Inviare un messaggio

In risposta a:
DOPO GIOVANNI PAOLO II, LA CHIESA SULLA STRADA DELLA CIVILTA’ DELL’AMORE ("CHARITAS")? NO!!! SU QUELLA DEL DIO DEGLI AFFARI ("CARITAS""). WOITYLA PREGAVA PER L’ITALIA, BENEDETTO XVI PREGA PER "FORZA ITALIA"!!!

L’ITALIA FERITA E SCONCERTATA. DOPO CHE IL SUO PAPA HA BENEDETTO E GUIDATO L’ATTACCO, BRUNO FORTE SI CHIEDE "COME CURARE L’ALBERO MALATO DELLA POLITICA". Una nota di premessa sull’inizio dell’offensiva e le sue "riflessioni sui nostri tempi", oggi - a cura di Federico La Sala

giovedì 14 aprile 2011 di Federico La Sala
[...] «Su quale bilancia si pesa la vita di un uomo? Secondo quale ordine si tirano le somme, da cui
risultano il guadagno e la perdita di questa vita, e appare chiaro il suo senso ultimo?» Con queste
parole, il 4 novembre 1945, Romano Guardini introduceva a Tubinga la commemorazione dei
martiri della Rosa Bianca, gli studenti universitari fucilati su ordine del Tribunale del Reich per
aver diffuso volantini in cui denunciavano con verità e coraggio la follia della guerra e le menzogne
di (...)

In risposta a:

> L’ITALIA FERITA E SCONCERTATA. ---- I CATTOLICI E IL CAIMANO. Sarebbe bello vedere un sussulto identitario dei cattolici italiani, sapere cosa pensano davvero, cosa sentono nel loro intimo, quando vedono Silvio Berlusconi vantarsi di rappresentare i valori cristiani (di Silvia Ballestra).

lunedì 11 aprile 2011

I cattolici e il caimano

di Silvia Ballestra (l’Unità, 11 aprile 2011)

Forse è troppo chiedere ai cattolici italiani di comportarsi come una categoria politica, seppur molto vasta e diffusa nella società. E quindi sarebbe forse fuori luogo pensare a una mobilitazione, che so, a una manifestazione di cattolici, o a una grande adunata. L’ultima che si ricorda è quella del Family Day dove decine di leader cattolici con due o tre famiglie si precipitarono in cerca d’applausi.

Eppure sarebbe bello vedere un sussulto identitario dei cattolici italiani, sapere cosa pensano davvero, cosa sentono nel loro intimo, quando vedono Silvio Berlusconi vantarsi di rappresentare i valori cristiani. “Sono qui a rappresentare la maggioranza del popolo italiano che crede nella tradizione cristiana. Questi valori non potranno mai essere sconfitti”, ha detto l’altro giorno davanti ai seguaci del ministro Rotondi. E poi, tra un’invocazione al Signore (“Al buon Dio chiedo di dare uno sguardo dall’alto perché abbiamo bisogno anche di lui per riuscire”) e una promessa a Giovanardi (“Se Tremonti non trova cinquanta milioni per la famiglia te li do di tasca mia”), ha molto apprezzato che dalla platea gli ha gridato “Santo subito”.

Per una volta niente barzellette zozze con bestemmia allegata, niente doppi sensi e ammiccamenti sessuali. Qualche tempo fa fece rumore sui giornali la decisione di Telecom di sostituire Belen come testimonial: si disse che non era gradita alle famiglie italiane, poco adatta ai loro valori. E Silvio sì, invece? Davvero i cattolici italiani possono tollerare un simile testimonial? Un devoto così furbetto? Forse anche per loro sarebbe ora di dire: quel signore non ci rappresenta.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: