Inviare un messaggio

In risposta a:
GLOBALIZZAZIONE, FINANZA, E PENSIERO CRITICO. Note dalla cattedra di Economia all’Universita’ di Princeton, Stati Uniti.

TU SEI MENO E COSI’ VA IL MONDO. IL COMITATO DELLA SOFFERENZA, LA FINANZA INTERNAZIONALE, E LA CRISI. Una nota di Furio Colombo - a c. di Federico La Sala

“Sono molto fantasiosi i membri di questo comitato della sofferenza - sostiene Krugman - E trovano sempre un modo nuovo per infierire. Però una cosa è certa: si impegnano a tener fuori da preoccupazioni e fastidi la grande rendita”
domenica 19 giugno 2011 di Federico La Sala
[...] Krugman propone una chiave di lettura: non c’è siccità di risorse. C’è una parte del mondo che mette al riparo enormi ricchezze, e autorità finanziarie e monetarie che ne proteggono il percorso imponendo politiche così dure sugli individui che lavorano, che possono abbattere un intero Paese (vedi la Grecia, che tutti ormai ci siamo abituati a considerare una pericolosa fuori legge).
Se qualcuno dei lettori vorrà raccontare questa battuta di Krugman, ricordi che l’estroso commentatore (...)

In risposta a:

> TU SEI MENO E COSI’ VA IL MONDO. ---- Stati e banche «fratelli siamesi». Ma chi governa il nostro destino? (di Guido Rossi).

domenica 19 giugno 2011

Stati e banche «fratelli siamesi». Ma chi governa il nostro destino?

di Guido Rossi

(Il Sole-24 Ore, 19 giugno 2011)

L’insolvenza della Grecia ha messo definitivamente in discussione dogmi, istituzioni e miti, sui quali si è basata la nostra cultura e il nostro modo di vivere. Molti di loro sono già rovinosamente caduti, altri stanno per frantumarsi, principalmente a causa delle trasformazioni politiche ed economiche del capitalismo finanziario e della globalizzazione. Val dunque la pena di fare qualche indagine al riguardo.

Il maggior mito scomparso, che John Galbraith già nel 2004 giudicava falso, è quello del doppio settore del Privato, giudicato positivamente, e del Pubblico, tollerato, sovente in guisa retorica per il suo costante, quanto spesso ambiguo, riferimento al bene comune. Da qui l’ormai consunto slogan «meno Stato più mercato» come panacea di civiltà.

Imprese private e Stati vivono sempre più in un inquietante connubio e le norme istituzionali rispettivamente a loro disciplina paiono ormai confuse e sfatte. La Grecia versa oggi infatti in uno stato di insolvenza, come può accadere alle imprese, incapaci di pagare i debiti alla scadenza, e rischia di andare in fallimento, secondo l’odierna previsione di un prestigioso responsabile sia della crisi finanziaria, sia della caduta del mito, Alan Greenspan. Naturalmente per gli Stati si usa il meno aggressivo termine di default invece che bankruptcy, ma si tratta comunque di fallimento. Stati e imprese sono in egual misura soggetti alle speculazioni dei mercati finanziari, dove spadroneggiano tuttora, con allarmante asimmetria, le grandi banche private.

E si discute oggi sul salvataggio della Grecia, con procedura concorsuale tipica, come la ristrutturazione del debito, con un piano al quale dovrebbero intervenire le istituzioni internazionali, l’Unione europea e le istituzioni private su base volontaria, secondo l’apertura di Angela Merkel, dopo il vertice Germania - Francia di venerdì a Berlino.

Ma quale base volontaria? E, poi, le grandi banche private? Ebbene sì, non foss’altro perché sono esse ad avere in portafoglio i titoli di Stato a rischio insolvenza. Una domanda allora, non più economica, ma istituzionale, dovrebbe oggi essere posta a esaminare la "mostruosa fratellanza siamese" fra Stati e banche, per adottare un’espressione già cara al grande banchiere Raffaele Mattioli, per il rapporto banca - industria, anch’esso sempre più attuale. Non è dunque un caso che le grandi banche siano chiamate "di sistema", e quindi too big to fail, mentre gli Stati possono ben fallire. Insomma, è la politica dei Governi oppure l’attività e l’interesse delle grandi banche, centrali o periferiche che siano, ad arbitrare il nostro destino?

Non corre peraltro dubbio che il connubio continua anche nelle persone che si alternano al comando. La maggiore istituzione bancaria americana Goldman Sachs, ad esempio ha avuto e ha fra i suoi alti dirigenti e consulenti ex primi ministri, ministri del Tesoro, governatori di banche centrali, commissari europei. Assai istruttivo sul denunciato connubio è il recente volume di William R. Rhodes, Banker to the World: Leadership Lesson from the Front Lines of Global Finance (MCGrow - Hill 2011).

Ma quel che oggi al riguardo preoccupa di più è il possibile effetto domino del default greco sulle banche e sui bilanci degli Stati membri dell’Unione europea, effetto che pare ora mettere in allarme anche l’Italia dopo le possibili revisioni al ribasso del rating, appena annunciato dall’agenzia Moody’s a seguito di quello di Standard & Poor’s. Da qui anche l’ovvia caduta delle borse, in un’ulteriore singolare mistura fra pubblico e privato dove società di rating, spesso accusate di conflitto d’interessi, danno giudizi sulla tenuta economica di Paesi, determinando l’andamento dei mercati finanziari e pesanti riflessi sul debito pubblico.

Può allora la Banca centrale europea risolvere questa inedita crisi che minaccia l’euro e ora molti altri membri dell’Unione europea, compreso il nostro? E così impedire l’effetto domino? La risposta pare a me assai ardua qualora la Bce non abbia un governo di riferimento, che non è certo né il board del consiglio dei governatori, né l’Eurogruppo. Il suo assetto è atipico, contraddittorio e fragile, come ha ben rilevato Alessandro Plateroti venerdì sulle pagine di questo giornale, anche perché è stato meticolosamente disciplinato seguendo il modello tipico statuale. Ma ad essa manca il governo di riferimento, mai approdato a compimento attraverso i trattati da Maastricht ad Amsterdam, da Nizza fino a quello di Lisbona del 2009. La presenza invece, di uno Stato federale negli Usa ha finora impedito ogni effetto domino sugli altri Stati, ancorché il budget della California approvato proprio venerdì abbia nuovamente presentato un deficit grave e politicamente difficile da colmare.

Per concludere, pare a me doveroso sottolineare che la soluzione possibile a questa inquietante crisi economica e finanziaria può passare solo da una maggior vocazione europea di tutti i Paesi membri, a incominciare dal nostro, per darsi finalmente una vera Costituzione federale, purtroppo finora abortita.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: