insegnamenti alle tendenze del mercato del lavoro. I solerti pedagogisti del capitale non hanno rovelli che per questo. E perciò anche un grande scrupolo nell’emarginare le discipline umanistiche, poco utili a produrre saperi strumentali, immediatamente spendibili nel mercato. Per il resto, nessuno sguardo sugli scenari attuali delle scienze, nessuna messa in discussione dell’esistente, nessun accenno a una possibile “riforma dei saperi” che allarghi gli orizzonti della ricerca e della formazione universitaria.

Qui si può osservare nitidamente la miopia sistemica della cultura capitalistica dell’ultimo trentennio. E’ infatti il caso di ricordare che, mentre le nostre Università si reggono sugli insegnamenti delle vecchie discipline, sulle loro nette separazioni istituzionali - aggiornate nei contenuti da qualche solitario ed eterodosso docente - all’esterno il mondo dei saperi scientifici è stato investito da trasformazioni profonde, in questo caso davvero “epocali”. Si pensi alladiffusione, negli ultimi decenni, dell’ecologia, “la scienza delle relazioni - come scriveva il suo fondatore, Ernst Haeckel - fra le cose viventi e il loro ambiente” Questo nuovo ramo del sapere non è una qualche disciplina specialistica che si viene ad aggiungere a quelle già esistenti. Esso ha letteralmente capovolto uno dei principi costituitivi su cui si e’ fondata e sviluppata l’intera scienza moderna : vale a dire la separazione e l’isolamento dell’oggetto dal suo ambiente, per essere studiato nella sua separata e solitaria struttura.

L’ecologia ha mostrato, al contrario, che i fenomeni si indagano dentro il loro contesto ed ambiente, perché le connessioni, non sono accidenti, ma costituiscono la realtà intima e indisgiungibile degli stessi fenomeni. Possiamo studiare il seme del grano o l’ape in laboratorio, ma la loro vita reale si comprende nell’universo complesso del suolo, oppure tra le piante, i fiori e le altre famiglie degli insetti. La “prima scienza nuova” come Edgar Morin ha definito l’ecologia - con esplicito riferimento al nostro Giambattista Vico - per la prima volta mostra il mondo vivente in cui tutti siamo immersi come una complessa rete di connessioni i cui multiformi equilibri e relazioni costituiscono ciò che noi definiamo natura. Essa disvela, dunque, l’unità e l’interdipendenza di tutti i fenomeni che la scienza moderna aveva frantumato in una moltitudine di specialismi.

Il successo dirompente dell’ecologia che - salvo rari casi -stenta ancora a trovare spazi adeguati nelle aule delle Università, non è solo dovuto alla sua straordinaria fertilità metodologica. Basti pensare alla sua propagazione tra tante discipline tradizionali, dalla biologia alla chimica, dalla fisica alla botanica, o alla “esplosione” di un campo prima ignoto della biologia, come quello della biodiversità. Il suo vero e proprio trionfo è stato decretato da due clamorosi e drammatici fallimenti che la tecnoscienza ha subito nella seconda metà del ’900. Il primo di questi, come tutti sanno, è il « buco dell’ozono”. L’intera vicenda ha mostrato che nessuno dei chimici che avevano creato i gas clorofluorocarburi aveva idea degli equilibri gassosi degli strati alti dell’atmosfera. E di come questi potessero essere gravemente alterati dai gas costruiti in laboratorio. Come apprendisti stregoni che avevano destato potenze infernali, essi hanno dovuto prendere drammaticamente atto dell’esistenza di relazioni invisibili che regolano l’atmosfera in cui dimorano i viventi sul pianeta Terra.

L’altro caso, ben noto, è il riscaldamento globale. Uno degli studiosi più impegnati sul campo, Nicholas Stern, l’ ha definito “il più grave ed esteso caso di fallimento del mercato che si sia mai verificato.” Giudizio certo calzante, ma tutto interno all’economicismo imperante. In realtà, la tardiva scoperta che le attività umane condizionano il clima della Terra costituisce il più grave scacco subito dalla scienza contemporanea. L’incapacità delle discipline dominanti di pensare la Terra come una biosfera, vale a dire come un universo di relazioni il cui equilibrio rende possibile la vita, mostra nitidamente come queste discipline hanno smembrato la natura per dominarla nelle sue singole parti, dimenticando che essa è un tutto. Scoprire, come oggi facciamo, che ciò che immaginavamo come infinitamente lontano e indipendente dalle attività umane, il clima, risente invece dell’azione dei nostri scarichi e dei nostri fumi, disvela l’urgente necessità di una “scienza nuova”, di un sapere olistico di cui l’ecologia è portatrice. Dobbiamo, infatti, prendere atto, che il cielo, immaginato come infinitamente lontano e distante da noi, è invece il tetto della nostra casa, e corriamo il rischio di renderlo rovente.

Ora, questi nuovi saperi si stanno facendo strada. Com’è noto, è proprio per lo studio dei mutamenti climatici che si è formato l’ IPCC, voluto dall’ONU : il più grande consesso di studiosi mai messo insieme per studiare, con diverse conoscenze disciplinari, quella speciale totalità che è il clima terrestre. Anche all’interno di qualche Università di avanguardia l’ecologia va producendo un rimescolamento dei vecchi assetti disciplinari, e comunque un nuovo dialogo tra le scienze e tra queste e i saperi umanistici. E’ il caso, ad es. , dell’ Environmental Science, Policy and Management dell’Università di California, a Berkeley, dove filosofi e chimici, storici e botanici cooperano o dialogano su ricerche comuni. Ma si tratta di qualche stella in un firmamento spento.

Riflessione analoga meritano i saperi umanistici, oggi letteralmente perseguitati come veicoli di parassitismi antieconomici, di contagiosi virus del pensiero libero e disinteressato. Eppure il rimescolamento senza precedenti di razze e culture che investe oggi il globo, reclama come non mai il concorso dei saperi umanistici per comprenderlo e interpretarlo. La necessità di una cultura cosmpolita, che faccia i conti con un eurocentrismo ormai angusto, capace di abbracciare le storie e le antropologie, le fedi e le lingue di moltitudini di genti ormai presenti nella nostra vita e nel nostro immaginario, reclama più conoscenze dagli storici, dagli antropologi, dai sociologi, dai geografi, dagli economisti, dai letterati.

E come rispondono i riformatori a questa sfida, anche questa, realmente« epocale » ? Con quali saperi si affronta la complessità del mondo che diventa globale ? Conosco un solo sforzo serio in questa direzione, avviato in Francia dalle Maisons des Sciences de l’Homme : fortilizi dei saperi umanistici di cui avremmo così bisogno in Italia. Qui, al pedagogismo straccione del centro destra italiano, che rivendicava (ricordate ?) la politica delle “tre i” - internet, inglese, impresa - le Maison hanno fatto corrispondere ben diversi significati alle stesse vocali : i nternazionalità, interdisciplinarietà e interistituzionalità. Ma anche in questo caso si tratta di una piccola cometa nei cieli spenti d’Europa.

In realtà, mentre si costruisce l’UE, mentre siamo inondati di retorica sull’avanzare del mondo globale, nelle Università non si fa nulla per costruire la nuova cultura cosmopolita del cittadino europeo e globale. Anzi, in tutti questi anni abbiamo assistito a un fenomeno culturale rilevantissimo di cui le Università portano una responsabilità primaria. Alludiamo al fatto che l’economia, uno dei più antichi saperi del mondo occidentale, diventata una scienza sociale dominante in età contemporanea, si è ormai ridotta, tanto nel suo operare sociale che nelle aule dell’Università, a una tecnologia della crescita economica. Oggi dominano nei curricula delle Facoltà di economia discipline come marketing, matematica finanziaria, economia aziendale, banche e mercati finanziari, ecc, tutto ciò che serve a fare di un giovane un dirigente o un dipendente di impresa. La sua formazione culturale strettamente al servizio delle necessità presenti del capitale. E nessuno - a quanto mi risulta - mena scandalo del fatto che in queste Facoltà non sia presente una materia come storia del lavoro, o come sociologia del lavoro. Non ha nulla a che fare il lavoro con l’economia, con la formazione della ricchezza ? Da dove viene, chi ha costruito la società industriale del nostro tempo, in cui i neolaureati sono chiamati a operare ?E’ evidente, in questo caso, che già nelle Università si cancella il lavoro - e le persone viventi che lo realizzano - dall’orizzonte formativo dei giovani economisti. Ma questa disciplina mostra oggi altre, ormai insostenibili, inadeguatezze. Com’ è possibile che chi studia economia non possa accedere a un corso fondamentale di s toria del colonialismo ? Quale può essere la formazione di un giovane economista che ignora un tratto fondativo della storia economica europea : vale a dire il fatto che essa si fonda su cinque secoli di saccheggio delle risorse del Sud del mondo ? Ma oggi il capitalismo, con la sua immane macchina divoratrice di energia e risorse, reclamerebbe una ben altra consapevolezza scientifica da parte delle discipline che lo promuovono e l’indirizzano. Non è l’attività economica una gigantesca e insonne manipolazione di risorse naturali destinate alla vita di esseri naturali ? Non è l’economia una ecologia inconsapevole ? Eppure, a tutt’oggi, i saperi ecologici dentro queste facoltà non hanno diritto di cittadinanza.

Ecco dunque che di fronte all’ampiezza di questi problemi e di queste contraddizioni - il mondo dei saperi che sopravanza in ampiezza e profondità quello strumentale con cui il capitale vuol restringere gli orizzonti formativi delle nuove generazioni - mostra quale portata strategica assuma l’Università nel nostro tempo. Quale luogo di affermazione di un sapere non piegato ai comandi del profitto, che guardi alla natura come a un bene comune da tutelare e non da saccheggiare e che operi al tempo stesso per un progetto di società solidale e multiculturale su scala planetaria. Si comprende bene, quindi, che la lotta dei ricercatori, degli studenti e dei docenti italiani è destinata a trovare motivi di continuità non solo nelle soffocanti imposizioni della legge Gelmini, ma anche in un più vasto orizzonte di ragioni e di prospettive.

* Fonte : EDDYBURG, Data di pubblicazione : 14.01.2011


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :