Poster un message

En réponse à :
Zoom

San Giovanni in Fiore, attentato al sindaco : ennesimo appello all’unitÓ civile

vendredi 27 janvier 2012 par Emiliano Morrone
Di recente, San Giovanni in Fiore (Cosenza) ha dimostrato che non Ŕ, come a volte racconta di sÚ, una periferia del Sud arretrata e senza lode. A prescindere da tutto, la comunitÓ locale ha partecipato coesa al dolore delle famiglie dei ragazzi morti a Natale.
Il valore di un popolo sta nella capacitÓ di rispondere unito ai drammi collettivi e, in un secondo tempo, nel dato economico o sociale. Lo abbiamo visto a L’Aquila, distrutta dal terremoto del 6 aprile 2009, e a Bergamo, per il (...)

En réponse à :

> San Giovanni in Fiore, attentato al sindaco : ennesimo appello all’unitÓ civile ---- La mobilitazione per la legalitÓ, a Reggio Emilia.Il Comune invita il giornalista Giovanni Tizian e fa i corsi "anti infiltrazione" ai suoi dipendenti

samedi 14 janvier 2012

Il Comune invita Tizian e fa i corsi "anti infiltrazione" ai suoi dipendenti

La mobilitazione per la legalitÓ

-  Il giornalista Giovanni Tizian sotto scorta per le sue inchieste sulla mafia al Nord

-  L’assessore Corradini : "Insistiamo sulla trasparenza e quindi, d’accordo anche con la Provincia, costruiremo un database di tutte le infiltrazioni mafiose sul nostro territorio" *

Reggio Emilia, 13 gennaio 2012 - Si riaccendono i riflettori sulle infiltrazioni mafiose in Regione e anche a Reggio. Oltre agli innumerevoli episodi di matrice sicuramente criminale, anche se manca la certezza che siano opera di cosche mafiose, nei giorni scorsi Ŕ emersa la notizia che un giornalista precario di Modena, Giovanni Tizian, a seguito di esplicite minacce Ŕ stato messo sotto scorta.

Proprio Tizian Ŕ stato invitato dall’Amministrazione comunale in citta’ per un confronto con le autorita’ istituzionali e cittadine. La proposta arriva dall’assessore alla Sicurezza Franco Corradini che esprime "solidarieta’, sostegno, e vicinanza" al giornalista, invitando a "non sottovalutare e a essere vicini alle persone che sono in prima linea e subiscono minacce perche’ il tentativo chiaro e’ quello di distruggere le loro difese e isolarle". Solidarieta’ a Tizian anche da Libera Reggio che gli e’ "particolarmente vicina", e dalla Cgil che manifesta "la riconoscenza, la vicinanza e l’incoraggiamento di tutti i lavoratori reggiani".

Le iniziative del comune di Reggio per˛ si estendono anche ai propri dipendenti ai quali, sulla base di un nuovo patto con la Regione, Ŕ proposto un corso di formazione (lezioni su ecomafie, corruzione, appalti estorsioni) realizzato in collaborazione con l’associazione Avviso pubblico. Oltre a questo Ŕ prevista la produzione di materiali multimediali e multlingue su legalita’ e rispetto delle regole, e un’indagine sulla diffusione della cultura della legalita’ tra i giovani, cui si accompagnano altre iniziative nelle scuole superiori curate con Libera, associazione Papa Giovanni, e altre associazioni reggiane.

"Questo protocollo- commenta l’assessore comunale a Coesione e Sicurezza sociale Franco Corradini- ci aiuta a divulgare la cultura della legalita’. Punteremo ad una nuova formazione per i funzionari della pubblica amministrazione perche’ avvertiamo l’esigenza di rafforzare e anche cambiare quando e’ necessario anche le normative e avere maggiore consapevolezza di quanto sta accandendo". In piu’, aggiunge l’assessore, "insistiamo sulla trasparenza e quindi, d’accordo anche con la Provincia, costruiremo un database di tutte le infiltrazioni mafiose sul nostro territorio. Sara’ un luogo aperto che tutti i cittadini potranno consultare. Abbiamo bisogno della collaborazione di tutti i cittadini e noi cercheremo di fare al meglio la nostra partre e di guidare le comunita’ verso una legalita’ perche’ questo e’ anche il modo per rispondere alle difficolta’ ecomomiche della crisi".

La formazione, aggiunge Rossella Selmini, responsabile delle politiche per la Sicurezza della Regione,"e’ uno degli strumenti fondamentali per attrezzare meglio le nostre politiche locali e prepararle ad affrontare un rischio nuovo per la nostra regione di cui abbiamo bisogno di conoscere di piu’".

Il rischio, prosegue Selmini, "e’ quello del radicamento : per anni abbiamo parlato di infiltrazione e di tentativi di espansione, sappiamo che questi ci sono stati. Il rischio ora, senza creare dell’allarme, e’ che si radichi in alcuni settori dell’attivita’ economica una presenza criminale e un mercato parallelo a quello legale. Su questo le Regioni e i Comuni possono mettere in campo una serie di azioni preventive sempre in collaborazione con le Agenzie dello Stato, magistratura e polizia, che hanno il compito di intervenire dal punto di vista della repressione".

* IL RESTO DEL CARLINO, 13.01.2012


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :