Inviare un messaggio

In risposta a:
CRITICA DELLA CONOSCENZA E DELLA RAGIONE MEDICA....

C. F. SAMUEL HAHNEMANN: "AUDE SAPERE". LA RIVOLUZIONE COPERNICANA IN MEDICINA. Alcune indicazioni per una rilettura dell’Organon dell’arte del guarire - di Federico La Sala

(... ) come il cammino di Hahnemann incroci (per vie ancora non conosciute, tutte ancora da esplorare) l’orizzonte critico kantiano (...)
venerdì 10 aprile 2015
[...] “Aude Sapere”. Senza la comprensione di questa cifra specifica, un’indicazione all’apparenza sorprendente e straniante, si corre il rischio (come è successo e succede ancora) di guardare il dito e non la luna e di collocare Hahnemann (1755-1843) culturalmente e filosoficamente prima di Kant e della sua rivoluzione copernicana, all’interno della tradizione della “metafisica razionale”, “della medicina razionale”, come fanno Harris L. Coulter e (...)

In risposta a:

> C. F. SAMUEL HAHNEMANN: "AUDE SAPERE". --- LA MALARIA E IL RIMEDIO CINESE: A YOUYOU TU, IL PRIMO NOBEL -- Quel premio alla medicina cinese (di Giuseppe Novelli)

sabato 10 ottobre 2015

Quel premio alla medicina cinese

di Giuseppe Novelli (la Repubblica, 10.10.2015)

CARO direttore,

dopo aver letto l’articolo intitolato “Il rimedio cinese” a firma di Giampaolo Visetti, vorrei condividere con lei ed i suoi lettori alcune riflessioni sul significato del premio Nobel assegnato a Youyou Tu e sui rapporti tra medicina tradizionale cinese e medicina occidentale.

Visetti definisce più volte la scopritrice dell’artemisina “maga”, ma si tratta di una ricercatrice con competenze chimiche, che ha usato un metodo sperimentale per identificare il principio attivo della pianta e, senza i laboratori delle multinazionali occidentali del farmaco, non sarebbe mai arrivato ai malati salvando milioni di vite.

Si dice che mentre il Nobel premierebbe la medicina tradizionale, i cinesi fuggano da questa medicina: certo che l’abbandonano, dato che i farmaci occidentali sono più efficaci e rapidi dei trattamenti ispirati da credenze metafisiche più che da prove scientifiche.

Infine egli scrive che “la maga delle erbe che per decenni ha battuto i villaggi rurali, trascrivendo a mano le ricette della medicina cinese tramandate oralmente dagli anziani, è così ascesa all’istante ad anti-simbolo globale di una scienza umana consegnata alla speculazione finanziaria, alla corruzione politica e al dominio delle analisi hi-tech”.

È una lettura francamente poco condivisibile: non dovremmo dimenticare che l’aspettativa di vita oltre gli ottanta anni, i bambini che non muoiono più di malattie infettive, e non più malati e malnutriti, etc. sono conquiste della medicina occidentale.

La medicina moderna è oggi assai lontana da ciò che gli anziani cinesi tramandavano oralmente. Risponde esclusivamente al rigore scientifico della sperimentazione. I farmaci rappresentano prodotti industriali che devono soddisfare i requisiti posti dalla società per garantirne la salute. Per questa ragione devono essere efficaci su ogni persona e, soprattutto, non devono provocare eventi ostili o esporre a rischi diversi da quelli della patologia in atto. La disponibilità oggi delle conoscenze in grado di riconoscere le caratteristiche genomiche di ciascun paziente rende più efficace il processo di scoperta di nuovi farmaci, di personalizzare la terapia di base e di offrire opzioni terapeutiche prima impensabili. Questo è l’orizzonte della medicina di precisione.

L’artemisina ha dato speranze e salvato dalla malaria milioni di persone, ma il suo potere curativo rischia di dimostrarsi inefficace nella continua lotta per la sopravvivenza tra l’ospite (l’uomo) e il parassita. I parassiti inventano continuamente nuove “armi” per attaccare i propri ospiti che potranno proteggersi soltanto con nuove “strategie difensive” prodotte ad arte dalla medicina di precisione. I parassiti costruiranno sempre nuove “chiavi” e gli ospiti dovranno continuamente cambiare la “serratura”. Già da oggi la scienza si sta impegnando per realizzare l’unica serratura inviolabile: quella del vaccino contro la malaria ottenuto attraverso le tecniche dell’ingegneria genetica.

Rettore Università degli Studi di Roma Tor Vergata

***

Riferito a Youyou Tu, l’aggettivo “maga” è chiaramente elogiativo: sottolinea la sua straordinaria abilità, le eccezionali qualità nel dominare gli elementi, accezione etimologica. La sua vita di scienziata, in equilibrio tra passato e futuro, è davvero una magia. Che la medicina si sia spesso piegata alla speculazione finanziaria, alla corruzione politica e al dominio (interessato) delle analisi hi-tech è un fatto, non una lettura ideologica: prima lo hanno dimostrato i processi, ora lo affermano anche i governi. I malati ne subiscono quotidianamente le conseguenze. (Giampaolo Visetti)


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: