Poster un message

En réponse à :
CRISI NUCLEARE. All’indomani della pubblicazione del rapporto dell’Aiea sul nucleare iraniano, uno scenario (reale) da brividi.

IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. CON LA SUA INVINCIBILE ARMADA VOLANTE, ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. Un breve resoconto di U. De Giovannangeli - a c. di Federico La Sala.

Di fronte all’acuirsi della crisi tra Israele e Iran, si moltiplicano gli sforzi internazionali per una svolta diplomatica. L’Europa chiede un rafforzamento delle sanzioni. Tel Aviv le accetta solo se saranno « paralizzanti ».
dimanche 18 novembre 2012 par Federico La Sala
[...] « Se saremo attaccati risponderemo con i missili all’aggressione », avverte il generale Mohammed Ali Jafari, comandante dei Guardiani della rivoluzione. I vettori iraniani possono trasportare sia testate convenzionali che chimiche o batteriologiche e addirittura nucleari. Se venissero utilizzate armi di distruzione di massa la risposta israeliana non si farebbe attendere grazie ai missili balistici Jericho II e Jericho III. Non solo : le testate nucleari miniaturizzate a bordo dei (...)

En réponse à :

> IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. --- Usa 2012, Romney appoggia Netanyahu : se attaccaste Iran capirei. Ma Obama svela piano B e fa ombra a candidato repubblicano

lundi 30 juillet 2012


-  Usa 2012, Romney appoggia Netanyahu : se attaccaste Iran capirei
-  Ma Obama svela piano B e fa ombra a candidato repubblicano

di Aldo Baquis *

GERUSALEMME - La schermaglia fra i due candidati alle presidenziali Usa si e’ spostata oggi a Gerusalemme dove il repubblicano Mitt Romney ha evocato a piu’ riprese la ’’minaccia nucleare iraniana’’ e non ha lesinato espressioni di sostegno allo Stato ebraico. ’’Se Israele dovesse agire per conto proprio per impedire che l’Iran venga a dotarsi di quelle capacita’, il Governatore (Romney) rispetterebbe quella decisione’’ ha detto il suo consigliere Dan Senor.

Ma anche il democratico Barack Obama ha fatto avvertire a Gerusalemme in maniera eloquente la propria presenza. In mattinata con un titolo vistoso di Haaretz - probabilmente ispirato da Washington - secondo cui il suo consigliere per la sicurezza nazionale Dan Donilon avrebbe illustrato a Netanyahu, in dettaglio, i progetti elaborati dagli Usa per attaccare le infrastrutture nucleari in Iran se le altre strade fallissero.

In precedenza Obama aveva firmato nuove intese di cooperazione militare che nel ministero israeliano della difesa vengono descritte come ’’una pietra miliare’’ nei rapporti bilaterali. Includono : lauti finanziamenti per il progetto di difesa aerea ’Iron Dome’ ; cooperazione nella intercettazione di missili ; sostegno alle attese israeliane di un maggiore coinvolgimento nella Nato ; manovre congiunte, e altro ancora.

Questioni che saranno discusse nei prossimi giorni a Tel Aviv dal segretario alla difesa Leon Panetta. Da Washington, Obama ha giocato cosi’ di anticipo, mandando a dire all’elettorato ebraico in Usa che quando si tratta di cooperazione strategica con Israele, difficilmente Romney potrebbe fare meglio di lui. In Israele Romney ha toccato con mano la complessita’ della scena politica locale. Pochi minuti dopo che Netanyahu gli aveva fatto notare che finora le sanzioni internazionali all’Iran ’’non hanno provocato nemmeno un rallentamento infinitesimale’’ ai suoi progetti atomici, il presidente Shimon Peres e il capo della opposizione Sahul Mofaz (Kadima) gli hanno detto che invece proprio la strada delle sanzioni e delle pressioni internazionali va percorsa fino in fondo. Romney ha ribadito che e’ ’’inaccettabile’’ che il regime degli ayatollah si doti di armi atomiche e che occorre fare tutto il necessario per impedirlo. Come ultima scelta : anche il ricorso alla forza. Un testo non molto dissimile, nella sostanza, da quelli di Obama.

Per Romney, secondo alcuni opinionisti, la tappa di Gerusalemme era peraltro un’occasione per darsi una patina di uomo di Stato internazionale, con l’aggiunta di una importante ’photo opportunity’ : il tutto nella sensazione che la sua immagine a un palmo dalla pietre millenarie del Muro del Pianto potrebbe giungere utile per convincere del suo rapporto intimo con la Citta’ Santa una porzione dell’elettorato ebraico e i cristiani evangelici.

Domani incontrera’ 50 uomini d’affari statunitensi che si sono impegnati a finanziare la sua campagna elettorale. Avrebbe potuto riceverli negli Stati Uniti ma e’ il contesto che conta : l’Hotel King David, di fronte alle mura della Citta’ Vecchia di Gerusalemme. Quindi Romney volera’ verso la Polonia, per lanciare da la’ segnali ulteriori di amicizia : questa volta all’elettorato cattolico statunitense.

* ANSA, 29.07.2012


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :