Poster un message

En réponse à :
KANT, ETICA ED EBRAISMO. SEGUENDO ACRITICAMENTE LEVINAS, BUBER, ROSENZWEIG, WITTGENSTEIN ....

PER RINNOVARE LA FILOSOFIA, HILARY PUTNAM INTERPRETA KANT COME EICHMANN. E PROPONE COME "UNA GUIDA DI VITA" LA SUA "FILOSOFIA EBRAICA". Una pagina dal suo libro, con note - a cura di Federico La Sala

Armando Massarenti : (...) mentre in Svezia gli viene assegnata quella sorta di Nobel per la filosofia che è il Rolf Schock Prize, in Italia esce uno dei suoi libri più sorprendenti (...)
jeudi 24 mars 2011 par Federico La Sala
[...] l’etica non deve essere ricavata da una qualche metafisica, nemmeno una metafisica "ontica" (ossia "anti-ontologica") come quella di Heidegger, ma anche che l’intera riflessione su ciò che vuol dire essere un essere umano deve iniziare con una simile etica "non fondata". Ciò non significa che Levinas vuole negare la validità, per esempio, dell’« imperativo categorico » : quel che rifiuta è ogni formula come « comportati in questo e quest’altro modo perché... ». In molti e diversi modi (...)

En réponse à :

> PER RINNOVARE LA FILOSOFIA .... Siamo noi i signori del bene e del male. Aut la democrazia aut la teocrazia o il Führerprinzip : non è questione di conoscenza, ma di lotta. Questa responsabilità abissale ci terrorizza, ma è ineludibile (di Paolo Flores d’Arcais - Siamo realisti, riconosciamo che l’etica è soggettiva).

mardi 11 décembre 2012

Siamo realisti, riconosciamo che l’etica è soggettiva

-  Nel dibattito sul “New realism” interviene Flores d’Arcais : Putnam ha torto, la divisione tra giudizi di fatto e di valore è invalicabile
-  Non ci sono valori veri (o falsi) ma solo valori creati. Siamo noi i signori del bene e del male

di Paolo Flores d’Arcais (La Stampa, 11.12.2012)

Se il New realism si limitasse a rivendicare semplicemente - contro la tesi ermeneutica che « non ci sono fatti, solo interpretazioni » - l’esistenza « là fuori » di una realtà che prescinde da noi, saremmo alla banalità, al« pensiero debole » sostituito dal « pensiero futile ». Che ci saranno lombrichi e galassie, anche quando non ci saremo noi, lo ammette per primo Vattimo, immagino. Ma il New realism, ci dice Putnam, afferma molto di più, non riguarda solo la verità (meglio : l’accertabilità) degli asserti scientifici, bensì il rifiuto di riconoscere una divisione di principio tra giudizi di fatto (scienza) e giudizi di valore (etica). Perché entrambi riscontrabili nella realtà. E invece no. Il New realism di Putnam ha torto (ma il New realism di Eco o di Ferraris è già differente), quel confine è intransitabile.

In primo luogo è semplicemente falsa l’affermazione di Putnam secondo cui « la scienza presuppone sempre valori epistemici come la coerenza o la semplicità ». Quei valori possono influenzare, motivare o addirittura guidare il ricercatore nello « scremare » fra le ipotesi, ma alla fine contano solo gli esperimenti cruciali, che corroboreranno come scientifica una teoria anche se meno elegante delle ipotesi concorrenti(il bosone di Higgs, per dire, è sommamente inelegante e complicato).

In secondo luogo « valori epistemici » e « valori morali » non hanno nulla in comune, poiché è l’aggettivo a fare la differenza essenziale. E la questione fondamentale è proprio se i valori morali abbiano una realtà oggettiva come i fatti empiricamente accertabili, o siano invece creati dai diversi gruppi umani (e infine dai singoli individui) e dunque ineludibilmente relativi a ciascuno di essi.

Per il New realism di Putnam sono legati all’oggettività, sostenere il contrario è un errore (p. 37 di Fatto/valore, fine di una dicotomia, ed. Fazi). Quando usiamo aggettivi come crudele e malvagio o sostantivi come crimine intrecciamo inestricabilmente scopi normativi e accertamento descrittivo (p. 40). Dire perciò che « il signor X è crudele » sarebbe riscontrabile nel fatto stesso del suo comportamento. La cui valutazione sarebbe « intersoggettivamente cogente » (se la parola « oggettivo » disturba i puristi) quanto l’affermazione « la composizione chimica dell’acqua è H2O » (più « impurità residue », altrimenti qualche sofista obietta).

Ma, purtroppo per Putnam, mentre questa seconda affermazione è vera (intersoggettivamente accertabile in modo cogente), la prima è strutturalmente soggettiva, relativa ai valori morali (che possono essere agli antipodi) di chi la pronuncia. Diamo un nome al « signor X » : l’indimenticabile top model Verusckha racconta come a scuola (siamo già nel dopoguerra) venisse isolata e ingiuriata sottovoce come figlia del traditore, poiché suo padre, il conte Henrich von Lehndorff, aveva preso parte al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Quell’attentato, che per Putnam e per me è stato « eroico », è invece « crimine »per due o tre generazioni di tedeschi (che probabilmente leggono Goethe e ascoltano Beethoven), milioni dei quali approvavano i Lager per i « malvagi » ebrei, zingari e comunisti.

Insomma, da un insieme di fatti accertabili non si potrà mai dedurre un giudizio di valore univoco, poiché i valori fondamentali che guidano i nostri giudizi morali non sono dati in natura, non sono conoscibili come i fatti, e meno che mai sono scolpiti eguali e indelebili in tutti i cuoriumani. Della specie Homo sapiens fanno parte allo stesso titolo (ahimè) tanto Francesco d’Assisi quanto Adolf Hitler, tanto la « volontà di eguaglianza » quanto la « volontà di potenza », tanto i fautori della democrazia quanto quelli della teocrazia o del Führerprinzip. Perciò non esistono valori veri (o falsi), ma solo valori creati. Di cui ciascuno di noi è esistenzialmente responsabile, proprio perché la nostra responsabilità non si limita (come vorrebbe Ratzinger e ogni altro cognitivista etico, religioso o meno che sia) a riconoscere valori « oggettivamente » dati (dove ?) : siamo i creatori e signori « del bene e del male » secondo scelte incompatibili ( aut la democrazia aut la teocrazia o il Führerprinzip : non è questione di conoscenza, ma di lotta). Questa responsabilità abissale ci terrorizza, ma è ineludibile.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :