Inviare un messaggio

In risposta a:
Giorgio Bocca:"non ho camminato alla cieca, non ho capito tutto, ma i nostri grandi vizi e le nostre umane virtł li ho riconosciuti".

GIORGIO BOCCA: UNA VITA DA PARTIGIANO E DA GIORNALISTA. Il cronista dell’Italia liberata dalla Resistenza al nuovo millennio. Una nota di Fabrizio Ravelli - a c. di Federico La Sala

E’ morto oggi pomeriggio nella sua casa di Milano, dopo una breve malattia, Giorgio Bocca. Il grande giornalista e scrittore era nato a Cuneo il 28 agosto del 1920.
lunedì 26 dicembre 2011 di Federico La Sala
[...] Nell’ultima pagina di "E’ la stampa, bellezza! La mia avventura del giornalismo" consegnava brusco una piccola lezione: "Ecco, la chiarezza come dote regina del giornalismo. Spesso cambiata per faciloneria o irresponsabilitą, ma da cercare sempre, in modo che alla fine del viaggio uno possa dire: non ho camminato alla cieca, non ho capito tutto, ma i nostri grandi vizi e le nostre umane virtł li ho riconosciuti" [...]
4 NOVEMBRE 1966: ITALIA FERITA!!! FIRENZE E’ TRAVOLTA DA UNA (...)

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: