Poster un message

En réponse à :
STATO, CHIESA, E COSTITUZIONE : LA LEZIONE DI DANTE ("DUE SOLI" IN TERRA E IL TERZO - IL PRIMO - SEMPRE IN CIELO) E LE "CARISSIME" RICHIESTE DEL VECCHIO CATTOLICESIMO ROMANO.

I CATTOLICI, I LAICI, E IL TERRORISMO DEI "VALORI NON NEGOZIABILI" : USCIRE DALLO STATO DI MINORITA’. Una nota di Marco Politi - a c. di Federico La Sala

A Madrid i democristiani spagnoli del Partito popolare riconquistano il potere. In Italia una nutrita pattuglia cattolica è approdata nei giorni scorsi al governo con grande visibilità. A prima vista sembra un effetto del revival della religione ...
mercredi 23 novembre 2011 par Federico La Sala
[...] Certamente Cei e Vaticano sono decisi a dettare a Monti la linea di maggiori finanziamenti alle
scuole cattoliche e dell’adeguamento della legislazione in tema di testamento biologico,
fecondazione e pillole contraccettive e abortive alla dottrina dei valori non negoziabili. Così come è
avvenuto durante l’era Berlusconi. Pretese e sogni si mescolano. Il sentimento popolare va in realtà
da un’altra parte [...]
FUORI I SOLDI, SUBITO : IL DIO-VALORE ("CARITAS") DI RATZINGER LO VUOLE !!! La (...)

En réponse à :

> I CATTOLICI, I LAICI, E IL TERRORISMO DEI "VALORI NON NEGOZIABILI" : --- Papa Francesco ai medici : « Diffondete la cultura della vita » (di Luca Kocci)

samedi 21 septembre 2013

Bergoglio ai medici : « Diffondete la cultura della vita »

di Luca Kocci (il manifesto, 21 settembre 2013)

Dopo aver letto l’intervista di Bergoglio pubblicata giovedì da Civiltà cattolica, molti hanno parlato di un papa rivoluzionario (« Le parole rivoluzionarie del Papa », titolava in prima pagina il Corriere della sera). Ascoltando invece il discorso che ieri Francesco ha rivolto ai ginecologi cattolici ricevuti in Vaticano - tutte incentrate sul tema della difesa della vita e della lotta contro l’aborto -, sembrava di sentire le parole di Ratzinger, pacate nei toni, identiche nei contenuti.

Eppure il pensiero di Bergoglio non è sdoppiato ma unico, e fino ad ora tiene insieme i due aspetti : l’addio ai toni da crociata dei suoi predecessori contro gli infedeli relativisti e la conferma degli aspetti fondamentali della dottrina cattolica (« Pop e conservatore » titolava il manifesto all’indomani dell’elezione al soglio pontificio).

Una pastorale meno rigida e più inclusiva nei confronti dei “lontani” sembra essere la vera novità di questi primi mesi. Insieme ad una riforma della Curia e degli organismi finanziari che forse verrà nei prossimi mesi. E c’è da aspettarsi che entrambe saranno ostacolate dai settori più conservatori.

A questo proposito, oggi potrebbe essere annunciata la nomina del prefetto della Congregazione per il clero (il dicastero che si occupa dei preti di tutto il mondo) : va via il cardinale ratzingeriano e ultraconservatore Mauro Piacenza (molto legato al card. Bertone, segretario di Stato uscente), che andrà alla Penitenzieria apostolica, il tribunale che si occupa di indulgenze e confessioni.

Al suo posto arriva l’arcivescovo Beniamino Stella, un diplomatico come il nuovo segretario di Stato entrante Pietro Parolin, in passato nunzio a Cuba e in Colombia, ora presidente della Pontificia accademia ecclesiastica, la scuola di formazione dei diplomatici della Santa sede. Lo spoil system continua. Il magistero sui « principi non negoziabili » però non si incrina, come dimostra il discorso di ieri ai ginecologi : la battaglia contro l’aborto resta la “linea del Piave”.

Constatiamo « i progressi della medicina », ma « riscontriamo il pericolo che il medico smarrisca la propria identità di servitore della vita », ha detto Bergoglio. Colpa del « disorientamento culturale » che « ha intaccato » anche « la medicina », per cui « pur essendo per loro natura al servizio della vita, le professioni sanitarie sono indotte a volte a non rispettare la vita stessa ». « Si attribuiscono alla persona nuovi diritti, a volte anche presunti diritti », aggiunge, e « non sempre si tutela la vita come valore primario ». « Ogni bambino non nato ma condannato ingiustamente ad essere abortito - affonda Bergoglio - ha il volto di Gesù Cristo ».

C’è poi l’appello ai medici ad essere « testimoni e diffusori di questa cultura della vita » all’interno delle strutture sanitarie : « I reparti di ginecologia sono luoghi privilegiati di testimonianza e di evangelizzazione ».

Il papa non la nomina, ma l’invito all’obiezione di coscienza pare evidente. E a ribadire l’inamovibilità dei principi non negoziabili è anche il convegno internazionale sulla famiglia che si conclude oggi in Vaticano.

Mons. Paglia, “ministro” della famiglia, auspica la redazione di una Carta internazionale dei diritti della famiglia per difenderla dalle « usurpazioni » e dagli « attacchi violentissimi » cui è sottoposta. E il presidente dei giuristi cattolici, D’Agostino bolla come « famiglia sintetica » tutti i tipi di unione che non siano quelle fra uomo e donna fondate sul matrimonio : frutto di uno « spirito malato », non basate su un progetto « ma sull’immediatezza dei sentimenti », senza futuro.

In mattinata, nella quotidiana messa a Santa Marta, Bergoglio ha avuto un’uscita delle sue, a testimonianza della sua capacità di tenere insieme dottrina e popolo. « L’avidità del denaro è la radice di tutti mali », ha detto nella breve omelia, aggiungendo subito : « E questo non è comunismo, è Vangelo ». E così ha riequilibrato quanto aveva detto a Civiltà cattolica : « Non sono mai stato di destra ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :