Poster un message

En réponse à :
Editoriale

Buona Pasqua con profezia

lundi 16 avril 2012 par Emiliano Morrone
Oggi, 8 Aprile 2012, è Pasqua per il calendario cristiano. Per l’Islam è 16 Giumada al-Ula 1433 e, secondo gli ebrei, 16 Nisan 5772. In Iran, invece, è 20 Farvardin 1391.
Una parte del mondo festeggia e i signori del signoraggio prendono i nostri soldi. Le banche ci hanno levato il futuro. In Italia, l’Inps regala le uova di Mastrapasqua. Il sole cala sui Monti Golgota. Bersani somiglia a Pilato. Belsito, il tesoriere, ricorda uno dei ladroni in croce. L’altro avrebbe, spiega un prelato, un (...)

En réponse à :

> Buona Pasqua con profezia --- "Il gran rifiuto" di Ponzio Pilato e il "pellegrinaggio" di Dante Alighieri (di Romano Manescalchi).

mercredi 22 avril 2020

LA FIGURA DI PILATO E IL "PELLEGRINAGGIO" CHE PORTA DANTE A DIVENTARE UN ALTRO CRISTO, A RINASCERE E A RITROVARE L’AMORE CHE MUOVE IL SOLE E LE ALTRE STELLE... *


Il gran rifiuto (Inf. III 59-60)

di Romano Manescalchi (Independent Scholar),
-  Princeton.edu, 8 April 2014.

L’intervento di Lanza sul « gran rifiuto » riapre con grande determinazione la discussione riguardo il personaggio cui Dante si sarebbe riferito, discussione ultimamente sopita generalmente in favore di Celestino V.[1] In buona sostanza, ma in una sintesi necessariamente riduttiva, il Lanza evidenzia che l’atto di Celestino V non apparve riprovevole, se non a pochi estremisti, gli spirituali, che con Ubertino da Casale non ritennero valida l’abdicazione di Celestino, mentre generalmente apparve un atto di responsabilità, tanto che la Chiesa lo fece santo. Dante dagli spirituali rimarcò sempre le distanze ;[2] ed aggiungerei che, per contro, Dante si trovò a lodare chi è capace di rinunciare ad un incarico per non sentirsi all’altezza, favorendo i meritevoli : « Molti rifiutan lo comune incarco » (Purg. vi 133) ; e a condannare quanti son sempre pronti a dire, irresponsabilmente, senza un minimo esame di coscienza « I’ mi sobarco » (ivi, 135).

Ma non intendo riassumere qui le sostanziose ragioni con le quali viene riproposta dal Lanza la candidatura di Ponzio Pilato e confutate le ragioni in favore di altri (Esaù, Celestino V soprattutto, Vieri de Cerchi, Giano della Bella, Giuliano l’Apostata, Romolo Augustolo ecc.), né ci sarebbe qui lo spazio per farlo. Qui vorrei solo aggiungere alcune mie considerazioni che vanno nella stessa direzione.

Innanzitutto una considerazione grammaticale e stilistica : « il gran rifiuto » può intendersi, su base grammaticale, in due modi : « quel gran rifiuto, che tutti conosciamo per averlo direttamente constatato », con « il » semplicemente indicativo ; e la mente, in questo caso, va ad avvenimenti e personaggi recenti : Vieri di Cerchi, Giano della Bella, Celestino V ecc. Ma può intendersi anche « quel gran rifiuto di cui nessun altro è maggiore, il “gran rifiuto” per eccellenza, per definizione, per antonomasia » ;[3] ed alla mente non può ricorrere se non Ponzio Pilato, con « il » che viene ad avere un valore superlativo, “antonomasico”. Ed ora il procedimento di Dante è questo : egli sostituisce i personaggi astratti del poema classico allegorico, semplici e unidimensionali personificazioni - vedi la Psicomachia di Prudenzio - con personaggi tratti dal mondo reale, indifferentemente della storia passata e del mito, o della cronaca dei suoi tempi. E la regola è questa : si sceglie il personaggio che meglio possa rappresentare quel peccato o vizio o virtù, che quel peccato o vizio o virtù lo rappresenti nel modo più eccellente, ne sia quasi la personificazione.
-  E da questo punto di vista Ponzio Pilato non ha rivali nell’indicare chi non si vuol compromettere, chi si ritira da un suo specifico dovere per viltà. Appartiene alle viscere del nostro linguaggio, da cui continuamente riemerge, il dire : « Ti comporti come Ponzio Pilato. Sei un Ponzio Pilato », come si dice « Sei un Giuda », frasi quasi altrettanto comuni come l’altra parallela del « lavarsene le mani », che comunque è ancor più ricorrente nel comune quotidiano parlare e rafforza in pari grado, o forse di più, le nostre argomentazioni. Dante avrebbe potuto trarre il personaggio esemplare dell’ignavo anche dalla cronaca quotidiana, come fa in tanti altri casi, riempiendo tra l’altro l’inferno con i suoi concittadini. Poteva quindi benissimo ricorrere a Celestino V, come a Vieri dei Cerchi o altri. Ma nessuno di questi personaggi può insidiare minimamente la candidatura di Ponzio Pilato, senz’altro il personaggio più rispondente, più adatto, ad incarnare il prototipo dell’ignavo, come gli riconosce senza obiezione alcuna tutta la nostra cultura, a cominciare, come detto, dal quotidiano parlare.

Vediamo ora il problema nell’economia della Commedia, nella cattedrale che anche è la Commedia, sintesi della storia universale dell’umanità in versione biblico-cristiana. Questa storia universale ha il suo punto centrale nella Redenzione della Croce, nella Crocifissione di Gesù. Non conosco racconto della storia della Crocifissione tante volte fatto dai pittori nelle cattedrali appunto, in cui manchino, accanto a Gesù, Pilato e Giuda. Ed ora Dante riconosce ed esalta i “meriti” di Giuda, dedicandogli a perpetua memoria - addirittura “eterna memoria” nel suo caso - un settore dell’inferno, la Giudecca, che appunto prende da lui il nome, dove anche grandeggia la sua statua vivente in una delle bocche di Lucifero (Inf. xxxiv vv. 61-63). Né è un settore qualunque quello a lui dedicato, bensì il più importante, dove è la reggia del sovrano infernale : diciamo che la Giudecca è la city della città infernale. Non penso proprio che Giuda si possa lamentare del trattamento che Dante gli ha riservato.

Ma lamentare si dovrebbe Pilato di cui non ci sarebbe nella Commedia, se gli togliamo di essere l’innominato di Inf. iii 59-60, niente altro che un fuggevole richiamo a Purg. xx 91 e solo per designare con il paragone con lui il sovrano di Francia Filippo IV. Davvero troppo poco. E se così fosse, dopo il tanto da lui fatto con il suo non far nulla, avrebbe ben motivo di rivoltarsi nella tomba contro un Dante tanto ingrato, dal momento che anche grazie a lui il poeta può fare questo pellegrinaggio[4] di redenzione che è la Commedia e guadagnarsi lui stesso il paradiso, grazie proprio a lui che in compenso del bene fatto (col non far nulla) come allo stesso poeta così a tutti i cristiani, dovrà subire pene eterne nell’inferno, pene che il poeta fiorentino non gli avrebbe nemmeno voluto determinare ! E se non è troppo questo !

Dante darebbe a Pilato maggior rilievo a Mon. II xii 5-6 : « Si ergo sub ordinario iudice Christus passus non fuisset, illa pena punitio non fuisset. Et iudex ordinarius esse non poterat nisi supra totum humanum genus iurisdictionem habens, cum totum humanum genus in carne illa Christi “portantis dolores nostros”, ut ait Propheta, puniretur. Et supra totum humanum genus Tiberius Cesar, cuius vicarius erat Pilatus, jurisdictionem non habuisset, nisi Romanum Imperium de iure fuisset. Hinc est quod Herodes, quamvis ignorans quid faceret, sicut et Cayphas cum verum dixit de celesti decreto, Christum Pilato remisit ad iudicandum... », dove il ruolo, comunque ragguardevole, avuto da Pilato è riconosciuto a chiare lettere, come anche a Mon. III xv 5 e ad Ep. V 28.

E dunque tanta importanza, quanto a mio avviso gli spetta, Dante dà a Pilato nella Monarchia, l’opera dantesca più vicina, per tematica e mole, alla Commedia, tanta in una lettera, comunque di molto peso come l’Ep. V indirizzata ai reggenti d’Italia, anche se di dimensioni indiscutibilmente minori ; e non nominerebbe mai Pilato, direttamente, nella Commedia ? A me pare molto, troppo, strano. Il personaggio è onnipresente nell’iconografia cristiana della Crocifissione e sarebbe assente nella Commedia, che è indiscutibilmente il massimo monumento laico della cristianità ! È tanto inaccettabile quanto incomprensibile.
-  Da qualche parte Pilato deve essere anche nella Commedia e se non qui, a Inf. iii 59-60, dove ? Nella storia universale della Chiesa (e dell’umanità) - da intendere in chiave biblico-cristiana - il personaggio di Pilato ha un grande rilievo come gli riconosce tutta l’iconografia e, come anche detto, il linguaggio spicciolo quotidiano. Celestino V e gli altri in questa prospettiva sono irrilevanti. Nel quadro specifico poi della Crocifissione, l’elemento centrale di quella storia universale in versione cristiana ed elemento centrale della Commedia che quella storia universale ha per suo sfondo e, direi, addirittura per suo oggetto, Pilato è un elemento addirittura indispensabile come lo è Giuda. Da qualche parte Dante deve averlo messo e il luogo più giusto è senz’altro tra gli ignavi. E se è tra gli ignavi nessuno gli può togliere - sarebbe una vera usurpazione - il diritto di rappresentare la categoria, che riconosce in lui, per il consenso di tutte le genti (cristiane), il suo massimo rappresentante.

Ci sarebbe anche un parallelismo : l’episodio della Crocifissione inizia con Pilato che, pur riconoscendo Cristo innocente, non fa il suo dovere, piegato dalla pressione della folla. E con Pilato posto nell’Antinferno comincerebbe la “crocifissione” di Dante, che ad una “crocifissione” del proprio ego lo porta il suo “pellegrinaggio” al santuario del Paradiso.[5]

Non mi sfugge che Inf. iii 59 - « vidi e conobbi » - crea delle difficoltà. Osserverei che si deve distinguere tra il “riconoscere” del v. 58, immediatamente precedente ed il “conoscere” del v. 59, volendo certo il poeta distinguere « quelli riconosciuti direttamente e quello che gli fu fatto conoscere da Virgilio » (Lanza, op. cit., p. 85) . Prosegue il Lanza : « Se si vuole un chiaro esempio di conobbi in questo senso, si veda il v. 122 del canto iv (ibidem), ovvero « tra quai conobbi Ettòr ed Enea ». Vedi anche « sopra “riconosce”, qui “conosce”, vede in faccia » D. Mattalia, ad locum.

[1] Cfr. A. Lanza, Uno specchietto per allodole non previsto da Dante : Celestino V (Inf. iii 59-60, SD, lxxviii, 2013, pp. 45-100.

[2] Vd. : « ma non fia da Casal né d’Acquasparta » (Par. xii 124).

[3] L’espressione « per antonomasia » viene usata anche dal Lanza, op. cit. p. 93, ma riferita a Pilato e non all’espressione « gran rifiuto ».

[4] Uso il termine “pellegrinaggio” soprattutto in onore di Vincenzo Barelli, il quale ha dato l’avvio alla interpretazione moderna delle tre fiere come « le tre disposizion che il ciel non vuole », ed è oggi totalmente dimenticato, indegnamente dimenticato visto che la sua scrittura è di alto spessore ; vd. L’allegoria della Divina Commedia di Dante Alighieri / esposta da Vincenzo Barelli, Firenze, Galileiana, 1864, p. 64.

[5] Per questo concetto di “crocifissione” dantesca si tenga presente : « Si quis vult post me venire, abneget semetipsum et tollat crucem suam » ( Matth. XVI 24) ; « Qui autem sunt Christi, carnem suam crucifixerunt, cum vitiis et concupiscentiis » (Ad Galatas v 24) ; « Ego enim per legem, legi mortuus sum, ut Deo vivam ; Christo confixus sum cruci. Vivo autem jam non ego ; vivit vero in me Christus » (Ibidem ii 19-20). È questo il traguardo che Dante deve raggiungere con la Commedia.


* Sul tema, nel sito e in rete, si cfr. :

      • È significativo che l’espressione di Tertulliano : "Il cristiano è un altro Cristo", sia diventata : "Il prete è un altro Cristo"(Albert Rouet, arcivescovo di Poitiers, 2010.)

DANTE ALIGHIERI (1265-1321) !!! LA LINGUA D’AMORE : UNA NUOVA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO. CON MARX E FREUD. Una "ipotesi di rilettura. della DIVINA COMMEDIA"

DANTE, ERNST R. CURTIUS E LA CRISI DELL’EUROPA. Note per una riflessione storiografica

Federico La Sala


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :