Inviare un messaggio

In risposta a:
LA SCENA PERDUTA: IMMAGINARIO CATTOLICO IN UNA STORIA ISRAELIANA. Una raffigurazione della “caritas romana”, evocata nel mito di Pero e Cimone e ricordata per allusione nel titolo del mio romanzo: un padre condannato a morire di fame in prigione e salvato dalla pietà della figlia che gli offre il suo latte.

LA CARITA’ SPAGNOLA, LA "CARITAS ROMANA", LA VECCHIA ALLEANZA EDIPICA DELLA MADRE CON IL FIGLIO ("SPOSO" E "PADRE"). Abraham B. Yehoshua sul cammino di Santiago. Un’intervista di Elena Loewenthal - a c. di Federico La Sala

Carità spagnola è il titolo del nuovo romanzo di Abraham B. Yehoshua, uscito in Israele. (...) nell’edizione Einaudi ... La scena perduta, per evocare il mistero di un’assenza, di una lontananza nel tempo e nella mente
martedì 7 febbraio 2012
[...] «Il libro è cattolico solo nella sua cornice, nell’ambientazione - e non nella sostanza. È indubbio che però per me il rapporto tra questa religione e l’arte sia carico di fascino, attrazione - anche e soprattutto perché, all’opposto, l’ebraismo è una fede “avara”, anzi ostile, nei confronti dell’arte. Ho dunque attinto all’immaginario cattolico, innestandolo in una storia secondo me profondamente israeliana» [...]
SAN PAOLO, COSTANTINO, E LA NASCITA DEL CATTOLICESIMO. La (...)

In risposta a:

> LA CARITA’ SPAGNOLA, LA "CARITAS ROMANA", LA VECCHIA ALLEANZA ---- Quella Madonna islamica ci ricorda l’individuo perduto in ogni massacro (di Mauro Covacich)

sabato 11 febbraio 2012

Quella Madonna islamica ci ricorda l’individuo perduto in ogni massacro

di Mauro Covacich (Corriere della Sera, 11.02.2012)

Nella furia insaziabile della guerra ci sono persone che muoiono, dappertutto, in continuazione. Esseri umani che cadono dalla rupe della nostra consolidata e forse inevitabile indifferenza precipitando nel vuoto, dimenticati per sempre. Veniamo aggiornati in tempo reale sul numero delle vittime di ogni conflitto.

Sappiamo dei morti quotidiani in Siria, e anche sugli insorti dello Yemen, volendo cercarle, le notizie non mancano.

Poi però arriva la fotografia, la massa indistinta della materia umana si ritira sullo sfondo e appare l’uomo, quest’uomo. Il suo corpo è raccolto nel grembo di una donna in chador. Importa poco che sia la madre, la zia o la sorella: difficile non pensare a un Cristo appena deposto dalla croce, a una pietà islamica. L’uomo è stato ferito durante le proteste contro il presidente Saleh il 15 ottobre scorso, ha la bocca aperta in cerca d’aria, il volto seminascosto nella stretta della donna, una scritta - forse il suo nome - che taglia di traverso l’avambraccio. Entrambi hanno le braccia infilate nei manici della borsa di lei. Una busta di plastica a scacchi, i cosiddetti effetti personali. Lui ce la farà, eppure dal modo in cui la donna lo stringe al petto cogliamo d’un tratto una cosa che avevamo sempre avuto sotto gli occhi, vediamo ciò che stavamo guardando: a morire è sempre un individuo, un uomo con nome e cognome, fatto della sua storia unica e irripetibile.

Quando veniamo informati sulle cifre della battaglia di oggi dobbiamo ricordare che perdiamo lui, quest’uomo.

Dobbiamo ricordare il dolore di questa madre di Gesù uscita dal Corano. Dobbiamo immaginare una fotografia così per ognuna delle voci dell’enciclopedia dei morti.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: