Poster un message

En réponse à :
CRISI NUCLEARE. All’indomani della pubblicazione del rapporto dell’Aiea sul nucleare iraniano, uno scenario (reale) da brividi.

IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. CON LA SUA INVINCIBILE ARMADA VOLANTE, ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. Un breve resoconto di U. De Giovannangeli - a c. di Federico La Sala.

Di fronte all’acuirsi della crisi tra Israele e Iran, si moltiplicano gli sforzi internazionali per una svolta diplomatica. L’Europa chiede un rafforzamento delle sanzioni. Tel Aviv le accetta solo se saranno « paralizzanti ».
dimanche 18 novembre 2012 par Federico La Sala
[...] « Se saremo attaccati risponderemo con i missili all’aggressione », avverte il generale Mohammed Ali Jafari, comandante dei Guardiani della rivoluzione. I vettori iraniani possono trasportare sia testate convenzionali che chimiche o batteriologiche e addirittura nucleari. Se venissero utilizzate armi di distruzione di massa la risposta israeliana non si farebbe attendere grazie ai missili balistici Jericho II e Jericho III. Non solo : le testate nucleari miniaturizzate a bordo dei (...)

En réponse à :

> ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. --- Raid israeliani sulla Striscia di Gaza almeno 14 i palestinesi uccisi.

dimanche 11 mars 2012

MEDIO ORIENTE

-  Raid israeliani sulla Striscia di Gaza almeno 14 i palestinesi uccisi

-  Negli attacchi aerei sferrati a partire dal pomeriggio di ieri sarebbero morti anche il leader dei Comitati di Resistenza Popolare, Zuhir al Qaisi, e un suo collaboratore *

GAZA - E’ salito a quattordici palestinesi uccisi e altri diciannove feriti il bilancio di una serie di raid israeliani effettuati tra ieri pomeriggio e oggi sulla Striscia di Gaza. Le ultime due vittime sono due giovani che viaggiavano a bordo di una motocicletta a Khan Yunes. Una quarantina di razzi e di colpi di mortaio sono stati lanciati ieri dalla Striscia di Gaza sul sud d’Israele provocando il ferimento di quattro israeliani, dei quali uno in modo grave, secondo quanto rende noto l’esercito israeliano. Lanci sono proseguiti poi per tutta la nottata con altre quattro persone ferite, per lo pių in modo leggero.

Sempre secondo fonti israeliane, negli attacchi sarebbero stati uccisi anche il leader dei Comitati di Resistenza Popolare, Zuhir al Qaisi, e il suo collaboratore, Mahmoud Hanani. I due palestinesi viaggiavano a bordo di un’auto che č stata colpita da due missili sparati da un aereo israeliano. Secondo un portavoce dell’esercito, al Qaisi stava organizzando un ampio attacco terroristico coordinato da perpetrare in Israele, vicino al confine con la Striscia di Gaza.

I Comitati di Resistenza Popolare sono responsabili del rapimento in Israele del soldato Gilad Shalit, liberato lo scorso ottobre 1 dopo cinque anni di prigionia a Gaza, in cambio della scarcerazione di migliaia di detenuti palestinesi 2.

La nuova fiammata di violenza č cominciata ieri, quando, dopo il lancio di due colpi di mortaio verso Israele, lo Stato ebraico ha risposto con il raid contro al Qaisi. L’uccisone del dirigente palestinese ha scatenato la ripresa su larga scala dei lanci di missili e colpi di mortaio contro Bčer Sheva, Ashdod, Kiryat Malachi, Netivot e Ashkelon. Attacchi ai quali le forze israeliane hanno reagito con una nuova serie di raid aerei, promettendo di fare altrettanto in futuro. Il capo dello stato maggiore dell’esercito, Benny Gantz, al termine di una riunione dei vertici militari sulla escalation in corso nella Striscia di Gaza, ha annunciato che le forze armate risponderanno con determinazione ad ogni lancio di missili contro Israele.

Da Gaza alcuni gruppi armati hanno annunciato di non sentirsi pių impegnati dal tacito periodo di calma con Israele. Messaggi separati di condanna nei confronti di Israele sono giunti nel frattempo da Hamas e da un portavoce dell’Anp di Abu Mazen.

Nella mattinata, dopo diverse ore di quiete, tre razzi sono esplosi nel Neghev senza provocare vittime. Nel timore che gli attacchi possano proseguire, i responsabili alla protezione civile nel Neghev stanno valutando la possibilitā di ordinare per domani la chiusura delle scuole nelle zone a rischio.

* la Repubblica, 10 marzo 2012


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :