Poster un message

En réponse à :
CRISI NUCLEARE. All’indomani della pubblicazione del rapporto dell’Aiea sul nucleare iraniano, uno scenario (reale) da brividi.

IRAN E ISRAELE : ALLARME ROSSO. CON LA SUA INVINCIBILE ARMADA VOLANTE, ISRAELE E’ PRONTA AD ATTACCARE TEHERAN. Un breve resoconto di U. De Giovannangeli - a c. di Federico La Sala.

Di fronte all’acuirsi della crisi tra Israele e Iran, si moltiplicano gli sforzi internazionali per una svolta diplomatica. L’Europa chiede un rafforzamento delle sanzioni. Tel Aviv le accetta solo se saranno « paralizzanti ».
dimanche 18 novembre 2012 par Federico La Sala
[...] « Se saremo attaccati risponderemo con i missili all’aggressione », avverte il generale Mohammed Ali Jafari, comandante dei Guardiani della rivoluzione. I vettori iraniani possono trasportare sia testate convenzionali che chimiche o batteriologiche e addirittura nucleari. Se venissero utilizzate armi di distruzione di massa la risposta israeliana non si farebbe attendere grazie ai missili balistici Jericho II e Jericho III. Non solo : le testate nucleari miniaturizzate a bordo dei (...)

En réponse à :

> IRAN E ISRAELE ---- Le linee rosse di Israele e la cautela degli europei (di Maurizio Caprara)

jeudi 6 septembre 2012

Le linee rosse di Israele e la cautela degli europei

di Maurizio Caprara (Corriere delal Sera, 06.09.2012)

GERUSALEMME - Due fattori stanno cambiando i termini di una controversia internazionale in corso da circa un decennio, quella sui piani nucleari con i quali Teheran potrebbe dotarsi di bomba atomica : il potenziale collasso del regime siriano di Bashar Assad, che priverebbe l’Iran di un alleato prezioso, e le difficoltà finanziarie che turbano l’Europa e gli Stati Uniti. Il primo fattore indebolisce la Repubblica islamica presieduta da Mahmoud Ahmadinejad. Il secondo l’ipotesi che Unione Europea e numerosi Paesi, se non trascinati da un’accelerazione, assecondino bombardamenti israeliani o statunitensi su impianti atomici iraniani. Incursioni aeree o colpi di artiglieria farebbero salire il prezzo del petrolio, e affaticherebbero i desiderati scatti in avanti nelle economie occidentali.

Questa partita è scivolosa, elementi oggi non visibili in superficie o sottovalutati potrebbero imprimere svolte di segno opposto. La strada delle armi tuttavia ha costi che sembrano in rialzo. « La comunità internazionale deve stabilire una linea rossa che l’Iran non può oltrepassare », ha detto ieri il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme dopo aver ricevuto il ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi.

Da giorni Netanyahu, premier di destra di un governo di coalizione, evita di precisare se quel limite, al quale farebbe seguire bombardamenti qualora fosse valicato, vada indicato in ostacoli di Teheran alle ispezioni dell’agenzia atomica Aiea, nell’eventuale scoperta di impianti nucleari nascosti, in arricchimenti dell’uranio oltre una percentuale da non superare. « Trigger », grilletto, chiamano quel limite gli israeliani nei colloqui con governi stranieri.

È innanzitutto agli Stati Uniti diretti verso le presidenziali del 6 novembre che Netanyahu di fatto indirizza la richiesta di certificare una linea rossa. Dopo mesi nei quali prevaleva la diffidenza verso future instabilità, il governo israeliano adesso ritiene che nella Siria pro iraniana la caduta di Assad sia preferibile a una stabilità corrosa.

Per l’Italia, Terzi ieri ha sottolineato a Netanyahu e al collega Avigdor Lieberman quanto le sanzioni e il negoziato con l’Iran siano meglio di una guerra. Il ministro, che conosce entrambi da quando era ambasciatore a Tel Aviv, lo ha fatto però senza riservare all’opzione dei bombardamenti toni tali da irritare il governo israeliano, interessato a salvaguardare da cori di sconfessioni europee la deterrenza dell’eventuale opposizione armata a una minaccia atomica in cantiere. « Qui dà fastidio sentire da alcuni Paesi europei che l’azione militare avrebbe conseguenze devastanti », osserva il titolare della Farnesina. Chi la reputasse una delicatezza eccessiva si domandi quanto si addica, a questo dossier, il metodo dell’agitare prima dell’uso.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :