Inviare un messaggio

In risposta a:
POLITICA E RETORICA ITALIANA, NELL’EPOCA DEL BERLUSCONISMO GALOPPANTE (1994-2011). Quando non c’è serietà le bugie dilagano, le immagini s’adeguano ...

FARE PAURA. TOGLIERE A LAMPEDUSA E ALL’ITALIA LE LORO VIRTU’: DIGNITA’, CALMA, RESISTENZA, SERIETA’. Lampedusa e la sovranità del panico. Un’analisi di Barbara Spinelli - a c. di Federico La Sala

Giustamente il cardinale Martini mette in guardia contro l’uso dello spauracchio apocalittico: non ha detto, Gesù, che "fatti terrificanti" verranno ma "nemmeno un capello del vostro capo perirà"? (...)
giovedì 7 aprile 2011 di Federico La Sala
[...] la menzogna decisiva riguarda quel che l’Italia pensa di sé. Alla radice della cecità, c’è l’illusione di essere una nazione che ancora può scegliere tra essere multietnica o no. Che non deve nemmeno chiedersi se stia divenendo xenofoba.
In realtà sono 30 anni che siamo un paese d’immigrazione, con punte massime negli ultimi dieci, e quando Berlusconi nel 2009 disse che "non saremo un paese multietnico", mentiva per evitare il ruolo di pedagogo delle crisi. Per negare che la (...)

In risposta a:

> FARE PAURA. ---- Ambulanti all’italiana (di Igiaba Scego)

mercoledì 30 marzo 2011

Ambulanti all’italiana

di Igiaba Scego (l’Unità, 30 marzo 2011)

Negli anni ’90 esisteva una parola che odiavo (lo stesso odio che riservo oggi alla parola clandestino). La parola in questione era “vu cumprà”, il termine, altamente dispregiativo, indicava i venditori ambulanti di origine straniera. Gli ambulanti venivano anche designati con il termine generico “marocchino”, anche se molti di loro erano di origine senegalese.

Forse questa storia è nota ai più di voi, ma mi chiedo quanti di voi sanno che in Europa oltre a esportare cervelli gli italiani esportano anche ambulanti? Durante il boom dell’emigrazione anni ’50 molti italiani hanno cercato di sbarcare il lunario vendendo di tutto. Ma credevo che questo non succedesse più agli italiani di oggi, invece a Manchester e in generale nel Nord dell’Inghilterra ci sono molti italiani che girano per le strade a vendere orologi. Questo me l’hanno raccontato membri della comunità somala inglese.

Infatti sono i somali i più ricercati dagli ambulanti italiani, soprattutto se il somalo ha più di 50 anni. Gli italiani sanno che il somalo è il pollo... ops.... il cliente perfetto a cui rifilare orologi. Sanno che i somali della diaspora over50 sanno tutti parlare italiano, sanno che i somali provano una strana “nostalgia” per o sole e o mare nonostante l’Italia non li abbia accolti e non gli abbia dato uno stato da ex paese colonizzato con i privilegi del caso (privilegi dovuti dopo anni di distruzione e apartheid inflitti).

Il somalo si illumina a sentire la lingua di Dante e si ferma sempre. In molti ti dicono «Ci fermiamo anche perché ci fanno pena questi italiani. Poveretti costretti all’emigrazione come noi che viviamo una guerra civile e con quel Berlusconi che li rende tutti poveri».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: