Inviare un messaggio

In risposta a:
MUSICA E TEOLOGIA POLITICA: RIATTIVARE LA MEMORIA della TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE. "I misteri ebraici" (Carl Leonhard Reinhold),

MOZART E MOSE’: "IL FLAUTO MAGICO" - LA "MOS-ART"! Una musica (e un messaggio) all’insegna della "Wohltätigkeit" ("Carità"). Una nota di Giulio Busi - a c. di Federico La Sala

LE NOZZE ALCHEMICHE DI TAMINO E PAMINA. (...) «Dove vuoi andare audace forestiero? Cosa cerchi qui nel tempio?». La risposta di Tamino è immediata, ingenua, ardita: «Il regno dell’amore e della virtù».
venerdì 2 dicembre 2011 di Federico La Sala
[...] è proprio ripercorrendo la vita intellettuale delle logge viennesi che è possibile recuperare motivazioni ed echi formali altrimenti per noi inafferrabili.
Un’ottima occasione è data dall’edizione italiana di un libro quasi dimenticato di Carl Leonhard Reinhold, I misteri ebraici ovvero la più antica massoneria religiosa. Viennese anch’egli, prima gesuita poi passato al protestantesimo, entrò nel 1783 nella loggia «Alla vera concordia» (Zum wahren Eintracht), alle cui sedute (...)

In risposta a:

> MOZART E MOSE’ ---- E il faraone creò il monoteismo: Jan Assmann, "Il disagio dei monoteismi" (di M. Rizzo)

domenica 13 marzo 2016


E il faraone creò il monoteismo

di Marco Rizzo (Corriere della Sera, La Lettura, 13.03.2016)

Jan Assmann (Lubecca, 1938), è noto per i suoi studi sulla nascita del monoteismo e la violenza da cui esso sarebbe segnato. Nella sua visione, il Dio della rivelazione mosaica è il primo a imporre ai fedeli il divieto di intrattenere rapporti con altre divinità («non avrai altro Dio al di fuori di me»), mentre il politeismo antico, per sua stessa natura, permetteva la comunicazione e lo scambio di dèi tra popolazioni differenti.

In questo senso, Mosé e la Bibbia risultano gli eredi del fallito tentativo di imporre al popolo egiziano il culto esclusivo del dio Sole da parte del faraone Amenofi IV, che per questo motivo cambiò il suo nome in Akhenaton («amato dal Sole»). Viene da qui il titolo del libro più celebre di Assmann, Mosé l’egizio (Adelphi, 2000). Il monoteismo comporta quella che lo studioso tedesco definisce la «distinzione mosaica», ovvero il principio secondo cui a un solo Dio corrisponde una sola verità, che diviene pertanto un criterio di conflitto tra identità diverse. Dalla matrice biblica ed ebraica, il principio monoteistico e le sue implicazioni sono passati prima al cristianesimo e poi all’islam, creando un legame complesso tra religione, politica e violenza.

Compare ora presso Morcelliana una lunga intervista originale, in cui Assmann ripercorre la propria biografia intellettuale e scientifica, mostrando, fin dal titolo scelto, Il disagio dei monoteismi (a cura di Elisabetta Colagrossi, pp. 96, e 11), il legame non pacificato che egli ha intrattenuto con l’oggetto dei suoi studi.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: