Poster un message

En réponse à :
ABITARE LA TERRA. In cammino verso l’Eden, il paradiso terrestre, o verso l’inferno terrestre ? Il tema della casa nell’immaginario statunitense ....

AMERICAN DREAM. La crisi del sogno americano. Un saggio (con un’analisi del romanzo di Robert Marasco, "Burnt Offerings") di Mariantonietta Rasulo - a c. di Federico La Sala

“L’intero destino dell’America è contenuto nel primo puritano che sbarcò in America...” Sono queste le parole che Alexis de Tocqueville scrisse durante il suo celebre viaggio negli Stati Uniti
mercredi 14 septembre 2011 par Federico La Sala
Il mito del Sogno Americano ha permesso la creazione di una società che aspira alla perfezione e che trova nel suburb, il quartiere residenziale, la sua realizzazione più significativa. Per questo osserveremo da vicino la cittadina di Levittown (Long Island), la prima forma di suburb costruita con l’intento di realizzare un nuovo ideale di vita familiare tale da rendere la casa un luogo sacro dal valore inestimabile. La metafora architettonica di Levittown, mutuata dal modello puritano, servirà alla nostra analisi per individuare il simbolo maggiormente tangibile dell’American Dream : la proprietà, la casa come possesso e sfoggio di benessere. (...) il romanzo Burnt Offerings, rappresenta uno dei più significativi esempi di trasposizione della Haunted House Formula come metafora dei problemi sociali ed economici dell’America degli anni Settanta

En réponse à :

> AMERICAN DREAM. ---- Se l’America punisce il sogno americano (di Guido Rossi)

lundi 26 août 2013

Se l’America punisce il sogno americano

di Guido Rossi (Il Sole 24 Ore, 25.08.2012) *

Con alterne vicende la democrazia americana ha costituito per il resto dell’Occidente un sicuro punto di riferimento, sia pur a volte ambiguo e non privo di aspre critiche, ma apprezzato come una sorta di centro dell’Impero, con tutti gli avvicinamenti e le lontananze possibili.

Ancora oggi non v’è dubbio che la situazione interna ed estera degli Stati Uniti produca effetti e conseguenze globali che ci riguardano da vicino, poiché le vicende americane non possono essere considerate separate ed avulse dalle prospettive politiche ed economiche dell’Europa e del nostro Paese.

Peraltro, già dal 1840 nel suo grande libro "De la démocratie en Amérique" Alexis de Tocqueville aveva intuito una possibile deriva della democrazia nell’isolamento individualistico, nella mancanza di solidarietà, nel conformismo e nell’uniformità che rendono i singoli dipendenti da chi comanda e meno liberi.

Riprendeva ben più pesantemente la critica, con indiscussa maestria, un secolo dopo Jean Cocteau, al termine della "Lettera agli americani" (Archinto, 2002), invitandoli a « riconoscere che la vostra libertà vuol dire che siete liberi di non essere liberi e che in questa forma accettate di essere diretti e privati di libertà ».

Recentemente la situazione politica americana sembra decisamente peggiorata e sempre più incline ad adottare la formula dello "stato di eccezione", creato da paure reali o indotte, che portano a ritenere che regole e diritti garantiti dai principi costituzionali possano essere sospesi. Sono infatti i ben noti e ampiamente illustrati casi Wikileaks, Snowden e da ultimo Manning, che stanno ancora riempiendo le cronache, a rivelare la crisi di un sistema politico con un diffuso contributo degli "Whistleblower", quegli ambigui "soffiatori di fischietto", da noi più noti come "gole profonde", praticanti di illegalità legalizzate e premiate, sia pur nell’incertezza dell’applicazione delle regole.

Compito principale dello Stato è garantire la sicurezza ai suoi cittadini, sicché quando si ritenga che questa viene minacciata, passa in secondo piano la tutela dei diritti dei cittadini, vuoi in nei loro diritti politici, vuoi in quelli economici.

E fra questi per primo a soccombere è il diritto di libertà nella sua dimensione della privacy, della conservazione della propria identità, cultura, credo ed opinione, nell’eguaglianza, insomma, di tutti quelli che vengono chiamati diritti fondamentali.

Sicurezza e diritti costituiscono dunque un equilibrio difficile, dacché lo choc dell’11 settembre ha legittimato l’intrusione di controlli incisivi nella identità e nella vita dei cittadini, allo scopo di garantire da parte dello Stato la sicurezza delle vite umane nella lotta contro il terrorismo.

È al riguardo inappuntabile l’ultimo commento dello Wall Street Journal che : "too much security can produce a kind of madness", sicché in quel caso la paranoia dello stato di eccezione fa saltare le regole della democrazia.

Ed è così che la National Security Agency (Nsa) controlla il 75% delle email degli americani e ha registrato ben 56mila telefonate attraverso la tecnologia internet. Ciò è avvenuto senza alcuna protezione della privacy e, come ha confermato la Corte di sorveglianza sul Foreign Intelligence, con aperte violazioni della Costituzione.

Alcuni commenti recenti nelle pagine dello Wall Street Journal e del New York Times, per citare tra i più autorevoli e diffusi quotidiani, hanno sottolineato con vigore che le libertà civili sono a rischio e che incombe il pericolo che la sicurezza diventi un apparato industriale governativo che non protegge quel che è veramente a rischio, ma serve ad altri scopi, in un sistema di controlli, aiutato da uno sviluppo tecnologico senza freni, che mentre predica anche legislativamente la trasparenza opera nell’opacità. [...]

*

leggi su http://24o.it/6kD0d


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :