Poster un message

En réponse à :
CRISI NUCLEARE. All’indomani della pubblicazione del rapporto dell’Aiea sul nucleare iraniano, uno scenario (reale) da brividi.

IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. CON LA SUA INVINCIBILE ARMADA VOLANTE, ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. Un breve resoconto di U. De Giovannangeli - a c. di Federico La Sala.

Di fronte all’acuirsi della crisi tra Israele e Iran, si moltiplicano gli sforzi internazionali per una svolta diplomatica. L’Europa chiede un rafforzamento delle sanzioni. Tel Aviv le accetta solo se saranno « paralizzanti ».
dimanche 18 novembre 2012 par Federico La Sala
[...] « Se saremo attaccati risponderemo con i missili all’aggressione », avverte il generale Mohammed Ali Jafari, comandante dei Guardiani della rivoluzione. I vettori iraniani possono trasportare sia testate convenzionali che chimiche o batteriologiche e addirittura nucleari. Se venissero utilizzate armi di distruzione di massa la risposta israeliana non si farebbe attendere grazie ai missili balistici Jericho II e Jericho III. Non solo : le testate nucleari miniaturizzate a bordo dei (...)

En réponse à :

> IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. --- CESSAZIONE IMMEDIATA DELLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA GUERRA AFGANA. NON UN GIORNO DI PIU’ : UNA CAMPAGNA NONVIOLENTA (di Peppe Sini)

jeudi 30 août 2012

NON UN GIORNO DI PIU’

UNA CAMPAGNA NONVIOLENTA PER LA CESSAZIONE IMMEDIATA DELLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA GUERRA AFGANA

Occorre far cessare la guerra in Afghanistan.

Ed a tal fine la prima e decisiva azione che come cittadini italiani possiamo e dobbiamo svolgere consiste nell’ottenere che l’Italia cessi di partecipare alla guerra.

Perche’ l’Italia a quella guerra non avrebbe mai e poi mai dovuto prendere parte, proibendoglielo esplicitamente il dettato della sua legge fondamentale, la Costituzione della Repubblica Italiana. Occorre quindi costringere governo e parlamento italiani a tornare nella sfera della legalita’, a desistere dal crimine : occorre costringere lo Stato italiano a cessare di prendere parte alla guerra e alle stragi di cui essa consiste. Oltre un decennio di eccidi e barbarie dovrebbe aver aperto gli occhi a chiunque ; e del resto ogni persona ragionevole sente e sa che la guerra e’ nemica dell’umanita’, che solo la pace salva le vite.

*

Occorre far cessare la guerra in Afghanistan, cominciando con la cessazione della partecipazione italiana. Dobbiamo far crescere dal basso una vera e propria insurrezione nonviolenta contro la guerra e contro le uccisioni, per la legalita’ costituzionale e per il primario diritto di ogni essere umano a non essere ucciso.

Dobbiamo imporre al potere esecutivo e al potere legislativo del nostro paese l’immediata cessazione della partecipazione italiana alla guerra.

E dobbiamo farlo con la forza della verita’, con la forza della legalita’, con la forza della dignita’ e della solidarieta’ umana, con la scelta nitida e intransigente della nonviolenza ; dobbiamo farlo con una campagna nonviolenta di massa che faccia rinascere in Italia un movimento per la pace e i diritti umani di tutti gli esseri umani.

*

Una campagna nonviolenta per salvare le vite umane : che nasca dal basso in ogni citta’ e in ogni paese, e che abbia questa semplice e chiara finalita’ : "cessazione immediata della partecipazione italiana alla guerra afgana ; pace, disarmo e smilitarizzazione ; rispetto della vita, della dignita’ e dei diritti umani di tutti gli esseri umani".

-  Peppe Sini
-  direttore del notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e’ in cammino"

Viterbo, 30 agosto 2012

-  Mittente : redazione de "La nonviolenza e’ in cammino", c/o "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail : nbawac@tin.it e centropacevt@gmail.com , web : http://lists.peacelink.it/nonviolenza/


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :