Poster un message

En réponse à :
ABITARE LA TERRA. In cammino verso l’Eden, il paradiso terrestre, o verso l’inferno terrestre ? Il tema della casa nell’immaginario statunitense ....

AMERICAN DREAM. La crisi del sogno americano. Un saggio (con un’analisi del romanzo di Robert Marasco, "Burnt Offerings") di Mariantonietta Rasulo - a c. di Federico La Sala

“L’intero destino dell’America è contenuto nel primo puritano che sbarcò in America...” Sono queste le parole che Alexis de Tocqueville scrisse durante il suo celebre viaggio negli Stati Uniti
mercredi 14 septembre 2011 par Federico La Sala
Il mito del Sogno Americano ha permesso la creazione di una società che aspira alla perfezione e che trova nel suburb, il quartiere residenziale, la sua realizzazione più significativa. Per questo osserveremo da vicino la cittadina di Levittown (Long Island), la prima forma di suburb costruita con l’intento di realizzare un nuovo ideale di vita familiare tale da rendere la casa un luogo sacro dal valore inestimabile. La metafora architettonica di Levittown, mutuata dal modello puritano, servirà alla nostra analisi per individuare il simbolo maggiormente tangibile dell’American Dream : la proprietà, la casa come possesso e sfoggio di benessere. (...) il romanzo Burnt Offerings, rappresenta uno dei più significativi esempi di trasposizione della Haunted House Formula come metafora dei problemi sociali ed economici dell’America degli anni Settanta

En réponse à :

> AMERICAN DREAM. --- Il sogno americano : un mitragliatore sotto l’albero. Boom di vendite del fucile usato per la strage dei bambini in Connecticut. E anche degli zaini anti-proiettile per gli scolari (di Angela Vitaliano).

vendredi 28 décembre 2012


-  Il sogno americano : un mitragliatore sotto l’albero
-  Boom di vendite del fucile usato per la strage dei bambini in Connecticut
-  E anche degli zaini anti-proiettile per gli scolari

-  di Angela Vitaliano (il Fatto, 28.12.2012)

New York Sheeba Anderson, il giorno di Natale, è tornato a casa contento, stringendo il suo pacco forte per essere sicuro di non perderlo. A 6 anni non ti importa se Babbo Natale il tuo regalo lo ha lasciato in chiesa, con tutti gli altri destinati ai bambini orfani o in affido. Peccato che il regalo di Sheeba non sia piaciuto affatto alla donna che cura la casa famiglia di Harlem, perché all’interno conteneva una pistola. Vera.

Proprio la tragedia del Connecticut che ha scosso l’opinione pubblica, spingendo il presidente a compiere i primi timidi passi verso una regolamentazione più severa sulle armi, ha dato un vigore spaventoso alla passione degli americani per pistole e fucili, facendo schizzare alle stelle i numeri delle vendite. E se il piccolo Sheeba, ignaro della pericolosità del suo regalo, è corso a mostrare contento la sua pistola alla signora Anderson che, terrorizzata, gliel’ha strappata di mano lasciandolo con un’espressione tristissima. Molti altri amiericani non hanno trovato invece di meglio che farsi immortalare su Twitter e Facebook con in mano i loro preziosi gingilli trovati sotto l’albero.

Ancora più raccapriccianti i messaggi che li accompagnavano, tipo quello di Sara che scrive “non vedo l’ora di vedere la faccia di mio marito quando aprirà il suo regalo. Gli ho comprato un AR15 prima che siano tutti vietati”. L’AR15, è l’arma che è stata usata da Adam Lanza nella strage della scuola di Newport dove hanno perso la vita venti bambini e sei adulti. Un altro tweet diceva “vedere mio cugino di 10 anni imbracciare l’AR15 trovato sotto l’albero mi rende molto invidioso”.

LA PREOCCUPAZIONE che il governo federale possa imporre un divieto sulle armi automatiche e da guerra, ha fatto incrementare le vendite. “Normalmente vendo una ventina di queste armi in un mese - dice il responsabile di un negozio di Randolph, nel New Jersey - ma negli ultimi tre giorni ne ho vendute trenta”. La strage di Newtown, d’altro canto, aveva già dato vita mote reazioni inconsulte come quella dell’insegnante della scuola Montessori del Minnesota che si era presentata a scuola armata di una Magnum 357. Momenti di grande successo anche per i produttori di zaini e schermi antiproiettili che, nelle ultime settimane, hanno visto le loro vendite aumentare addirittura del 500%.

“Guardavo i numeri delle prenotazioni - dice Elmar Uy, vice presidente della BulletBlocker, azienda produttrice - e non credevo ai miei occhi. Cifre superiori dieci volte alla media”. Gli zaini anti proiettile hanno un costo che va dai duecento dollari a salire, ma per “soli” 175 è possibile procurarsi uno schermo antiproiettile “portatile” che puo’ essere facilmente inserito in zaini, borse da donna e borse portacomputer. Lo schermo pesa solo mezzo chilo. Nemmeno dopo la strage del cinema di Aurora le vendite avevano subito una tale impennata.

Se la follia sembra dilagare in maniera da un lato, dall’altro c’è chi, come il sindaco di Los Angeles, il democratico Villaraigosa, cerca di favorire le azioni per limitare la circolazioni di armi. Cosi, l’iniziativa “Gun reduction and Youth Development Program”, organizzata con il Dipartimento della Polizia cittadina, che dal 2009 si svolge nel mese di maggio, è stata anticipata a questi giorni in risposta alla strage di Newtown.

Grazie alla possibilità di “consegnare” la propria arma alle forze dell’ordine senza dover dare spiegazioni sulla sua provenienza, sono state raccolti oltre 1500 fra fucili e pistole. Per invogliare i cittadini a disfarsene, il Comune ha anche offerto, in cambio, buoni spesa da 100 dollari.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :