Poster un message

En réponse à :
FESTA DEL 150° DELL’ UNITA’ D’ITALIA ED EMERGENZA COSTITUZIONALE : RESTITUIRE LA PAROLA "ITALIA" ALL’ITALIA. RICHIESTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI UN INTERVENTO-MESSAGGIO DI CHIARIFICAZIONE ....

A 150 ANNI DALL’UNITA’, UNA "GRANDE" FESTA CON "DUE PRESIDENTI" DELLA REPUBBLICA !!! MA A CHE GIOCO GIOCHIAMO ?! DA TROPPO TEMPO STIAMO DANDO I NUMERI. Non sapppiamo più contare ?! Né distinguere "Uno" da "uno" ?! Note per riflettere sull’Unità e la Molteplicità, a tutti i livelli - a c. di Federico La Sala

PER L’UNITA’ D’ ITALIA E PER LA COSTITUZIONE : BASTA CON IL "BI-PRESIDENZIALISMO" !!! CARO PRESIDENTE NAPOLITANO, CREDO CHE SIA ORA DI FARE CHIAREZZA ...
dimanche 20 mars 2011 par Federico La Sala
LA COSTITUZIONE, LE REGOLE DEL GIOCO, E IL GIOCO SPORCO DEL MENTITORE ISTITUZIONALE - CONTRO L’ITALIA (1994-2011) !!!
25 LUGLIO 2008 : RESTITUZIONE DELLA PAROLA "ITALIA" ALL’ITALIA. RICHIESTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI UN INTERVENTO-MESSAGGIO DI CHIARIFICAZIONE E PACIFICAZIONE AL PARLAMENTO E AL PAESE SUL TEMA : FORZA ITALIA - della Voce di Fiore
FESTA NAZIONALE, IL 17 MARZO. IL CARNEVALE DELLA FOLLIA ISTITUZIONALE (1994-2011). L’UNITA’ D’ITALIA E LA "FOLLIA INCOSTITUZIONALE" DI "DUE (...)

En réponse à :

> A 150 ANNI DALL’UNITA’ --- L’Unità d’Italia ? E’ un appello per la cultura .... a Montecitorio il Capo dello Stato terrà poi il discorso celebrativo della Fondazione dello Stato unitario di fronte alle Camere riunite. Gran finale al teatro dell’Opera, dove Napolitano assisterà al Nabucco di Verdi diretto dal maestro Riccardo Muti (di di Valentina Grazzini)

mercredi 16 mars 2011

L’Unità d’Italia ? E’ un appello per la cultura

di Valentina Grazzini *

Per ironico gioco di retorica le due parole che più ricorrono in questi giorni sono unità e tagli. Mentre viene celebrato il 150esimo della nascita dell’Italia, se ne distrugge a uno dei fondamenti su cui fu costruita, la cultura. Maforse proprio su questo ossimoro può misurarsi il senso di appartenenza degli italiani. Tante sono le occasioni di pensare all’Unità : a Roma l’evento sarà celebrato con la Notte tricolore che offrirà concerti, spettacoli teatrali, animazioni di strada, mostre, letture, illuminazioni, proiezioni, fuochi pirotecnici e lectio magistralis. E quasi tutte le iniziative saranno gratuite (programma completo su www.italiaunita.it).

La fitta agenda romana del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano partirà con la visita all’Altare della Patria, proseguirà al Pantheon per deporre una corona d’alloro sulla tomba di Vittorio Emanuele II di Savoia, primoRe d’Italia, per poi toccare il Gianicolo, il complesso monumentale di Porta San Pancrazio e il Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina.

Nel pomeriggio a Montecitorio il Capo dello Stato terrà poi il discorso celebrativo della Fondazione dello Stato unitario di fronte alle Camere riunite. Gran finale al teatro dell’Opera, dove Napolitano assisterà al Nabucco di Verdi diretto dal maestro Riccardo Muti.

Intanto la seconda capitale, Torino, racconta l’Italia attraverso gli italiani : Fare gli Italiani. 150 anni di storia nazionale è la mostra ospitata nelle Officine Grandi Riparazioni, forse una delle più interessanti tra le molte proposte nel capoluogo piemontese (programma su www.italia150.it). Ma se celebrare è bene, riflettere lo è ancor di più.

Così proprio nella notte italiana per eccellenza, quella che ci traghetterà alla giornata di domani quando i tricolori sventoleranno nelle piazze, il regista Maurizio Scaparro ha preparato un appello contro i tagli al teatro che ha per l’appunto150 firmatari. Dalla A di Antonio Albanese fino alla Z di Luca Zingaretti appaiono tra gli altri Giorgio Albertazzi, Alessandro Bergonzoni, Claudi Cardinale, Lella Costa, Luca De Filippo, Davide Enia, Rossella Falk, Alessandro Gassman, Monica Guerritore, Sergio Staino, Catherine Spaak, Massimo Ranieri, Lina Sastri, Ugo Gregoretti, Anna Maria Guarnieri, Umberto Orsini, Moni Ovadia, Paolo e Lucia Poli, Gabriele Lavia, Antonio Latella... Generazioni di attori e registi uniti in nome di un’appartenenza.

L’appello sarà letto da Anna Bonaiuto alla mezzanotte di stanotte al Teatro della Pergola di Firenze (terza capitale, tout se tient) e, in contemporanea, da Elisabetta Pozzi a Palazzo Barberini di Roma. « Non ci troviamo certo in un periodo facile e piacevole per il nostro Paese - recita l’appello di Scaparro -. Con in più il peso necessario di doverlo e volerlo vivere a 150 anni dall’Unità d’Italia. Le lotte, le conquiste, i grandi ideali, i sogni, le delusioni, le tensioni all’Unità (anche culturale, quindi linguistica e teatrale).

Il teatro italiano proprio per la sua capacità di tradurre ed interpretare questi stessi sogni nella ricchezza delle sue lingue e dei suoi dialetti, è stato per un lungo periodo una preziosa moneta di scambio che circolava tra mille difficoltà e avventure in Europa, nel Mediterraneo, al quale pensiamo tutti in queste ore con grande preoccupazione, e nelmondo intero ». « Noi siamo gli eredi di quei comici che con i loro viaggi hanno contribuito a far nascere l’Europa della cultura, prima di quella delle banche, e che questa Europa vogliono far crescere - continua il documento -. Anche per questo sentiamo l’urgenza e la necessità di lanciare un grido di allarme perché le istituzioni del nostro Paese e il mondo della comunicazione non perdano il contatto con le forze vive della cultura e del lavoro, per costruire, con la grande tradizione dei Maestri e le vitalità innovative delle giovani generazioni, un nuovo Umanesimo ».

* l’Unità, 16 marzo 2011


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :