Poster un message

En réponse à :
MATEMATICA E METAFISICA. Secondo RenÚ Guenon, da Leibniz in poi Ŕ stata dimenticata la metafisica riducendo tutto a un gioco di simboli

LEIBNIZ, GUENON E LA CRISI DELLA MATEMATICA. Due note (da pensare insieme) : "Leibniz e il computer della creazione" e "i traditori di Pitagora". La prima di Andrea Vaccaro, la seconda di Paolo Zellini - a c. di Federico La Sala.

Per quanto assurda o eversiva, la critica di GuÚnon fa comunque pensare alla radicalitÓ di interventi paralleli, nel primo Novecento, sui fondamenti della matematica e della fisica, da Brouwer a Weyl, da Hilbert a Schr÷dinger.
samedi 7 mai 2011 par Federico La Sala
[...] agli occhi di Leibniz, l’utilitÓ dell’aritmetica binaria Ŕ lampante : « non c’Ŕ miglior analogia, o perfino dimostrazione, della creazione di tutte le cose dal niente attraverso l’onnipotenza di Dio che l’origine dei numeri qui rappresentata, ovvero usando solo l’unitÓ e lo zero, dove dal semplice impiego dell’unitÓ tutti i numeri sono originati » [...]
[...] (RenÚ Guenon) sostiene che la scienza moderna non Ŕ la semplice prosecuzione della parola biblica o del credo pitagorico, bensý (...)

En réponse à :

> LEIBNIZ, GUENON E LA CRISI DELLA MATEMATICA. ---- IL SIMBOLISMO DELLA CROCE. Di che cosa parliamo quando parliamo di croce (di Alessandra Iadicicco).

mardi 30 octobre 2012

Di che cosa parliamo quando parliamo di croce

Torna lo studio del filosofo esoterista RenÚ GuÚnon che analizza il simbolo attraverso le varie religioni

di Alessandra Iadicicco (La Stampa, 30.10.2012)

Tanti simboli continuano a parlarci, solo che non li comprendiamo pi¨. Anche incompresi, o inascoltati, anche privati della loro aura sacrale e trasformati in mero segno ornamentale, non smettono di esercitare un’irresistibile forza di attrazione, di suscitare rispetto o timore, di scatenare irrazionali superstizioni o indurre una reverente soggezione.

Uno dei simboli pi¨ antichi e diffusi, ancestrali e universali, Ŕ la croce, che « in forme diverse si trova quasi ovunque sin dalle epoche pi¨ remote » : Ŕ quanto scrive RenÚ GuÚnon (1886-1951) in un testo che rappresenta una pietra miliare per la grammatica e la logica dei simboli e offre la lettura pi¨ intrigante ed esauriente dell’emblema su cui Ŕ fondata la civiltÓ occidentale cristiana.

Il simbolismo della croce per˛ - che il filosofo esoterista franco-egiziano scrisse al Cairo nel 1931 e che dopo varie traduzioni italiane pubblicate da Luni, Rusconi, su riviste di studi della Tradizione, esce finalmente nella limpida versione di Pietro Nutrizio per Adelphi (in libreria mercoledý) - non Ŕ un testo cristiano, nÚ si attiene alla cultura e ai culti occidentali.

Il suo autore, adepto della « scienza sacra », studioso delle religioni considerate nella loro forma tradizionale, esperto di taoismo, induismo, islam, ebraismo e cristianesimo, cercava in ciascuna di queste dottrine e nella loro reciproca corrispondenza il riflesso di una sola divinitÓ, di un unico principio metafisico dal quale discenderebbe l’intero ordine universale.

Di tale discesa, e della successiva, salvifica risalita la croce costituisce il sistema assiale, l’intersecarsi delle coordinate di riferimento, il vettore, il segnale della direzione da tenere per un’autentica realizzazione spirituale.

I suoi bracci, scrive GuÚnon, si estendono in direzioni opposte, ma formano « l’unione dei complementari ». In essa si stringe il legame tra il maschio e la femmina, tra l’uomo e la donna uniti nel vincolo nuziale, e si rinsalda l’insieme dell’edenico « Adamo-Eva » che nell’islam esoterico « ha il numero di Allah, e rappresenta l’IdentitÓ Suprema, l’Uomo Universale ». In suo nome si combatte una guerra santa : la jihad islamica o la campagna dei crociati intesa a un superiore ristabilimento della pace.

Nel suo centro e fulcro il saggio cinese attinge il tao, il perfetto equilibrio, preservato da passioni e turbamenti. E il fedele ind¨ riconosce nei suoi tre elementi - base, vertice, piano orizzontale - i tre stati dell’essere, « i tre guna » : il buio, la luce e la tensione umana a farli comunicare.

In quest’ottica, nelle credenze estremo orientali, la croce Ŕ specchio della Grande Triade, del macrocosmo formato dal cielo, dalla terra e dall’uomo che tra terra e cielo deve mediare.

Fusto, colonna trave portante di questa architettura cosmica Ŕ, naturalmente, l’asse verticale della croce, corrispondente all’ordito immutabile attorno a cui si intreccia la trama di ogni umana storia, al filo teso e immobile che regge la mutevolezza di ogni tessitura.

In tal senso in ogni testo sacro, o in ogni sutra (in sanscrito : « filo ») contenente il canone della dottrina induista, sarebbe inscritto il simbolismo della croce. Rampa ascendente, axis mundi, scala per le sfere celesti, tronco dell’albero vitale, il legno della croce rivela tuttavia appieno il suo spessore di simbolo solo scendendo a penetrare le tenebre, l’oscuritÓ, l’ombra del male.

Con la potenza di un’immagine irriducibile esibisce il misterioso innesto tra la vita e la morte, l’albero e il serpente, tra lo strumento della caduta - il legnum vitae, che fu proibito e precluso a Adamo ed Eva dopo la cacciata - e lo strumento della passione e resurrezione.

Anche il devoto fedele ad altri credo che ignori la storia della salvezza e il significato della crocifissione di Cristo, evoca un analogo cammino di elevazione attraverso simboli che corrispondono a quello della croce : che siano la menorah o l’albero sefirotico della Qabbalah ebraica, l’alternanza di ying e yang nel simbolismo cinese, la corda tesa sull’arco a rappresentare lo slancio dei tre guna, o i tre stadi del divenire dell’uomo concepito secondo il VŕdÔnta. Siamo sicuri di avere bene in mente tutto questo quando e se, da bravi cristiani, facciamo frettolosamente il segno della croce ?


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :