Poster un message

En réponse à :
LA LINGUA E L’UNITA’ D’ ITALIA. L’Unità non ha cancellato la molteplicità linguistica, l’ha anzi rinsaldata in un vivido mosaico. Siamo diventati italiani senza rinnegare il passato, le tradizioni, le diversità.

L’ITALIA, 150 ANNI FA. Da noi per prima è venuta la lingua. Poi s’è fatta l’Italia. Una nota di Gian Luigi Beccaria - a c. di Federico La Sala

Sullo scoglio di Quarto il più folto gruppo dei Mille parlava bergamasco. « Si odono tutti i dialetti dell’alta Italia, però i Genovesi e i Lombardi devono essere i più » è la prima impressione di Giuseppe Cesare Abba appena a bordo del « Lombardo » (...)
vendredi 18 mars 2011 par Federico La Sala
[...] La data d’inizio di quest’unità ideale è segnata da Dante quando nel De vulgari eloquentia prefigura un’Italia quasi compiuta come spazio geografico su cui la lingua del sì si sarebbe diffusa, una lingua letteraria fondata su un gruppo non solo di toscani, ma con alla base anche il gruppo meridionale dei siciliani già fioriti al tempo di Federico II, e un bolognese, Guinizelli. La parola letteraria già si distendeva su un’unità geografica e culturale prima che essa esistesse (...)

En réponse à :

> L’ITALIA, 150 ANNI FA. ---- « L’Italia unita a scuola ». Napolitano : applausi alla scuola pubblica. Barrono : sbagliato tagliare. Dal Presidente e dall’Europa partono segnali chiari verso le sciagurate politiche del governo italiano (di Marcella Ciarnelli).

mardi 15 mars 2011


-  Napolitano : applausi alla scuola pubblica
-  Barroso : sbagliato tagliare

-  Dal Presidente e dall’Europa partono segnali chiari verso le sciagurate politiche del governo italiano.
-  Anche Emma Marcegaglia è d’accordo con loro : è uno dei pochi campi in cui si deve continuare ad investire

-  di Marcella Ciarnelli (l’Unità, 15.03.2011)

« È giusto esprimere una più che giustificata soddisfazione per il grande contributo che l’istruzione pubblica ha dato alla crescita dei sentimenti di unità e di identità nazionale degli Italiani ». Il riconoscimento alla funzione fondamentale della scuola pubblica lo ha fatto il presidente della Repubblica nel messaggio inviato in occasione dell’iniziativa promossa dalla casa editrice Laterza « L’Italia unita a scuola ».

Dieci scuole disseminate sul territorio, che per tre giorni diventeranno luogo di incontro, discussione, confronto. Del contributo della scuola pubblica, ha ribadito il presidente « c’è ancora e più che mai bisogno per rafforzare la coesione del paese dinanzi alle ardue prove cui è chiamato » e « va al tempo stesso sottolineata l’importanza del compito che spetta alla scuola nel diffondere tra le nuove generazioni una più approfondita conoscenza dei diritti e dei doveri che da più di mezzo secolo la Costituzione repubblicana garantisce e indica a tutti i cittadini ».

E, guardando oltre i nostri confini, « appare necessario che la scuola prepari i giovani ad essere sempre più consapevoli degli obiettivi che dobbiamo proporci, come stato nazionale, nel quadro dell’Unione Europea. C’è ancora molto da fare affinché in Europa tutte le categorie sociali e tutte le realtà regionali possano essere partecipi di un più elevato livello comune di benessere ».

Ma « le nuove generazioni, che hanno la fortuna di vivere in un’Europa di pace, libera dall’incubo di ricorrenti conflitti, dovranno far fronte con coraggio e lungimiranza a sfide nuove e difficili. È compito anche della scuola di far crescere nei giovani le conoscenze e i valori necessari per meglio affrontarle ».

Esiste, dunque, « la nuova realtà di un mondo in cui grandi popoli sì stanno dimostrando capaci di uscire da una secolare condizione di arretratezza, ma nel quale esistono vasti arsenali di armi di distruzione di massa e, comunque ogni crisi e conflitto locale rischia dì coinvolgere tutti, impone ai paesi ancora oggi più ricchi di risorse di assumersi nuove responsabilità, per contribuire alla cooperazione fra gli stati, alla sicurezza, alla pace e al progresso civile in tutti i continenti ».

Il presidente Napolitano ha più volte richiamato in questi mesi, la necessità di sostenere la cultura e la ricerca pur in presenza di una evidente necessità di operare dei tagli di bilancio per affrontare la crisi.

Sulla sua stessa linea si è espresso anche il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso che ieri ha tenuto alla Luiss una lectio magistralis durante la cerimonia per il conferimento della laurea honoris causa : « Non è intelligente tagliare le risorse ai settori della scienza, dell’istruzione e della cultura » ha detto Barroso. Ed anche la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, nel corso della stessa cerimonia, ha riaffermato la necessità di « investire nella crescita, nell’università e nella scuola. Dobbiamo e possiamo fare di più, questo è uno dei pochi campi in cui il governo deve continuare a investire soldi ».

La scuola è sicuramente uno dei luoghi dove si è fatta l’unità d’Italia, anzi, dove si sono fatti gli italiani. È grazie alla scuola che abbiamo imparato a parlare la stessa lingua, riconoscendo una comune identità. Ecco perché la casa editrice Laterza ha pensato di promuovere nelle scuole tre giornate di riflessione e di festa, di discussione e di condivisione, da oggi al 17 marzo, giorno della proclamazione del Regno d’Italia. Tre giornate dedicate a lezioni magistrali, seminari, workshop, concerti, mostre, film ed altro sui temi della storia dell’Italia unita. Storici ma anche filosofi ed economisti, sociologi e giuristi, scrittori e giornalisti saranno coinvolti in un confronto aperto con i cittadini, gli insegnanti e, soprattutto, gli studenti, veri protagonisti delle tre giornate.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :