Inviare un messaggio

In risposta a:
L’ITALIA: LA CASA DEGLI ITALIANI E DELLE ITALIANE: CHE AMBIENTE, IN NOME DELLA "PUBBLICITA’ PROGRESSO"!!!

ITALIA: AVEZZANO. LA TRIVIALITA’ CONTRO LA CONVIVIALITA’. Lettera agli Avezzanesi di Aldo Antonelli, parroco di Antrosano - a c. di Federico La Sala

L’ambiente Ŕ come la placenta che ci avvolge e ci custodisce, ci educa e ci fa crescere o ci imbarbarisce e abbrutisce. Un ambiente volgare ci rende volgari. Un ambiente senz’anima ci plasma senz’anima. Un ambiente venduto al commercio ci svende come merce.
giovedì 23 giugno 2011 di Federico La Sala
[...] La volgaritÓ del commercio e l’improntitudine sfacciata della propaganda hanno colonizzato il territorio e come cani famelici segnano il loro dominio orinando veleni e disprezzo.
Si Ŕ cominciato col dissacrare l’Ospedale, luogo per antonomasia della quiete e del riposo, del rispetto e della riservatezza. LÓ, ormai da tempo, e nel silenzio generale dei cittadini, cartelli di ogni dimensione e di ogni colore hanno inselvatichito il cortile, ricoperto le pareti, imbrattato i corridoi e (...)

In risposta a:

> ITALIA: AVEZZANO. LA TRIVIALITA’ CONTRO LA CONVIVIALITA’. Lettera agli Avezzanesi di Aldo Antonelli, parroco di Antrosano - a c. di Federico La Sala

giovedì 23 giugno 2011

Un ambiente...(immorale); ci disconnetta. Non solo l’ambiente piu’ vicino a noi, intorno a noi, quello che frequentiamo, come al consueto, quello di ogni giorno.... Si! questo ambiente, ma! io dico che non solo questo...ma addirittura dell’intera Citta, Regione, Nazione e Continente.

Ci si puo’ disconnettare dall’amore naturale, fraterno, empatetico , di commiserazione o pieta’. Si diventa duri, come ai tempi preistorici...andando in giro con la mazza in mano e qualsiasi cosa si muovi ...l’ammazziamo. Poi diciamo che non siamo stati noi!

Spesso diciamo no! no a questo no a quello. Uno ti offre un caffe e noi diciamo no! robba da matti...non ho’ tempo, devo andare, hanno bisogno di me, mi aspettano. Uno ti parla e tu cosa fai? la tua mente e penziero vaga, naviga e va’ al naufragaggio; spesse volte durante il giorno. In generale gli Italiani si fanno una moralita’ per conto loro. su’ misura, come quando si va dal sarto.

Si ci disconnetta dagli amici veri, per preferire quelli falsi , dai parenti che davvero ti stimano , per quelli che ti trattano male, dai famigliari che darebbero la vita per te, per quelli che ti mozzicano un po alla volta fino a toglierti la vita dal tuo corpo e si berrebbero anche il tuo sangue.

(Cosa fa’ un Italiano quando non sa’ una cosa?

L’insegna agli altri dando l’idea falsa che lui sa’ tutto quello che si dovrebbe sapere della situazione. Per strada, camminano a testa alta e nei locali publici si mettono su un piedestallo ma quando rincasano vallo alla tana e si ammucchiano con la testa fra le gambe....sperando che l’indomani i nonni gli diano qualche soldino, per spenderlo nelle piu’ balorde e immorali cose al mondo, che amano cosi tanto da praticare.

Il vuoto spirituale oggi cosý diffuso in Europa corrisponde alla situazione esistente nel Iásecolo nell’impero romano.

Lo storico Will Durant spiega come il cristianesimo del Iásecolo riuscý a soddisfare il bisogno spirituale di quel tempo: “Nel vuoto morale del moribondo paganesimo, nella freddezza dello stoicismo e nella corruzione dell’epicureismo, in un mondo malato di brutalitÓ, di crudeltÓ, di oppressione e di disordine sessuale, in un impero pacificato che sembrava non avere pi¨ bisogno delle maschie virt˙ e degli dŔi della guerra, il cristianesimo recava una nuova morale fatta di fratellanza, di bontÓ, di dignitÓ e di pace”.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: