Poster un message

En réponse à :
CRISI NUCLEARE. All’indomani della pubblicazione del rapporto dell’Aiea sul nucleare iraniano, uno scenario (reale) da brividi.

IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. CON LA SUA INVINCIBILE ARMADA VOLANTE, ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. Un breve resoconto di U. De Giovannangeli - a c. di Federico La Sala.

Di fronte all’acuirsi della crisi tra Israele e Iran, si moltiplicano gli sforzi internazionali per una svolta diplomatica. L’Europa chiede un rafforzamento delle sanzioni. Tel Aviv le accetta solo se saranno « paralizzanti ».
dimanche 18 novembre 2012 par Federico La Sala
[...] « Se saremo attaccati risponderemo con i missili all’aggressione », avverte il generale Mohammed Ali Jafari, comandante dei Guardiani della rivoluzione. I vettori iraniani possono trasportare sia testate convenzionali che chimiche o batteriologiche e addirittura nucleari. Se venissero utilizzate armi di distruzione di massa la risposta israeliana non si farebbe attendere grazie ai missili balistici Jericho II e Jericho III. Non solo : le testate nucleari miniaturizzate a bordo dei (...)

En réponse à :

> IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. --- La guerra passa Damasco. Possibile attacco all’Iran in autunno. Netanyahu si prepara.

mercredi 15 août 2012


-  Israele, la guerra passa Damasco
-  Netanyahu si prepara ad attaccare l’Iran.

di Barbara Ciolli *

Per Tel Aviv, il tempo della resa dei conti è arrivato. Se ne parla da anni, ma nell’autunno 2012, almeno secondo i piani di Benjamin “Bibi” Netanyahu, l’attacco di Israele all’Iran potrebbe davvero concretizzarsi.

ALLERTA MISSILISTICA VIA SMS. La prova che i vertici militari sarebbero pronti a passare dalle parole ai fatti sta nelle migliaia di sms inviati, la seconda settimana di agosto, ai cittadini dello Stato di Israele in ebraico, arabo, russo e inglese. Un test e nulla più, per adesso. Fatto però per attivare un sistema di messaggi che, in caso di confronto militare, avverta in tempo reale i residenti invitandoli a mettersi in salvo delle aree a rischio di attacchi missilistici in arrivo. SI SPEZZA L’ASSE CON DAMASCO. Il casus belli è da tempo la corsa al nucleare della teocrazia degli ayatollah. E la via per colpire l’Iran passa, ora più che mai, dalla Siria.

Scardinando il potere degli Assad, sulla scia di Arabia Saudita e Qatar, Israele punta a ridimensionare l’influenza mediorientale di Teheran.

Certo, evitare il conflitto siriano sarebbe stato cruciale per Tel Aviv, in modo da contenere l’effetto domino dei disordini nella regione. Ma adesso che il dado è tratto e che gli attentati e gli scontri al confine sono ormai travalicati in Libano e Giordania, Israele cerca di trarre il maggior vantaggio possibile dagli eventi in corso.

Così, con l’escalation dei combattimenti in Siria e il presidente Bashar al Assad pronto a giocarsi il tutto e per tutto ad Aleppo, il governo israeliano di Netanyahu è ripartito alla carica, con nuove, allarmanti minacce di guerra preventiva all’Iran. Il momento è proficuo : in un un futuro prossimo, infatti, Teheran potrebbe non poter più contare su Damasco, storico alleato di ferro, né sugli Hezbollah libanesi.

* Lettera 43, 13 Agosto 2013 - (ripresa parziale).


-  Israele, possibile attacco all’Iran in autunno
-  Anche gli Stati Uniti temono il programma nucleare di Teheran.
*

Israele starebbe preparando un attacco alle infrastrutture atomiche dell’Iran per l’autunno del 2012. Lo ha rivelato il quotidiano Yediot Ahronot, secondo cui il premier israeliano Benyamin Netanyahu e il ministro della Difesa Ehud Barak sono determinati ad attaccare Teheran prima delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Un dirigente israeliano, in forma anonima, ha dichiarato al quotidiano Haaretz che « la spada puntata ora al nostro collo è più affilata di quella alla vigilia della guerra dei sei giorni del 1967 », quando Israele optò per un attacco militare preventivo contro i Paesi vicini.

In un sondaggio di opinione, Maariv ha rilevato che il 40 per cento degli israeliani sono favorevoli ad un operazione militare contro le centrali nucleari in Iran.

USA-ISRAELE, STIME VICINE SUL NUCLEARE. Il ministro Barak ha spiegato che le stime degli Usa e di Israele sulla possibilità che l’Iran si doti di armi nucleari si sono avvicinate. La Casa Bianca non ha voluto rilasciare commenti su queste dichiarazioni ma, secondo Haaretz, Washington e Tel Aviv sono d’accordo sul fatto che l’Iran abbia compiuto progressi significativi « allarmanti » nel suo programma nucleare.

* Lettera 43, Venerdì, 10 Agosto 2012



NOTA :

-  ISRAELE POSSIEDE 150 BOMBE NUCLEARI. Dichiarazioni di Jimmy Carter, premio Nobel per la pace ed ex presidente Usa, riportate dal ’Times’ di Londra.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :